Aceto balsamico , Lambrusco, Prosciutto di Modena e Parmigiano reggiano Tutto il “Buono” di Modena incontra il “Bello”dell’arte e della storia del territorio sabato 1 e domenica 2 ottobre in occasione del GUSTI.A.MO16

Aceto balsamico , Lambrusco, Prosciutto di Modena e Parmigiano reggiano Tutto il “Buono” di Modena incontra il “Bello”dell’arte e della storia del territorio sabato 1 e domenica 2 ottobre in occasione del GUSTI.A.MO16

Un programma denso di appuntamenti con il gusto e con l’arte: sabato 1 e domenica 2 ottobre a Modena e Provincia sarà festa grande per la prima edizione di Gusti.a.Mo16, la manifestazione organizzata da Piacere Modena in collaborazione con i Consorzi di cinque eccellenze del territorio conosciute ed apprezzate in tutto il mondo come Aceto Balsamico di Modena IGP, Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP, Parmigiano Reggiano DOP, Prosciutto di Modena DOP e i Lambruschi modenesi DOC e patrocinata da Comune e Provincia di Modena, Regione Emilia Romagna e CCIAA di Modena.

Per tutti e due i giorni, 54 strutture aperte – di cui 35 acetaie, 8 caseifici, 4 prosciuttifici e 7 cantine di Lambrusco – per promuovere e valorizzare i rispettivi prodotti nelle loro terre di origine, associando alle degustazioni libere e guidate anche visite presso gli stabilimenti di produzione e cenni storici dell’attività sul territorio. Sabato 1 e domenica 2 ottobre, nelle 35 acetaie si potranno effettuare visite guidate, degustazioni, passeggiate nei vigneti, dimostrazioni di pigiatura dell’uva e cottura del mosto, stuzzichini balsamici, aperitivi ma anche intrattenimento musicale, street food modenese, visite al Museo di Spilamberto – compresa Acetaia Comunale e Consorteria – e nei luoghi intorno alle attività, tra cui l’Abbazia di Nonantola, i Salse di Nirano, il Castello di Spezzano o il Museo Ferrari. Visite guidate sono altresì in programma al centro storico di Modena, con particolare attenzione al Sito Unesco che comprende il Duomo, la Torre Civica e Piazza Grande. Visite guidate in azienda, degustazioni guidate e libere anche nelle 7 cantine di produzione dei Lambruschi Modenesi DOC, che saranno presentati in tale occasione al pubblico e disponibili per l’acquisto direttamente in loco. Stesso programma con degustazioni e visite degli ambienti di produzione nei 4 prosciuttifici in cui viene lavorato il Prosciutto di Modena DOP, acquistabile direttamente in azienda anche a tranci e negli 8 caseifici del Parmigiano Reggiano, dislocati non solo nella provincia di Modena ma in tutte le provincie di produzione.

Sabato sarà anche la giornata del talk show alla Camera di Commercio su Cibo, cultura, territorio: la grande differenza Italiana, organizzato da Piacere Modena e in programma per le 10.30. L’incontro vedrà tra i protagonisti insieme alle istituzioni del territorio e al Presidente di Piacere Modena Pierluigi Sciolette, anche lo chef Luca Marchini altresì Presidente di Modena a Tavola, il filosofo Marino Niola, il regista Davide Rampello – uno dei maggiori innovatori del linguaggio televisivo dagli anni ’80 ad oggi e altresì ideatore del Padiglione Zero ad Expo e curatore della rubrica “Paesi, paesaggi” dedicata alle eccellenze paesaggistiche ed alimentari d’Italia nella trasmissione Striscia la Notizia – il Direttore della Fondazione Qualivita e consigliere del Ministro Martina per le politiche digitali per la tutela del Made in Italy agroalimentare oltre che collaboratore ed ospite alla trasmissione Rai Linea Verde Mauro Rosati e il giornalista sportivo Leo Turrini, massimo esperto della Ferrari, altra eccellenza del territorio modenese. A condurre il talk show sarà Federico Desimoni, Direttore del Consorzio di Tutela Aceto Balsamico di Modena IGP.

A chiudere in bellezza la prima giornata di Gusti.a.Mo16 la degustazione narrativa sensoriale a cura della compagnia teatrale Koiné alle ore 16 al Mercato Albinelli, che comprenderà tutte le eccellenze coinvolte nell’evento: Aceto Balsamico di Modena IGP, Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP, Parmigiano Reggiano DOP, Prosciutto di Modena DOP e i Lambruschi modenesi DOC. A seguire, alle 17.30, un aperitivo in musica con l’accompagnamento di Max Marmiroli e Follon Brown e una seduta estemporanea di pittura con l’artista Franco Ori. Da non perdere infine alle 18 il cooking show dello chef Daniele Reponi, che realizzerà esclusivi panini gourmet con i prodotti di Gusti.a.Mo16.
Ufficio Stampa Consorzio di Tutela Aceto Balsamico di Modena IGP
Marte Comunicazione snc di Marzia Morganti Tempestini & C. cell. 335 6130800 Email: marzia.morganti@gmail.com; www.consorziobalsamico.it

Ufficio Stampa IVSI Consorzio Prosciutto di Modena
Tiziana Formisano tel. 02 8925901 Email: formisano@ivsi.it; www.consorzioprosciuttomodena.it

Ufficio Stampa e Relazioni Esterne Consorzio del Formaggio Parmigiano Reggiano
Igino Morini cell. 3356522327 Email: morini@parmigianoreggiano.it; www.parmigianoreggiano.it

Biscotti cioccolato e mandorle

Biscotti cioccolato e mandorle

Ingredienti
500 gr di farina di tipo “00”
500 gr di cioccolato fondente
550 gr di mandorle (già sgusciate)
200 gr di burro
180 gr di zucchero
2 uova
1 fialetta di aroma alle mandorle
1 pizzico di sale

Preparazione
Preriscaldate il forno a 180° C.
Tritate le mandorle.
Setacciate la farina.
Sciogliete il burro a temperatura ambiente.
In una terrina unite farina, uova, sale, zucchero, burro, 50 gr di mandorle, l’aroma alle mandorle impastate fino ad ottenere un impasto omogeneo.
Realizzate i biscotti utilizzando le formine.
Preparate la teglia come da vostra abitudine imburrandola o infarinandola o foderandola con carta forno.
Mettete i biscotti nella teglia ad una certa distanza l’uno dall’altro.
Cuocete a 180° C per 15 minuti.
Sfornate i biscotti, lasciateli raffreddare.
Sciogliete il cioccolato a bagnomaria.
Ricoprite i biscotti con il cioccolato.
Passate i biscotti nella granella di mandorle.

Filippo Cogliandro al Salone del Gusto

caciocavallo area GrecanicaFilippo Cogliandro al Salone del Gusto
Slow Food Terra Madre
incontra il Presidente della Repubblica Sergio Matterella
Un pane Jermano di Canolo ha accolto il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che ha aperto la seconda giornata di Terra Madre – Salone del Gusto, nello stand “Regione Calabria”. Una bellissima esperienza, perché, grazie allo Slow Food dell’area grecanica di Reggio Calabria e allo chef Filippo Cogliandro, tutto il mondo ha conosciuto il caciocavallo di Ciminá e il Bergamotto.
Il Presidente Mattarella, accompagnato dal fondatore di Slow Food Carlo Petrini, dal Ministro alle Politiche Agricole Maurizio Martina, dal sindaco di Torino Chiara Appendino e dal Presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino, ha incontrato la rappresentanza calabrese di Slow food e il suo presidente, Nicola Fiorita, oltre allo chef Filippo Cogliandro per il quale ha avuto parole di apprezzamento per il suo progetto itinerante de “Le Cene della Legalità”, il suo impegno quotidiano a combattere la mafia.
PROFONDO FOOD, lo stand della Calabria, un viaggio alla scoperta delle eccellenze calabresi con Filippo Cogliandro che ha cucinato il Caciocavallo di Ciminà, seguito poi da una degustazione del caffè alla liquirizia, per poi proseguire con il laboratorio del gusto e degustazione del pane di Canolo.

E’ stata emblematica l’offerta di Slow Food Calabria del pane jermano di Canolo al Presidente Mattarella, un prodotto che rappresenta l’essenza della produttività femminile calabrese, per dare, insieme alla presenza dello chef Filippo Cogliandro, l’immagine di una Calabria nuova, legale, libera da vincoli di mafia, positiva, capace di ascoltare e, allo stesso tempo, di proporre soluzioni e progetti.
Canolo, un paesino di 800 abitanti tra mare e monti in provincia di Reggio Calabria, dove nasce il pane jermano, nome dialettale che indica la segale, che per la sua storia, il suo gusto intenso e la preparazione a km 0 è considerato un’eccellenza della gastronomia italiana, diventando dunque un testimone degli antichi mestieri di una volta.

Infatti, spira un vento nuovo per la nuova generazione calabrese, impegnata, uomini e donne, a promuove l’immagine dei prodotti e del territorio, non solo dal punto di vista gastronomico, ma anche e soprattutto, culturale e antropologico, con la volontà di riscoprire e riproporre le antiche tradizioni culinarie, utilizzando i prodotti con i metodi di una volta, rendendoli così unici nel loro genere.

Press: cristina vannuzzi

San Lazzaro Oktoberfest non la solita festa della birra

OKTOBER LOCANDINA (1200 x 1693)San Lazzaro Oktoberfest non la solita festa della birra

Dal 6 al 16 ottobre 2016
Piazza Bracci – San Lazzaro di Savena (BO)

Nel cuore di San Lazzaro dieci giorni per ricreare
l’atmosfera e i sapori dell’autentica festa bavarese!
Accompagnati da concerti e spettacoli a ingresso gratuito,
spazio giochi e menu per i più piccoli.
Conto alla rovescia cominciato per la prima edizione della SAN LAZZARO OKTOBERFEST, che DAL 6 AL 16 OTTOBRE (tutti i giorni a partire dalle ore 17, i sabati e le domeniche dalle ore 12) porterà in Piazza Bracci, nel cuore di San Lazzaro di Savena (BO), tutti i sapori dell’autentica cucina bavarese, musica e spettacoli e uno spazio giochi per i più piccoli.
Ispirata al tradizionale appuntamento che ogni anno ospita a Monaco di Baviera migliaia di persone, SAN LAZZARO OKTOBERFEST non proporrà la solita festa della birra: sarà un grande evento di piazza che, pur restando tappa obbligata per gli appassionati della vera tradizione birro-culinaria bavarese, vuole rivolgersi ad un pubblico trasversale fatto anche di famiglie e piccini.
san_lazzaro_logoRicchissimo il calendario di concerti e spettacoli, dieci serate a ingresso gratuito che vedranno alternarsi sul palco affermate band del bolognese e non, artisti come il comico Duilio Pizzocchi con i suoi storici e pittoreschi personaggi, l’Oktoberfest Music Contest in collaborazione con l’Associazione Lab-end di San Lazzaro, dedicato a giovani gruppi emergenti e ancora immancabili esibizioni di musiche e balli bavaresi. Il tutto da godere nella grande tensostruttura che coprirà Piazza Bracci.
L’area birre proporrà un’ampia selezione di stili e tipologie, su tutti la “Paulaner Oktoberfest” protagonista indiscussa di questo periodo, mentre la cucina incentrerà la sua gustosa offerta su grandi classici come wurstel, stinco di maiale al forno, spätzle di spinaci con panna e speck, brezel e tanto altro ancora, compreso un “menu bimbi”.
Importante anche la collaborazione con l’Associazione Bimbo Tu di San Lazzaro, dal 2007 attiva nel sostegno dei piccoli colpiti da gravi malattie e delle loro famiglie, che animerà uno “spazio bimbi” interno alla festa con raccolta di fondi per i suoi progetti.
L’evento è organizzato da Ein Prosit (www.facebook.com/prositbologna/?fref=ts), locale di stampo bavarese da sempre punto di riferimento nel panorama di Bologna, La Frasca On The Road (www.facebook.com/lafrascaontheroad/), versione itinerante della storica osteria di Via Andrea Costa Bologna e Studio Umami (www.studioumami.com), agenzia operante nell’ambito della comunicazione ed organizzazione eventi, con il patrocinio del Comune di San Lazzaro di Savena.
Apertura: tutti i giorni dalle 17 all’1, sabato e domenica dalle 12 all’1
Concerti e spettacoli a ingresso gratuito
FB: https://www.facebook.com/sanlazzarooktoberfest/?fref=ts

 

Mangiacinema, sta per arrivare la settimana più golosa dell’anno

6ecbf2bd-0a33-4100-ad97-54baf8be5b37Mangiacinema, sta per arrivare la settimana più golosa dell’anno
Dal 28 settembre al 5 ottobre a Salsomaggiore Terme

tanti imperdibili appuntamenti da gustare

SALSOMAGGIORE (Parma) – Da Enrico Vanzina a Elio Pandolfi, da Mogol a Enrico Vaime, da Andy Luotto a Massimo Spigaroli, da Daniele Persegani a Leo Ortolani. Sono solo alcuni dei nomi del cast di Mangiacinema 2016 – Festa del Cibo d’autore e del Cinema goloso, in programma a Salsomaggiore Terme da mercoledì 28 settembre a mercoledì 5 ottobre. Sarà una settimana stuzzicante e imperdibile, tra degustazioni gratuite, proiezioni appetitose, incontri con artisti del Gusto e dello Spettacolo, show cooking, laboratori “Crea & Gusta”, visite guidate, cene e aperitivi.

La terza edizione del Festival diretto dal giornalista Gianluigi Negri, sostenuta da Intesa Sanpaolo, è dedicata a Alberto Sordi, dopo quella dello scorso anno dedicata a Totò e quella del 2014 a Ugo Tognazzi.

Attori, registi, intellettuali, scrittori, artisti, chef, giornalisti: a Mangiacinema la cultura del cibo diventa intrattenimento e spettacolo per tutti. Una festa per gli occhi, una festa per il palato. E una ricetta perfetta: il pubblico, insieme alle star del Gusto e dello Spettacolo, è protagonista di assaggi unici e invitanti, alla scoperta della bontà, genuinità e ricchezza dell’enogastronomia Made in Salso e italiana.

Tra gli eventi clou, la cena di gala di giovedì 29 settembre al Grand Hotel Porro, che avrà come protagonisti “tre tenori” della cucina italiana: Luotto, Persegani e Edoardo Craviari (della Porchetta di Salsomaggiore) animeranno la serata con spettacolari show cooking. Luotto firmerà una speciale amatriciana solidale (con offerte libere che verranno raccolte e devolute alle popolazioni terremotate), Persegani un piatto a sorpresa, Craviari il piatto Mangiacinema 2016. Info e prenotazioni: 340 0702050.

Buona visione e buon appetito.
E, come ogni anno, #guardagustagodi

Contatti:
Ufficio stampa – Tel. 347 6961251

Volterragusto tartufo bianco ed eccellenze del territorio inaugurano a Volterra l’autunno del gusto toscano

TARTUFO VOLTERRA2Volterragusto tartufo bianco ed eccellenze del territorio inaugurano a Volterra l’autunno del gusto toscano

Fra le tante novità in calendario una gara ciclistica fra i vigneti del volterrano,
la “Notte del bianco” con degustazioni all’interno dei musei cittadini
e visite guidate alle tartufaie della zona.

Ai programmi televisivi RAI “A conti fatti” e “Gustosa Estate”
il prestigioso Premio Letterario Jarro

Sabato 22 e domenica 23 ottobre, e ancora da sabato 29 ottobre a martedì 1 novembre (ore 10-20) si rinnova l’appuntamento con VOLTERRAGUSTO (www.volterragusto.com), manifestazione ormai da anni punto di riferimento nella promozione delle eccellenze enogastronomiche toscane.

Corsa caci VOLTERRAGUSTOProtagonista presso le Logge del Palazzo Pretorio in Piazza dei Priori sarà come sempre la XIX MOSTRA MERCATO DEL TARTUFO BIANCO, che renderà possibile conoscere uno dei prodotti più pregiati del volterrano. Accanto al tartufo bianco l’ormai immancabile corredo di specialità del territorio e non solo, tra vino, olio, formaggio, salumi e cioccolato raccontati da chi li produce.

A celebrare il matrimonio fra specialità agroalimentari e bellezze architettoniche, suggellando un connubio che farà cornice degli spazi espositivi alcuni degli scorci più suggestivi della città, anche iniziative come: GUSTI NOSTRANI, tuffo nei sapori della Filiera Corta del Volterrano nel bellissimo Chiostro della Pinacoteca Civica di Palazzo Minucci Solaini; l’area CIOCCOLATO E DOLCI nella Saletta Via Turazza; lo SPAZIO DEGUSTAZIONI allestito nelle storiche cantine di Palazzo Viti.

Fra le novità di questa edizione “DI VIGNA IN VIGNA”, escursione ciclistica amatoriale tra i vigneti di Volterra in collaborazione con l’associazione Volterra Bike (domenica 23 ottobre); la NOTTE DEL BIANCO, con degustazioni a ingresso gratuito all’interno del Museo Guarnacci, della Pinacoteca Civica e di Palazzo dei Priori, che ospiterà anche la mostra dell’artista Fabio Calvetti (domenica 30 ottobre dalle ore 21,30 alle ore 24,00); le VISITE IN TARTUFAIA in compagnia dai tartufai volterrani (domenica 30 ottobre e martedì 1 novembre – prenotazione c/o l’ufficio turistico di Volterra 0588.86099).

E ancora divertimenti iniziative per tutta la famiglia come l’esibizione in Piazza dei Priori del GRUPPO STORICO, SBANDIERATORI E MUSICI CITTÀ DI VOLTERRA (martedì 1 novembre, ore 15.30) e l’attesissimo PALIO DEI CACI VOLTERRANI (domenica 23 ottobre, ore 15.30), sfida inserita nell’albo regionale delle “rievocazioni storiche” organizzata in collaborazione con il Comitato delle Contrade Città di Volterra e l’Associazione Pecorino delle Balze Volterrane e lungo il percorso di Via Franceschini una forma di formaggio nel minor tempo possibile.

Momento fra i più attesi della manifestazione la consegna del PREMIO LETTERARIO JARRO (domenica 30 ottobre, ore 18, Sala del Maggior Consiglio di Palazzo dei Priori), destinato a chi in ambito professionale si sia distinto nella divulgazione della cultura della buona tavola: a riceverlo quest’anno le trasmissioni RAI “A CONTI FATTI” e “GUSTOSA ESTATE” (rubrica di approfondimento di Uno Mattina Estate), con presenza di presentatori ed autori. Ospite d’onore RUBINA RUVINI, vincitrice del “Premio Giovane Jarro” 2016.

Il tutto sarà preceduto dal primo PREMIO IL TARTUFAIO, riconoscimento da parte dell’associazione Tartufai al tartufaio più longevo, e dalla presentazione del libro “Val di Cecina, storie, colors, tastes” di Claudio Mollo.

In calendario si segnalano anche la mostra fotografica “MEDIOEVALI PER UN GIORNO” a cura di Dante Ghilli, allestita presso gli Scantinati della Pinacoteca, e quella di pittura “INITIUM” – DAL SOGNO ALLA REALTÀ”, di Giovanni Cecchini per il Movimento Shalom ONLUS, con raccolta fondi a sostegno delle popolazioni terremotate del Centro Italia (vernissage domenica 30 ottobre con degustazione di prodotti tipici)

Insomma, davvero tanti motivi per trascorrere giorni di piacere e relax all’insegna dei sapori di uno dei territori più ricchi di Toscana avvolti in una cornice unica come solo Volterra è in grado di regalare. Per aggiornamenti ed informazioni relative al programma sarà sempre possibile consultare il sito www.volterragusto.com (mail: infovolterragusto@gmail.com), o contattare il Consorzio Turistico “Volterra, Valdicecina,” allo 0588-86099 (mail: info@volterratur.it). FB: https://www.facebook.com/VOLTERRAGUSTO/?fref=ts

VOLTERRAGUSTO è un evento organizzato da Associazione Tartufai dell’Alta Vali Cecina e Comune di Volterra in collaborazione con la Regione Toscana (contributo della LR 50/95), la Fondazione e Cassa di Risparmio di Volterra, la Camera di Commercio Pisa, la Fisar – Delegazione storica di Volterra, il Club Unesco Volterra, l’Associazione Pecorino delle Balze Volterrane, l’Ufficio Turistico Comunale, la Pro-Volterra, Slow Food, il Comitato delle Contrade città di Volterra, l’Associazione Vignaioli Volterra, GF GIAN e altre associazioni cittadine.

Ufficio stampa
Marco Ghelfi – Studio Umami

Mogol ospite d’onore della festa finale di Mangiacinema

ef62428f-afc6-4fe4-b1fb-590980bb4e05Mogol ospite d’onore della festa finale di Mangiacinema
Il Maestro della canzone italiana a Salsomaggiore Terme il 5 ottobre

Il suo mestiere è vivere la vita. Lo ha fatto (e lo fa) con le sue oltre 1.500 canzoni pubblicate. Se c’è un poeta ed un creatore di sogni nel mondo della musica, non ci sono dubbi: il suo nome è Mogol. Giulio Rapetti Mogol è l’ospite d’onore della giornata di chiusura di Mangiacinema, diretto dal giornalista Gianluigi Negri, che si terrà a Salsomaggiore Terme dal 25 settembre al 5 ottobre. La Festa del Cibo d’autore e del Cinema goloso è sostenuta da Intesa Sanpaolo ed ha come main sponsor Gas Sales.

Mogol, che ha appena festeggiato 80 anni ed è in uscita con la sua biografia illustrata “Il mio mestiere è vivere la vita” per Rizzoli, racconterà al pubblico di Mangiacinema la sua incredibile carriera di autore, senza rinunciare ai riferimenti al mondo del grande schermo (quanti suoi brani sono stati utilizzati in colonne sonore e compaiono in capolavori come “Quei bravi ragazzi”, “La meglio gioventù”, “Il ladro di bambini”, “Il divo”) e ai suoi gusti in fatto di cibo. L’attesissimo incontro si terrà mercoledì 5 ottobre, alle 18, alle Terme Berzieri e sarà condotto dal critico musicale Enzo Gentile, il “papà” del “Dizionario del Pop-Rock”.

Il Maestro della canzone italiana palerà di Battisti, Mina, Celentano, Morandi, Gianni Bella, Renis, Cocciante, Mango, Dalla, Tenco e David Bowie. E anche del Cet (Centro Europeo Toscolano), la scuola di musica che ha fondato in Umbria nel 1992. Come sempre a Mangiacinema, non mancheranno le degustazioni offerte al pubblico dagli artisti del gusto: per questo appuntamento sono previsti assaggi (serviti al tavolo dagli studenti dell’Alberghiero “Magnaghi”) di salumi bio di Suino nero di Parma prodotti dalla Società Agricola Biologica San Paolo (a Santa Lucia di Medesano) da Aldo Brianti, abbinati a tre birre (titoli di testa, intervallo e titoli di coda) del Birrificio del Ducato, presentate dal mastro birraio Giovanni Campari. Chiusura in dolcezza, poi, con un gelato a sorpresa del maestro gelatiere Corrado Sanelli.

La sera, alle 20.45, la grande Festa di chiusura “Salso millecolori” (alla quale lo scorso anno partecipò Franca Valeri), con lo spettacolare buffet che offre il meglio dei prodotti Made in Salso, allestito dall’Alberghiero “Magnaghi” e dagli artisti del gusto di Mangiacinema. Seguirà la proiezione di “Perfetti sconosciuti”. Anche in questo caso si tratta di un evento a ingresso libero.

LE DUE ANTEPRIME DI MANGIACINEMA
Mangiacinema, in questa sua terza edizione, propone due anteprime, inserite all’interno delle stagioni di Mangia come scrivi a Cantù e a Parma. I due speciali Mangia come scrivi di giovedì 22 e venerdì 23 settembre hanno, come protagonisti, musicisti e artisti che, a tavola, faranno veri e propri spettacoli. Il 22, al Ristorante il Garibaldi di Cantù, la serata “Sono il comico” con lo chansonnier milanese Giangilberto Monti (info sulla cena: 031 704915) che presenterà il nuovo libro “Romanzo musicale di fine millennio” e il cd “Opinioni da clown”. Il 23, alla Tenuta Santa Teresa di Parma (info sulla cena: 0521 462578), “Alice’s Restaurant”, il debutto nazionale del nuovo spettacolo di Ezio Guaitamacchi, accompagnato dalla voce di Brunella Boschetti, dal rinomato chef Danilo Angé (che proporrà “in diretta”, con spettacolari show cooking, i piatti amati dalle rockstar) e la regia video di Filippo Guaitamacchi.

www.mangiacinema.it

Contatti:
Ufficio stampa –
info@mangiacinema.it

Insalata fredda di pollo con peperoni e pomodorini

IMG_7024Insalata fredda di pollo con peperoni e pomodorini

Ingredienti
500 gr di petto di pollo
1 peperone Verde (meglio verde per effetto visivo)
una manciata di pomodorini Pachino
curcuma
timo
dragoncello

sale
pepe
foglie di basilico

Preparazione
Tagliate il pollo a bocconcini, saltatelo nella padella wok (anche senza olio) salate, pepate e aromatizzate con la curcuma (un po’così diventa anche giallo) timo e dragoncello
Lasciatelo raffreddare
Aggiungete i pomodorini e il peperone lavati e tagliate.
Fate rafffeddare e servite fredda
In ultimo aggiungete le foglie di basilico e a piacere una giarata di olio

Sfoglia pere e amarene

Sfoglia pere e amarene

Ingredienti
1 confezione di pasta sfoglia fresca
1 pera
5 biscotti secchi
4 cucchiai di marmellata di amarene (meglio se a pezzi)
1 uovo

Preparazione
Srotolate la sfoglia, tagliatela a metà (una per il fondo e una per il “coperchio”).
Prendete la prima parte della sfoglia, mettetela direttamente in uno stampo o in una teglia, mantenete la stessa carta presente nella confezione per evitare di dover ungere la teglia, fate aderire la pasta ai bordi della teglia o dello stampo, eliminate la carta in eccedenza per evitare che si bruci, se utilizzerete stampi in silicone non sarà necessario l’utilizzo di carta forno.
Picchiettate il fondo con una forchetta.
Accendete il forno a 180°- 200° C almeno 10 minuti prima della cottura.
Lavate e sbucciate le pere, privatele del torsolo e tagliatele a fettine sottili.
In una terrina unite le pere alla marmellata e mescolate delicatamente.
Distribuite i biscotti tritati in modo uniforme sul fondo della sfoglia.
Farcite la torta con il resto del composto, lasciandone liberi solamente i bordi.
Richiudete la torta con la seconda parte della sfoglia.
Una volta chiusa potete spennellarla con l’uovo, ma non è un operazione necessaria alla buona riuscita della torta, l’uovo serve solo per dare un colore più dorato alla pasta.
Per una cottura uniforme posizionate la teglia su un ripiano intermedio.
Cuocetela per 30-40 minuti o fino a quando, la parte sopra della pasta sfoglia, il “coperchio” non si sarà dorata.
Lasciatela raffreddare e spolverizzate con zucchero a velo.

 

Bigoli mozzarella e funghi

Bigoli mozzarella e funghi

Ingredienti
600 gr di bigoli
450 gr di funghi freschi
1 mozzarella
1 spicchio d’aglio
burro
sale
pepe
parmigiano reggiano

Preparazione
Lavate bene i funghi, lasciateli colare qualche minuto nello scolapasta, nel frattempo in una padella rosolate nell’olio uno spicchio d’aglio.
Tagliate i funghi a pezzi e soffriggeteli per qualche minuto con una noce di burro.
Aggiungete un pezzetto di burro, abbassate la fiamma, salate, pepate il tutto e cuocete i funghi per altri 20 minuti.
Cuocete i bigoli in acqua salata e nel frattempo tagliate la mozzarella a dadini.
A cottura ultimata scolate i bigoli e conditeli con la mozzarella e funghi.
A parte, accompagnate il piatto con parmigiano, da spolverizzare a piacimento, a piatto ultimato.

Varianti a piacimento
Sostituite i bigoli con altri tipi di pasta fresca (strozzapreti, trofie, orecchiette..)

Biscotti di cacao

Biscotti di cacao

Ingredienti
500 gr di farina di tipo “00”
300 gr di cioccolato fondente
300 gr di nocciole (già sgusciate)
200 gr di burro
180 gr di zucchero
50 gr di cacao amaro
2 uova
1 fialetta di aroma all’arancia
1 pizzico di sale

Preparazione
Preriscaldate il forno a 180° C.
Tritate le nocciole.
Setacciate la farina.
Sciogliete il burro a temperatura ambiente.
In una terrina unite farina, uova, sale, zucchero, burro, cacao, aroma all’arancia e lievito impastate fino ad ottenere un impasto omogeneo.
Realizzate i biscotti utilizzando le formine.
Preparate la teglia come da vostra abitudine imburrandola o infarinandola o foderandola con carta forno.
Mettete i biscotti nella teglia ad una certa distanza l’uno dall’altro.
Cuocete a 180° C per 15 minuti.
Sfornate i biscotti, lasciateli raffreddare.
Sciogliete il cioccolato a bagnomaria.
Passate il bordo dei biscotti nel cioccolato e poi pasateli subito nella granella di nocciole.

Spaghetti pecorino e pomodorini

Spaghetti pecorino e pomodorini

Ingredienti
500 gr di spaghetti
250 gr di pecorino romano
6 pomodori perini o 8 pomodori ciliegina
pepe nero
sale
olio extra vergine di oliva

Preparazione
Lavate i pomodori (i pomodori perini sarebbe meglio sbucciarli) e tagliateli a pezzetti.
Cuocete la pasta in abbondante acqua salata, attenzione non salate troppo l’acqua, perchè poi la andrete a condire con il pecorino che è già salato.
Gratuggiate il pecorino.
In un recipiente unite pecorino, pepe, olio e mescolate il tutto aggiungendo qualche cucchiaio di acqua (meglio se quella di cottura della pasta) mescolate fino a raggiungere una crema densa.
Scolate la pasta qualche minuto prima, unitela al composto e saltate il tutto per un paio di minuti in una padella antiaderente.
Gli spaghetti vanno serviti al dente.
Togliete dal fuoco ed aggiungete i pomodorini freschi e sempre a crudo un filo di olio extra vergine di oliva.
Spolverizzate con scaglie di pecorino.
A piacimento spolverizzate con pepe.
Potete guarnire il piatto con una fettina di pomodoro e qualche fogliolina di basilico.

 

Torta di provola e fagiolini

Torta di provola  e  fagiolini

Ingredienti
400 gr di fagiolini
200 gr di provola affumicata e fagiolini
50 gr di pancetta affumicata
1 rotolo di pasta briseè
sale

Preparazione
Pulite i fagiolini. Lavateli.
Accendete il forno a 180°- 200° C almeno 10 minuti prima della cottura.
Cuocete in abbondante acqua per 40 minuti.
Scolateli lasciateli un po’ al dente, salateli quanto basta (tenete presente che poi metterete la provola e la pancetta).
Srotolate la pasta briseè, mettetela direttamente in uno stampo o in una teglia, mantenete la stessa carta presente nella confezione per evitare di dover ungere la teglia, fate aderire la pasta ai bordi della teglia o dello stampo, eliminate la carta in eccedenza per evitare che si bruci, se utilizzerete stampi in silicone non sarà necessario l’utilizzo di carta forno.
Picchiettate il fondo con una forchetta.
Iniziate a farcire la torta. Sul fondo mettete provola tagliata a pezzettini e ricopritela con i fagiolini (lascio a voi ampio spazio alla fantasia sul come posizionare i fagiolini mettendoli tutti in una direzione oppure metà in “orizzonatale” e metà in “verticale”…)
Stendete tutto in modo uniforme. Rigirate i bordi verso il centro della torta.
Per una cottura uniforme posizionate la teglia su un ripiano intermedio.
Cuocetela per 30 minuti o comunque fino a quando, vedete che la parte sopra della pasta briseè non si sarà dorata.
Potete servirla calda o fredda a seconda dei gusti.

La terza edizione di Mangiacinema a Salsomaggiore Terme

35a5aaf9-e67c-4346-b5bb-b1eb1d1cb4ebLa terza edizione di Mangiacinema a Salsomaggiore Terme
La Festa del Cibo d’autore e del Cinema goloso quest’anno è dedicata a Sordi
SALSOMAGGIORE TERME (Parma) – Dal 28 settembre al 5 ottobre 2016 a Salsomaggiore Terme (Parma) si terrà la terza edizione di Mangiacinema – Festa del cibo d’autore e del cinema goloso. E sarà, come sempre, un’imperdibile e stuzzicante settimana, tra degustazioni gratuite, show cooking, proiezioni appetitose e tantissimi incontri con artisti del gusto e dello spettacolo.

Dopo Ugo Tognazzi nel 2014 e Totò nel 2015, questa edizione del Festival diretto dal giornalista Gianluigi Negri è dedicata ad Alberto Sordi e a Roma.

Scarica il press kit con le immagini delle passate edizioni

Scarica il press kit
I PROTAGONISTI
Mangiacinema, organizzato dall’associazione culturale Mangia come scrivi, si distingue dai vari festival legati al cibo perché il pubblico diventa protagonista assoluto di tanti assaggi diversi ogni giorno. I numerosi attori, registi, musicisti, chef e intellettuali che vi partecipano, secondo una formula originale e molto coinvolgente, portano nella città termale lo spettacolo del gusto ed il gusto dello spettacolo, intrattenendo e lasciandosi sedurre dai cibi d’autore insieme a visitatori e turisti.

GLI EVENTI
Fondamentale, come dal primo anno, è la partecipazione dell’Istituto Alberghiero “Magnaghi”, con i suoi studenti ed il corpo docente: saranno loro a “guidare” le tante degustazioni che il Festival, voluto dal Comune di Salsomaggiore, offrirà al pubblico.

Gli eventi si svolgeranno tra le Terme, il Palazzo dei congressi, il cinema Odeon e, novità 2016, il Centro Termale Baistrocchi e il Castello di Contignaco, aperto in esclusiva per il Festival. Ne saranno protagonisti diversi produttori salsesi che da anni si distinguono per la qualità del loro lavoro in ambito enogastronomico (tra morbide focacce dolci, gelati Pop-Rock all’azoto liquido, pizze alte soffici e croccanti al tempo stesso, il vino di Dante prodotto con metodo antico), senza tralasciare qualche mirata e “gustosa” presenza di importanti nomi delle Terre Verdiane (lo chef stellato Massimo Spigaroli con la sua cucina ed il suo impareggiabile culatello) e della Food Valley (la famiglia Branchi di Felino che, nella patria del salame, produce il miglior prosciutto cotto italiano).

“Gli artisti del gusto con le loro creazioni golose – anticipa il direttore artistico Gianluigi Negri – verranno ‘abbinati’ a grandi nomi dello spettacolo e della cultura. Mangiacinema è una festa per gli occhi (con diverse proiezioni) e una vera festa per il palato”.

Tra gli altri eventi da non perdere, una cena di gala dedicata a Sordi e curata dagli chef dell’Alberghiero “Magnaghi”, il terzo mercato del “Made in Salso”, i laboratori “Crea & Gusta” per turisti e appassionati di cucina. Buona visione e buon appetito anche per quest’anno. Con una sola parola d’ordine: #guardagustagodi

www.mangiacinema.it

Contatti:
Ufficio stampa – Tel. 347.6961251
info@mangiacinema.it

Nidi di patate con cuore di mare – Dr. Antonio Falchi & Barbara Bindi

Nidi di patate con cuore di mare – Dr. Antonio Falchi & Barbara Bindi

Antipasto. Piatto sardo

Ingredienti
500 gr di patate
olio extra vergine di oliva
farina 00
sale
20 cozze
10 gamberi L2
2 pomodori fresco
aglio
prezzemolo

Preparazione
Lessate le patate in acqua salata quindi passatele (dopo averle sbuciate) nel passaverdure ed impastatele con un pugno di farina ed un pizzico di sale.
Dopo aver ottenuto un impasto omogeneo preparate dei cestelli con un bordo di un paio di centimetri quindi friggeteli in olio extravergine di oliva da ambo i lati sino ad ottenere una doratura omogenea.
Dopo aver fatto aprire le cozze e scottato i gamberi in una padella antiaderente con un filo d’olio extravergine di oliva mettete le cozze private del guscio ed i gamberi tagliati a bocconcini in una terrina insieme a del pomodoro fresco tagliato a pezzettini, un trito fine di aglio e prezzemolo ed un filo d’olio extravergine d’oliva.
Dopo aver fatto insaporire per circa un’oretta riempite con il preparato i nidi di patate

Dr. Antonio Falchi & Barbara Bindi

http://dottoriincucina.blogspot.com

Insalata fredda con salmone, feta, cetriolo e pomodorini

Insalata fredda con salmone, feta, cetriolo e pomodorini

Ingredienti
500 gr di petto di salmone
200 gr di feta
1 cetriolo
una manciata di pomodorini Pachino
sale
pepe
prezzemolo

Preparazione
Tagliate il salmone a pezzetti o striscioline saltatelo nella padella wok (anche senza olio) salate, pepate
Lasciatelo raffreddare
Aggiungete i pomodorini e il cetriolo lavati e tagliati.
Tagliate la feta a pezzetti
Unite tutto
Fate rafffeddare e servite fredda
In ultimo aggiungete il prezzemolo e a piacere una girata di olio

Tutti insieme per GUSTI.A.MO16 : 5 grandi consorzi rappresentativi del Gusto di Modena si uniscono per un week end a tutto sapore

piacere modena logoTutti insieme per GUSTI.A.MO16 : 5 grandi consorzi rappresentativi del Gusto di Modena si uniscono per un week end a tutto sapore

La presentazione si è tenuta questa mattina in Camera di Commercio a Modena

Acetaie, caseifici, prosciuttifici e cantine di Lambrusco apriranno al pubblico il 1 e 2 ottobre

Si avvicina a grandi passi Gusti.a.mo16 – Acetaie, caseifici, prosciuttifici e cantine di Lambrusco aperti nel fine settimana dal 1 al 2 ottobre: un appuntamento con il gusto presentato questa mattina a Modena alla Camera di Commercio, in cui i protagonisti sono cinque eccellenze del territorio conosciute ed apprezzate in tutto il mondo ovvero Aceto Balsamico di Modena IGP, Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP, Parmigiano Reggiano DOP, Prosciutto di Modena DOP e i Lambruschi modenesi DOC.

Ad intervenire alla presentazione, assieme al presidente di Piacere Modena Pierluigi Sciolette e al vicesindaco di Modena Gianpietro Cavazza che ha portato il saluto delle Istituzioni, anche i direttori dei consorzi partecipanti alla giornata – Federico Desimoni per l’Aceto Balsamico di Modena IGP, Claudio Guidetti per la sezione Modena del Parmigiano Reggiano, Anna Anceschi per il Prosciutto di Modena DOP, Ermi Bagni per i Lambruschi Modenesi DOC e Milena Ferrari per Piacere Modena, mentre per l’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP è intervenuto il Presidente del Consorzio, Enrico Corsini. A moderare l’incontro, il giornalista Leo Turrini.

“Una delle principali attrattive di Modena e della sua provincia – commenta il Presidente di Piacere Modena Pierluigi Sciolette – è senza dubbio la filiera agroalimentare e del cibo: prodotti e sapori che rendono questo territorio una vera e propria capitale italiana del gusto, basta pensare che Modena è la città con il primato assoluto a livello europeo di prodotti DOP e IGP: sono ventitre in tutto, 10 Dop e 13 IGP che insieme valgono oltre 1 miliardo e mezzo di euro e migliaia di posti di lavoro. Con l’evento Gusti.A.MO16 “Piacere Modena” il marchio d’area voluto dai Consorzi di tutela e promozione dei prodotti DOP e IGP modenesi, si è perseguito e si è raggiunto un obiettivo di primaria importanza, ovvero unirsi per valorizzare l’eccellenza del territorio in tema di cibo e di attività agroalimentare. Piacere Modena si rivolge così al gourmet e al turista enogastronomico creando una manifestazione che racchiuda tutte le migliori espressioni della tradizione agroalimentare, rappresentate in questa occasione da cinque grandi consorzi di Modena. Un evento che coinvolgerà tutta la città, con ricadute positive a livello economico per tutti: grazie ad una collaborazione con Modenatur infatti, sono stati predisposti itinerari e pacchetti turistici su misura che comprendano non solo le visite ai luoghi del gusto ma altresì alla componente artistico culturale della città”.

Patrocinato da Comune di Modena, Provincia, Regione Emilia Romagna e Camera di Commercio di Modena, il fine settimana all’insegna del gusto inizierà dunque sabato 1 ottobre con il talk show in Camera di Commercio dal titolo Cibo, cultura, territorio: la grande differenza Italiana che contempla tra gli ospiti, oltre alle istituzioni, al Presidente del Palatipico Pierluigi Sciolette,  lo chef Luca Marchini e Presidente di Modena a Tavola, il filosofo Marino Niola, il regista Davide Rampello, uno dei maggiori innovatori del linguaggio televisivo dagli anni ’80 ad oggi e altresì ideatore del Padiglione Zero ad Expo e curatore della rubrica “Paesi, paesaggi” dedicata alle eccellenze paesaggistiche ed alimentari d’Italia nella trasmissione Striscia la Notizia, il Direttore della Fondazione Qualivita e consigliere del Ministro Martina per le politiche digitali per la tutela del Made in Italy agroalimentare oltre che collaboratore ed ospite alla trasmissione Rai Linea Verde Mauro Rosati e il giornalista sportivo Leo Turrini, massimo esperto della Ferrari, altra eccellenza del territorio modenese. Nel pomeriggio di sabato, si terranno poi degustazioni narrative sensoriali di tutti prodotti DOP e IGP partecipanti a Gusti.A.MO16 presso lo storico Mercato Albinelli in collaborazione con la compagnia Koinè, seguita da un doppio spettacolo musicale che vedrà protagonisti Max Marmiroli e i Follon Brown, una seduta di pittura con l’artista Franco Ori e la presentazione dei panini sorprendenti e particolari dello chef Daniele Reponi.

Domenica 2 ottobre la giornata clou del fine settimana dedicato a tutto “il bello e il buono di Modena” sarà principalmente alla scoperta delle acetaie, delle cantine, dei prosciuttifici e dei caseifici non solo modenesi – infatti quelli aderenti al Consorzio saranno aperti in tutte le provincia di produzione.

L’apertura avverrà tuttavia in entrambe le giornate, con programmi personalizzati ma uniti da un comune denominatore: degustazioni dei prodotti e visite guidate nelle strutture in cui si produce l’eccellenza agroalimentare del territorio. Inoltre sono stati predisposti da Modena Tour,  per chi sceglierà di trascorrere il week end alla scoperta di Modena e dintorni tra sapori e arte, dei pacchetti turistici per ogni tipo di esigenza compreso gli appassionati della cucina tipica che troveranno in molti dei ristoranti aderenti a Modena a Tavola menu dedicati ai prodotti DOP e IGP modenesi. Visite guidate alle aziende quindi – effettuabili sia sabato che domenica – ma in collaborazione con Modena Tour anche tour artistico-culturali tra le bellezze che questo territorio offre, a partire dal tesoro custodito dalla città di Modena, con il Duomo, la Torre Civica e Piazza Grande riconosciute dal 1997 come Patrimonio Unesco, il Palazzo Ducale, le sale storiche del Palazzo Comunale, l’Acetaia Comunale e il Mercato coperto Albinelli risalente al 1931 e considerato un monumento di interesse storico nazionale. Un giro che si estende fino al centro storico di Vignola con la sua Rocca dei Contrari e l’Abbazia romanica di Nonantola ancora oggi concattedrale dell’Arcidiocesi di Modena e Nonantola.

Ufficio Stampa Consorzio di Tutela Aceto Balsamico di Modena IGP
Marte Comunicazione snc di Marzia Morganti Tempestini & C. cell. 335 6130800 Email: marzia.morganti@gmail.com;  www.consorziobalsamico.it

Ufficio Stampa IVSI Consorzio Prosciutto di Modena
Tiziana Formisano tel. 02 8925901 Email: formisano@ivsi.it;  www.consorzioprosciuttomodena.it

Ufficio Stampa e Relazioni Esterne Consorzio del Formaggio Parmigiano Reggiano
Igino Morini cell. 3356522327 Email: morini@parmigianoreggiano.it; www.parmigianoreggiano.it