Insalata fredda di orzo e farro con tonno, olive e uova di lompo

Insalata fredda di orzo e farro con tonno, olive e uova di lompo

Ingredienti
40 gr a persona di orzo
40 gr a persona di farro
1 manciata di capperi
1 manciata di olive
2 cucchiai di uova di lompo
2 scatolette di tonno
olio

Preparazione
Cuocete separatamente orzo e farro (hanno 2 cotture diverse) in abbondante acqua salata.
In una insalatiera capiente unite orzo, farro, uova di lompo, tonno , olive e capperi condite con olio e servite fredda

I colli Euganei storie e percorsi tra le colline di Venezia Strada del vino Colli Euganei

copertina_colli_tramonto-page-001 I colli Euganei storie e percorsi tra le colline di Venezia Strada del vino Colli Euganei

Ero a Venezia sul Ponte dei Sospiri; un palazzo da un lato, dall’altro una prigione;
vidi il suo profilo emergere dall’acqua come al tocco della bacchetta di un mago. –
George Byron

A Venezia, il 27 febbraio alle ore 10,30 al Caffè Quadri (stella Michelin degli Alajmo – Max tre stelle) la presentazione di “I Colli Euganei – Storie e percorsi tra le colline di Venezia” un libro scritto dalla statunitense Patricia Guy, esperta in vini che collabora con Decanter Spectator, che coglie perfettamente la vocazione enologica di questo territorio, i suoi paesaggi, la schiettezza della sua gente che conserva fin troppo orgogliosamente le proprie origine contadine, le storie dell’imprese agricole e di molte cantine ormai riconosciute internazionalmente con le loro Doc e la rinomata Docg del Fior d’Arancio che sta conquistando con sempre maggior incisività anche i palati più difficili.

Un po’ come è accaduto per Patricia Guy, “wine writers” internazionale, affermata scrittrice e giornalista per le miglior testate internazionali di settore, ha voluto così dedicare attenzione e amore, oltre a mesi di lavoro, per raccontare le sue suggestive esperienze sugli Euganei e con il mondo enologico che lo caratterizza. Con esso, anche la storia e la lunga tradizione enogastronomica di un’area che sembra sollevarsi come un arcipelago nel mare della pianura padana e affascinare anche lo sguardo del più disincantato degli osservatori.

patricia guy“Ho lasciato il Kansas da giovanissima, come ci racconta in una bella intervista, e ho viaggiato per il mondo seguendo cose e avvenimenti che mi affascinavano, come la raccolta dell’uva in Champagne e Bordeaux, studiando degustazione di vini a Londra, lavorando come un sommelier a New York, e degustazione di vino tutor di New York, Londra; poi mi sono trasferita in Italia, a Verona. Ora, italiana per scelta e amore del Veneto, scrivo di vino, dell’Italia, la cultura e libri per riviste e siti web di tutto il mondo. Sono anche l’autore di libri sul vino, tra cui vino con Asian Food, Vini d’Italia e Bacco a Baker Street, Vini d’Italia, Amarone, Grande Rosso di Verona &, Vino con Asian Food.
colli_euganei_teoloPatricia, che, da Verona si sposta sovente a Venezia con il suo canino Stanley diventato un “cane veneziano” come lo definisce, “guarda” la città come tutti gli stranieri che arrivano nel nostro paese, con gli occhi incantati da tanta bellezza, con curiosità, con sapere e cultura, si perde tra Calli, Campi e Campielli, il volo dei piccioni, il Bacaro da Fiore, Ca Dario, sosta al mercato del pesce, osserva i gabbiani, ma Patricia è andata oltre……è affascinata dalla cornice nata da antichi vulcani trasformati in una collana collinare, impareggiabile cornice alle spalle della Laguna di Venezia, diventando il tema della sua fatica letteraria “STORIE E PERCORSI TRA LE COLLINE DI VENEZIA, LA STRADA DEL VINO COLLI EUGANEI”, realizzata grazie al contributo e ai patrocini del Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale, FEASR, Gal Patavino, Regione Veneto, MIPAAF e Strada del Vino Colli Euganei e che sarà presentata in anteprima al Caffè Quadri di Venezia il prossimo 27 febbraio.
Crediti ph: Annamaria Zampieri

 

 

Al piemontese Francesco Versio il premio Giulio Gambelli 2015 come miglior enologo under 35 dell’anno

Al piemontese Francesco Versio il premio Giulio Gambelli 2015 come miglior enologo under 35 dell’anno

L'enologo Francesco Versio con il Premio Gambelli 2015Si è tenuta sabato 21 febbraio a Montalcino, durante Benvenuto Brunello, la cerimonia di consegna del premio Giulio Gambelli. Il riconoscimento, giunto alla sua terza edizione e istituito da ASET (Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana) e da IGP (I Giovani Promettenti, la blog network costituita da Lorenzo Colombo, Roberto Giuliani, Carlo Macchi, Luciano Pignataro e Stefano Tesi), ha premiato quest’anno Francesco Versio, giovane enologo piemontese che ha dimostrato di “saper interpretare al meglio lo spirito e l’eredità di Giulio Gambelli”, ovvero “massimo rispetto della materia prima, della varietà, dell’annata e del territorio”.

Il premio – promosso in collaborazione con i consorzi di Tutela del Chianti Classico, Brunello di Montalcino e Vino Nobile di Montepulciano e con il contributo delle aziende vinicole che hanno avuto Gambelli come amico e maestro (Fattoria di Rodano, Il Colle, Montevertine, Poggio di Sotto, San Donatino, Tenuta di Bibbiano, Tenuta Ormanni) – è stato istituito nel 2012 per onorare la memoria del grande maestro toscano del Sangiovese e viene assegnato ogni anno a un giovane enologo under 35, scelto tra una rosa di “nominati” dai più importanti giornalisti del settore, al termine di una degustazione alla cieca dei vini prodotti dai candidati.

Quest’anno è stato appunto Francesco Versio, enologo dal 2011 dell’azienda “Bruno Giacosa” di Neive (CN) ad aggiudicarsi l’ambito riconoscimento.

La giuria lo ha individuato tra i 16 enologi finalisti sui 46 precedentemente segnalati da un panel composto da 35 giornalisti del settore enogastronomico. Sono stati 46 i vini giunti per la degustazione e sottoposti ai dieci giurati (5 giornalisti Aset e 5 Igp) riunitisi a gennaio scorso nella sede del Consorzio del Brunello di Montalcino.

Ora però si pensa già all’edizione 2016, che come sempre sarà presentatata in occasione del Vinitaly. Importanti le novità annunciate: dal prossimo anno infatti entrerà a far parte del pool anche il Consorzio della Vernaccia di San Gimignano (il cui stand ospiterà la conferenza stampa di presentazione), mentre il regolamento aprirà anche ai soci Aset e ai giornalisti Igp la possibilità di proporre loro candidature. Ma soprattutto dal 2016 saranno gli enologi stessi a potersi autocandidare, come illustrato dal bando di concorso che sarà pubblicato dopo il Vinitaly sul sito www.asettoscana.it.

 

Ufficio Stampa Aset Toscana – Studio Umami
Roberta Perna – pr.enogastronomia@gmail.com –
Marco Ghelfi – ghelfima@gmail.com –

Io Bene – Fiera del Benessere Rezzato (Bs)

Io Bene – Fiera del Benessere Rezzato (Bs)
28 febbraio e 1 marzo 2015
Rassegna di prodotti biologici per il nutrimento del corpo, la mente e l’ambiente

Ad Olio Capitale 2015, nuovo record di presenze delle Città dell’Olio, nonostante l’annata nera

logo_olio capitaleAd Olio Capitale 2015, nuovo record di presenze delle Città dell’Olio, nonostante l’annata nera

Dal 7 al 10 marzo, la più importante fiera specializzata interamente dedicata all’olio extravergine d’oliva organizzata da Aries
Ad Olio Capitale 2015, nuovo record di presenze delle Città dell’Olio, nonostante l’annata nera
Oltre 140 gli espositori, 750 mq occupati. Aumentata del 20% la partecipazione di enti e aziende dei territori olivetati soci dell’Associazione

I dati parlano chiaro: il 2014 sarà ricordato come l’anno nero dell’olio italiano. La produzione che si attesta al di sotto delle 300mila tonnellate di olio prodotte, è crollata del 37% rispetto al 2013 con punte del – 45% in regioni d’eccellenza come l’Umbria e la Toscana a causa di un clima sfavorevole e della mosca olearia.
Una situazione di crisi che ha messo in ginocchio molti produttori ma che non ha spento la voglia di regaire. Lo dimostra la grande partecipazione di produttori delle Città dell’Olio italiane ad Olio Capitale 2015 – il Salone degli oli extra vergine tipici e di qualità organizzato da Aries in collaborazione con l’Associazione nazionale Città dell’Olio – in programma a Trieste dal 7 al 10 marzo presso la Stazione Marittima.
Per l’Associazione nazionale Città dell’Olio, infatti, sarà un’edizione da record. Già nel 2014 la presenza di espositori provenienti dalle Città dell’Olio di tutta Italia era cresciuta significativamente del 10% rispetto all’anno precedente. Quest’anno il trend è ancora più positivo, con una crescita che si attesta intorno al 20%. Sono, infatti, più di 140 gli espositori di questa edizione e 750 i mq occupati dalla Città dell’Olio, ben 100 mq in più rispetto alla precedente edizione. Puglia, Liguria, Basilicata, Sicilia, Campania e Calabria sono le regioni protagoniste della grande fiera che nell’edizione 2014 ha fatto registrare 10.600 visitatori.
“Nonostante la pessima annata gli olivicoltori italiani hanno risposto con entusiasmo al nostro invito a partecipare a questa importante edizione di Olio Capitale per Expo 2015 – ha dichiarato Enrico Lupi – la loro è una reazione di orgoglio che ci sprona a creare sempre più occasioni di promozione alle Città dell’Olio. In un momento così difficile per il comparto dobbiamo continuare ad investire sull’eccellenza e sull’identità dei nostri oli, difendere il mercato dalla contraffazione e tutelare i consumatori”.
“Quest’anno il Salone sarà aperto dall’onorevole Colomba Mongiello, vicepresidente Commissione Anticontraffazione e membro della Commissione Agricoltura, promotrice di una proposta di legge a tutela degli oli d’oliva vergini: un’occasione per fare il punto sulla difficile annata italiana. Da nove anni Olio Capitale richiama a Trieste produttori da tutte le regioni italiane per quella che è diventata una vetrina d’anteprima dell’extra vergine italiano – ha commentato Antonio Paoletti, presidente della Camera di Commercio di Trieste – e il successo della manifestazione organizzata da Aries è il frutto dell’ottima collaborazione con l’Associazione delle Città dell’Olio. Far comprendere l’importanza e il valore di questo prodotto, diffonderne la conoscenza e la cultura tra amatori e semplici consumatori sono nostri obiettivi fondanti che in quest’anno, così delicato, perseguiremo con ancor più cura e attenzione”.
L’Associazione Città dell’Olio si conferma dunque partner strategico di Olio Capitale, la più importante fiera di settore d’Italia che da quest’anno sarà una vetrina prestigiosa non solo per i produttori di olio ma anche per i produttori di eccellenze gastronomiche abbinate all’olio. “Voglio ringraziare i nostri coordinamenti regionali che hanno svolto un lavoro preziosissimo coinvolgendo i produttori locali per garantire una presenza così ampia e così significativa delle Città dell’Olio in fiera. I numeri ci dicono che i tempi sono maturi per immaginare un nuovo futuro per l’olio italiano” conclude Lupi.
Intanto è già cominciata l’assegnazione degli spazi espositivi: la Sicilia, la Puglia e la Basilicata saranno nel Padiglione magazzino 42, la Calabria e la Campania nella Sala Illiria mentre la Liguria nella Sala Nordio. Tutti gli stand della Città dell’Olio saranno contrassegnati dall’olivetta, simbolo dell’Associazione. Grande attesa per l’inaugurazione della fiera alla quale prenderà parte anche una delegazione Re.Co.Med, la rete delle Città dell’Olio del Mediterraneo. Seguiranno cooking show all’interno della scuola di cucina di Emilio Cuk, presidente dell’Associazione Cuochi Trieste e degustazioni negli stand delle Regioni coinvolte.
Associazione nazionale Città dell’Olio
C/o Villa Parigini
Strada di Basciano, 22 – 53035 Monteriggioni (Si)
Tel. 0577 329109 – Fax 0577 326042

Per contatti stampa
Natascia Maesi
+ 39 335 1979414
natascia.maesi@gmail.com

Ufficio stampa Aries – Olio Capitale
Andrea Bulgarelli

 

Torta alle carote

Torta alle carote

Ingredienti
2 bicchieri farina 00
1 bicchiere zucchero di canna
1 bicchiere olio semi di girasole
4 uova
1 bustina di lievito
1 bustina vanillina
4 carote ( tritate)

Preparazione
Mescolate il tutto e mettete in una teglia imburrata in forno per 40 minuti a 180°.

E’ buonissima garantito!!!

Thursday is the new friday

78 (1)Thursday is the new friday

26 febbraio 2015

 

the beach(murazzi)

Ore 20.30:APERICENA

Ore 22.30:PARTY

PISTI from Krakatoa Recording JONNY N’ TRVS

FREE ENTRY (dall’Aperitivo all’Alba)

 

Torta di ananas

IMG_0969Torta di ananas

Ingredienti
6 fettine di ananas sciroppata
380 gr di zucchero
480 gr di farina 00
4 uova
125 gr vasetto di yogurt all’ ananas
80 gr di olio extra vergine di oliva
1 bustina di lievito
1 pizzico di sale

Preparazione
Tagliate l’ananas a pezzetti
Scaldate il forno
In un contenitore unite tutti gli ingredienti , mescolate bene fino ad ottenere un impasto cremoso e omogeneo
Prendete una teglia imburratela e infarinatela e versateci dentro il composto ottenuto.
Cuocete in forno per 45/50 minuti
Fate raffreddare e a piacere spolverizzate con dello zucchero a velo

Ottima anche per Easy Chef

Muffin di primavera alle fragole – Ufficio stampa ORO Saiwa

Muffin di primavera alle fragole - Ufficio stampa ORO Saiwa

Muffin di primavera alle fragole – Ufficio stampa ORO Saiwa

Muffin di primavera alle fragole – Ufficio stampa ORO Saiwa

La parte della decorazione è ideale da fare con i vostri bambini che si divertiranno a infilare ORO Saiwa e fragole sui muffin per creare i loro dolcetti personalizzati.

Ingredienti (per 6 muffin):
ingredienti secchi
160 gr di farina 00 + 1 cucchiaio
2 cucchiaini di lievito per dolci
95 gr di zucchero
5 biscotti ORO Saiwa sbriciolati
Ingredienti liquidi
130 gr di yogurt bianco dolce
30 gr di olio di riso
2 uova
Per decorare
2 fragole
4 ORO Saiwa
1 tazzina di latte
Fragole
125 gr

Preparazione
Mescolate in una ciotola gli ingredienti secchi, ovvero farina, lievito, zucchero e ORO Saiwa sbriciolati.
In un’altra ciotola sbattete le uova e mescolate con lo yogurt e l’olio.
Aggiungete questo composto a quello degli ingredienti secchi.
Separate gli ingredienti liquidi dai secchi, questo è il classico procedimento dei muffin perché abbiano quella consistenza particolare che li differenzia
dalle normali tortine.
Mescolate approssimativamente: non importa se ci saranno residui di farina perché in cottura si amalgamerà il tutto.
Infine, aggiungete all’impasto le fragole tagliate a tocchetti, precedentemente passate in un cucchiaio di farina. Il passaggio nella farina garantisce che le fragole non affondino in cottura.
Riempite 6 pirottini da muffin a ¾ di altezza.
A questo punto passate alla decorazione: dividete le fragole rimaste a spicchi e mettetene un pezzo sulla superficie di ogni muffin.
Tagliate i biscotti in pezzi, intingeteli nel latte e infilateli nei muffin, facendoattenzione a far fuoriuscire la parte frastagliata del biscotto che darà un tocco di originalità ai vostri muffin.
Infornate a 200 gradi per 18 minuti. Passati i primi 5 minuti appoggiate sui muffin della carta di alluminio in modo che i biscotti non brucino.
Le ricette sono visionabili sul blog di Marta Tovaglieri:
www.streghettaincucina.com

Burson-Marsteller
Francesca Mioni
francesca.mioni@bm.com

Paccheri di ricotta con gamberi grigliati su crema di peperoni rossi” – Achille Pirillo Executive Chef del Ristorante Cavolo Nero Bistrot – Cristina

foto paccheri.jpg

Paccheri di ricotta con gamberi grigliati su crema di peperoni rossi”  – Achille Pirillo Executive Chef del Ristorante Cavolo Nero Bistrot – Cristina

Ingredienti
40 paccheri di gragnano
20 gamberoni
2 peperoni rossi

piatto.jpg

Preparazione
Cuocete i paccheri e scolateli al dente. lasciateli raffreddare per 10 minuti. nel frattempo condite e speziate la ricotta con sale e maggiorana q.b.
Riempite i paccheri con la ricotta e metteteli da parte.
lessate i peperoni, scolateli, lasciando da parte un po’ di acqua di cottura. frullateli. mettete i paccheri in forno e i gamberoni sulla griglia per 10 minuti.
passati i 10 minuti con l’aiuto di una spatola adagiate orrizzontalmente i paccheri sistemate i gamberoni a corona sopra i paccheri e la crema di peperoni alle estremità del piatto.
irrorate con olio e aggiungete un po’ di battuto di prezzemolo.

Ristorante Cavolo Nero Bistrot
Via Guelfa, 100
Firenze

 

Torta pere e cioccolato

IMG_1132Torta pere e cioccolato
Ingredienti
160 gr di zucchero
180 gr di cioccolato
180 gr di burro a temperatura ambiente
250 gr di farina
2 uova
1 bustina di lievito
2 pere

Preparazione
Pelare le pele e tagliarle a pezzi
Sciogliete a bagnomaria il cioccolato
Scaldate il forno
In un contenitare impastate tutti gli ingredienti fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo aggiungete le pere mescolate bene
Ungete o oliate la teglia come da vostra abitudine, infarinatela e poi versateci l’impasto
Cuocete in forno per almeno 50 minuti (dipende poi dal forno) fate la prova dello stuzzicadente (tenetelo in forno fino a che la pasta non si attaccherà allo stuzzicadente)

Torta salata erbette salsiccia e fontina

Torta salata erbette salsiccia e fontina

Ingredienti
150 gr salsiccia
1 busta di erbette
150 gr di fontina
1 manciata parmigiano
Burro
1 rotolo di pasta sfoglia

Preparazione
Lavate le erbette e lessatele
Tagliate la salsiccia(a piacere eliminate il budello) e salatatela in padella (o grigliatela)
Strizzate le erbette e saltatele in padella con un noce di burro, dopo qualche minuto aggiungete il parmigiano
Adagiate la sfoglia nella teglia(utilizzando la carta che la contiene)e srotolatela
Sul fondo della sfoglia mettete la fontina tagliata a pezzetti e la salsiccia
Ricoprite tutta la torta con le erbette risvoltate verso l’interno i bordi della pasta sfoglia e cuocete in forno fino a che la soglia non si sarà dorata

Torta pere e cioccolato

IMG_1088Torta pere e cioccolato

Ingredienti
250 gr di farina
2 uova
100 gr di cioccolato fondente
160 gr di burro
2 uova
2 grosse pesche belle mature
1 bustina di lievito
160 gr di zucchero

Preparazione
Lavate e sbucciate le pere
Tagliatele a pezzetti.
Impastate tutti gli ingredienti, aggiungete le pere mescolate bene fino ad ottenere un impasto omogeneo
Imburrate o oliate la teglia, infarinatela
Cuocete in forno caldo per 45/50 minuti
A piacere spolverizzate con zucchero a velo

Ottima ricetta anche da usare per Easy chef

Laboratori per i bambini

18.01b - Museo del Parmigiano - DidatticaLaboratori per i bambini

Nel mese di marzo i Musei del Cibo propongono per i bambini e le famiglie “Al museo con gusto”: i prodotti tipici del nostro territorio, fatti “a regola d’arte” e conosciuti in tutto il mondo, saranno i veri protagonisti dei laboratori, per la riapertura dei Musei. Scienza e natura in un mix di giochi scientifici, esperimenti, visite accompagnate e curiosità. I laboratori, a ingresso gratuito per i bambini e per un (1) accompagnatore adulto, si tengono sabato 7 marzo, ore 15,30 al Museo del Salame; domenica 8 marzo, ore 15,30 al Museo del Pomodoro; domenica 15 marzo, ore 15,30 al Museo del Prosciutto. È necessaria la prenotazione al Parma Point al numero 0521/931800.

Musei del cibo della provincia di Parma
Piazzale della Pace, 1 – 43121 Parma Tel.: +39.0521.821139 / +39.333.2362839 Fax: +39.0521.931881

Il Parmigiano Reggiano alla tavola dei Farnese

ImmagineDomenica 1 marzo al Museo del Parmigiano-Reggiano a Soragna – ore 11,00: “Il Parmigiano Reggiano alla tavola dei Farnese”. Ingresso libero per tutti.

Il 7 agosto 1612 il notaio della Camera ducale stilava un atto in cui si affermava che poteva definirsi formaggio di Parma solo quello prodotto in una lista ben definita di località del Ducato. Tale data segna l’inizio della storia della Denominazione d’Origine, oggi riconosciuta in sede europea.

Ne parlano: Giancarlo Gonizzi, Coordinatore dei Musei del Cibo; Andrea Zanlari, Presidente Camera di Commercio di Parma; Mario Zannoni, Curatore del Museo del Parmigiano Reggiano;Michele Berini, Direttore sede di Parma del Consorzio del Parmigiano Reggiano; Domenico Vera, Curatore della collana “Storia di Parma”; Giuseppe Bertini, curatore del volume “Il ducato farnesiano”; Maurizio Dodi, MUP Editore.
Musei del cibo della provincia di Parma
Piazzale della Pace, 1 – 43121 Parma Tel.: +39.0521.821139 / +39.333.2362839 Fax: +39.0521.931881

Tutti i sapori (e i colori) del giallo a Mangia come scrivi

Simoni_Omicidio senza colpaTutti i sapori (e i colori) del giallo a Mangia come scrivi

Giovedì 26 febbraio ospiti della rassegna gastronomica e letteraria al Ristorante Il Garibaldi gli scrittori Paolo Roversi, Gianni Simoni, Romano De Marco

CANTU’ (Como) – Tutti i colori e i sapori del giallo. E’ all’insegna di uno dei generi letterari più amati l’appuntamento di febbraio, a Cantù (Como), con la rassegna Mangia come scrivi.

La tradizionale cena mensile organizzata e condotta dal giornalista Gianluigi Negri si terrà GIOVEDI’ 26 FEBBRAIO, al Ristorante Il Garibaldi, nella piazza centrale della città brianzola, ed avrà come titolo“Milano criminale”.

I protagonisti annunciati sono gli scrittori Paolo RoversiGianni Simoni e Romano De roversi - solo il tempo di morireMarco. Come avviene solitamente a Mangia come scrivi, nessuno degli autori, nel corso della serata (inizio alle 20.30;info e prenotazioni allo 031 704915), parlerà direttamente di sé o dei propri libri: tra le varie pause del menu, Simoni presenterà e leggerà un brano di Roversi, successivamente Roversi presenterà e leggerà un brano di De Marco, in chiusura De Marco presenterà e leggerà un brano di Simoni.

Gli chef del Garibaldi, oltre ad aver pensato a un menu nel quale il colore predominante sarà il giallo, abbineranno alle quattro portate previste (dall’antipasto al dolce) i vini selezionati da Alfonso Galvano di “Vineggiando” (Cantù). Da segnalare, tra i quattro piatti, degli gnocchetti gialli con salsa al gorgonzola Castelli “Marca Oro” e noci e, come secondo, una speciale luganega servita su crema di mais con funghi porcini.

Ciascuno degli autori sarà presente con i propri ultimi libri, che il pubblico potrà acquistare e farsi autografare.

de marco - io la troveròRoversi, direttore del Festival NebbiaGialla di Suzzara, reduce dal successo di “Milano criminale” (Rizzoli, 2011), gli ha appena dato un seguito: “Solo il tempo di morire” è uscito il 12 febbraio per Marsilio.

 Simoni, a fine gennaio, ha dato alle stampe per TEA “Omicidio senza colpa”: il “Simenon padano”, ex magistrato, firma la quinta indagine milanese del commissario Andrea Lucchesi, fortunata serie che Simoni alterna a quella, ambientata a Brescia, dedicata ai casi dell’ex giudice Petri e del commissario Miceli, di cui finora sono usciti otto titoli.

De Marco, con “Io la troverò”, finalista al Premio Scerbanenco lo scorso dicembre, ha inaugurato per Feltrinelli (collana Fox Crime) la serie “Nero a Milano”. La critica lo ha definito “il nuovo maestro del noir italiano” e, nel suo romanzo, ambientato in una Milano gelida e cupa, De Marco affida una pericolosa indagine a Marco Tanzi, un tempo il miglior poliziotto della città, da anni costretto a vivere come un clochard.

Il successivo Mangia come scrivi in Brianza si terrà giovedì 26 marzo: le protagoniste della serata“Gustose passioni” saranno Ketty Magni, Loredana Limone e Paola Cereda.

Tourisma Salone internazionale dell’archeologia..archeologia e non solo

Tourisma Salone internazionale dell’archeologia
Palazzo dei Congressi, dal 20/02/2015 al 22/02/2015
Un momento straordinario di esposizione e confronto dedicato alle testimonianze del mondo antico, un lungo viaggio nella storia, un evento fra passato e presente.
Si inaugura il 20 febbraio il Salone internazionale dedicato a tutte le realtà culturali ed economiche nel settore archeologico, artistico e monumentale dove sono previsti oltre 2.000 partecipanti

Sarà il ministro DARIO FRANCESCHINI ad intervenire a “TourismA 2015” sabato 21 febbraio mattina nell’ambito del convegno “Pompei Il Grande Progetto”. Il convegno farà il punto sulla situazione di fatto nell’area archeologica più famosa del mondo, indicando le strategie per una tutela concreta e valida nel tempo. Insieme al Ministro porterà la sua testimonianza di grande divulgatore scientifico ALBERTO ANGELA, ripercorrendo gli ultimi momenti della città vesuviana. Un salto indietro nel tempo per imparare a vivere, o meglio sopravvivere, alla maniera dei preistorici. Tutto questo sarà possibile dal 20 al 22 febbraio (ore 10-18) al Palazzo dei Congressi di Firenze nell’ambito di TourismA, il Primo Salone Internazionale dell’Archeologia organizzato dalla rivista “Archeologia Viva” (Giunti Editore). Un’iniziativa che che fa parte del progetto della regione 2015 Anno dell’Archeologia in Toscana, volto a promuovere il patrimonio archeologico delle nostre zone e rendere la Toscana meta di specialisti ed appassionati del settore ma anche di accostare le famiglie ad una tradizione culturale viva e capace di divertire oltre che insegnare. L’archeologia diventa cosí una festa per tutti, con un occhio rivolto anche ai piú piccoli.
Archeologia e non solo…….uno dei punti di ristoro accreditati ad ospitare i partecipanti del convegno è stato scelto il ristorante Cavolo Nero Bistrot dove lo chef/patron Achille Pirillo porterà per mano gli ospiti ad intraprendere un lungo viaggio nelle bontà della cucina toscana, i suoi vini del Chianti, l’olio toscano, il pane, i fagioli, la pappa al pomodoro, i cantucci di Prato, lo zimino, l’orata con la verdura croccante, la ribollita…. confermando così che la migliore ospitalità che Firenze può dare ai suoi ospiti arrivati da tutto il mondo è anche la cucina!

Press :Cristina Vannuzzi Landini
Cavolo Nero Bistrot
Firenze, Via Guelfa, 100
Telefono: 055496433

Serata spumeggiante …come le bollicine!!!

BOLLICINE

Serata spumeggiante …come le bollicine!!!

Nuovo appuntamento Venerdi 20 Febbraio per il Bollicine@CollegeHouse
Prosecco, Champagne, Franciacorta, accompagnati da ottimi piatti a base di caviale, formaggi, marmellate, salumi, salmone……

Eventi di incontri e confronti, sapori dove la chef Caterina Quercioli riesce a coniugare inventiva e fantasia in un palinsesto che si rinnova, settimana dopo settimana, per una serata in cui l’ospitalità è l’espressione migliore di una delle più nobili caratteristiche innate dell’essere umano, l’amore per la convivialità bagnata dallo Champagne al flute, Franciacorta e bollicine dal metodo classico al metodo charmat..

Tommaso Panerai e Daniele Cicalini, i giovani imprenditori ideatori del College House, il nuovo punto d’incontro più trendy di Firenze, situato tra il nuovo Polo Universitario e il Palazzo di Giustizia, orgogliosi del loro locale, appena inaugurato da soli 3 mesi, sempre pieno di giovani, allegre feste di laurea e non solo….. College House è vetrina sulle tendenze al di là dei confini italiani. Per essere sempre up-to-date circa il mondo sempre in fermento del food, ogni settimana un tema diverso, il giro del mondo di abbinamenti food and beverage, direttore della sinfonia di sapori la chef Caterina Quercioli, che ottiene il successo di un piatto in cui incentra il sottile equilibrio tra aromi e colori, sapori e trasformazioni originali e creative.