La patata dolce della Carolina del Nord

PR-MaterialienLa patata dolce della Carolina del Nord

Coltivate con cura da mani esperte, ricche di sotanze nutrienti e versatili in cucina. La novità dell’estate sulle tavole degli italiani è la patata dolce della Carolina del Nord, la cui stagione inizierà a giugno.
Grazie al suo clima umido e al terreno ghiaioso, la Carolina del Nord è il luogo ideale per la crescita della patata dolce, un tubero che ha una tradizione secolare nell’alimentazione americana. Qui, agricoltori esperti di seconda e terza generazione coltivano con tecniche all’avanguardia questo ortaggio ricco di gusto e dalle proprietà eccezionali.
La patata dolce è infatti priva di grassi e ha solo 86 Kcal per 100 grammi. È naturalmente ricca di calcio, proteine, vitamina C, B6, betacarotene, potassio e fibre. La sua dolcezza, data dalla trasformazione dell’amido in zuccheri, si accompagna a un basso indice glicemico.

Le patate dolci della Carolina del Nord si riconoscono per la buccia lisca e pulita, di colore marroncino leggermente sfumata di rosa. La polpa arancione brillante e il gusto particolare la rendono un ingrediente unico per portare colore nelle più diverse preparazioni: come base per gnocchi, vellutate o puré, come contorno per secondi di carne, in insalata oppure da sole, lesse, al vapore o grigliate. Ma anche nei dessert, come la panna cotta o il pudding, la patata dolce può dare un inedito tocco di originalità.

Barbecue con patate dolci
Cosa c’è di meglio in estate di una grigliata all’aperto in compagnia dei propri amici? Sia come alternativa vegana al classico barbecue che come contorno in fresche insalate, la patata dolce è protagonista delle tue tavolate estive!
Ecco allora alcune idee:
– spiedini al rosmarino con patate dolci e ananas
– insalata con patate dolci grigliate
– insalata di patate dolci con formaggio di capra e fusi di pollo
– cartocci di patate dolci con halloumi

La patata dolce della Carolina del Nordultima modifica: 2017-06-26T14:35:38+00:00da eleoma
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento