Vermicelli con le triglie ubriache

pastatriglie.JPG

Estate voglia di pesce, apro il frigo e cosa trovo, triglie comprate il giorno prima e pomodori, nella dispensina una bustina di pinoli già aperta, e il rum sul tavolo reduce della cena con gli amici la sera prima…ricetta improvvisata e profumata

Ingredienti
400 gr di triglie
300 gr di vermicelli o altro tipo di pasta a vostro gusto
300 gr di pomodori + 1 pomodoro grosso per il fumetto di pesce
30 gr di pinoli
1 carota
1 cipolla
2 tazzine da caffè di rum
olio extra vergine di oliva
2 spicchi di aglio
prezzemolo

Preparazione
Lavate e tritate il prezzemolo.
Pulite le triglie eliminando le interiora. Apritele a libro e sfilettatele, tenendo da parte le teste e le lische per il fumetto.
Mettete i filetti di triglia in un piatto a marinare nel rum.
Preparate il fumetto di pesce: tagliate la cipolla,  la carota ed un pomodoro  grande in quarti ed immergeteli in un litro e mezzo di acqua con le teste e le lische dei pesci e portate a bollore per una ventina di minuti.
Quando si sarà ristretto, filtrate il fumetto di pesce
Colate le triglie, tenete da parte anche il rum.
Bollite l’acqua per la pasta e tagliate i restanti pomodori  a cubetti.
In una padella fate soffriggere due spicchi d’aglio in olio extra vergine di oliva quindi toglieteli, abbassate la fiamma ed aggiungete lentamente il rum della marinata, emulsionandolo con una forchetta all’olio extra vergine di oliva della padella; fate sfumare ed aggiungete il fumetto di pesce rialzate la fiamma e dopo qualche minuto aggiungete i pomodori.
Sbollentate tre minuti la pasta nell’acqua, quindi con una schiumarola versatela nel fumetto e terminate la cottura. La pasta rilascerà così l’amido nel sugo rendendolo più denso, mentre la pasta assorbirà meglio tutti i sapori.
A due minuti dal termine della cottura aggiungete i filetti di triglia.
Spegnete il fuoco  e completate con i pinoli e olio extra vergine di oliva
Servite con prezzemolo e pepe nero.

 

Vermicelli con le triglie ubriacheultima modifica: 2017-09-06T10:13:00+00:00da eleoma
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento