Pollo alle mele Marialaura

Pollo alle mele Marialaura
Ingredienti
2 petti di pollo
2 cipolle
4 mele Golden
2 cucchiai di farina
4 di di vino bianco
4 cucchiai di panna
sale
pepe
burro

Preparazione
Pelare e tritate le cipolle,fatele stufare dolcemente con un po’ di burro,unite il petto di pollo a cubi e far cuocere. Quando sarà quasi cotto,spolverate con la farina,mescolate,bagnate col vino bianco e far cuocere per 5 minuti. Unite la panna,salate e pepate e fate cuocere ancora qualche minuto.Mettete da parte e preparare le mele. Sbucciatele e tagliatele a fette e fatele dorare col burro. Unitele al pollo,ben caldo tutto.Servitre accompagnando con riso pilaf o cous cous

Zuppa di zucca Alexia

Zuppa di zucca Alexia

Ingredienti
300 gr di zucca
paprika
un goccio di crema di latte
crostini di pane raffermo
olio evo
a piacere rosmarino

Preparazione
Mondate la zucca che  cuocerete in brodo con una patata piccola una cipolla dorata, sale pepe, potete usare anche la pentola la a pressione in tal caso cuocete 15 minuti (dopo lo sfiato) e frullate e aggiunge paprika un goccio di crema di latte. Poi si preparano crostini di pane raffermo in forno a 180,olio evo e a piacere rosmarino o paprika servire bella calda

La trippa de San Basian Pizzighettone (CR)

La trippa de San Basian Pizzighettone (CR)

Dal 19  al 21 gennaio 2018

Lions Club Pizzighettone Città Murata vi invita alla Decima edizione della “Trìpa de San Basian”!
Nella splendida location dell’antica cerchia muraria della città sarà possibile degustare la famosa Trippa e moltissime altre specialità gastronomiche locali: tutti i piatti sono freschissimi e preparati al momento e ci siamo organizzati per essere molto veloci anche nei momenti di grandissimo afflusso.
Sarà possibile acquistare prodotti gastronomici di altissima qualità che potrete anche degustare a casa, con i vostri amici!

Per prenotare i tavoli o il servizio d’asporto, chiamateci o inviate un messaggio al numero: +39 331 8612907.

Tutti gli addetti sono volontari che prestano la propria opera gratuitamente: il ricavato verrà devoluto dal Lions Club Pizzghettone Città Murata a vari progetti del territorio. Durante la manifestazione sarà possibile raccogliere informazioni sulle tante attività svolte in questi anni.

Vi aspettiamo numerosi: è un’occasione unica per pranzare o cenare con amici in una cornice straordinaria ed antichissima gustando piatti semplici, leggeri e sani.

Salsicce di tacchino in umido con piselli

25182000_10214731082381721_2822427906199722898_oSalsicce di tacchino in umido con piselli

Ingredienti
600 gr di salsicce di tacchino o pollo
1 cipolla
1 scatola di piselli
1 scatola di pomodori
sale
pepe
olio

Preparazione
In olio soffriggete la cipolla aggiungete le salsicce fate rosolare aggiungete la salsa o passata di pomodoro, quando è quasi cotta la salsiccia aggiungete i piselli per farli insaporire
Regolate di sale e pepe

Cartellate Marialaura

Cartellate Marialaura

Ingredienti
700 gr di farina 00
300 gr di semolino
100 gr di olio di sem
un uovo
un pizzico di sale
300 gr di vino bianco tiepido
succo di due mandarini

Preparazione
Ponete  la farina a fontana,aggiungete la semola,l’uovo,il sale,lo zucchero ed il succo dei mandarini Iniziate ad impastare versando pian piano il vino tiepido,l’impasto ottenuto deve essere simile e sodo come quello della pasta fresca.Fate  riposare mezz’ ora in frigo e poi riprendete il panetto e stendetelo con la macchinetta ,in sfoglie sottili. Ritagliate con un taglia pasta frisato delle sfoglie di massimo 2,5 cm.con le dita, poi,sollevate i due margini opposti della striscia e pizzicate ogni mezzo cm.
Mettete ad essiccare per 2 giorni in un ambiente poco umido. Una volta secche friggete in abbondante olio di semi e scolarle dall’ olio in eccesso. Riscaldatre il vincotto di uva o fichi in una grande casseruola a fuoco basso,poi tuffate le cartellate all’interno,rigirate e ponetele in una coppa di vetro coperta dal coperchio,se aveste difficoltà a reperire il vincotto ,far colate sulle cartellate del miele di acacia

The extraordinary Italian style esaltato dalla Chaine Bailliage Francigena Toscana a Villa Artimino

villa artiminoThe extraordinary Italian style  esaltato dalla Chaine Bailliage Francigena Toscana
a Villa Artimino

Una emozionata ma orgogliosa Presidente della neonata Bailliage Francigena Toscana, l’Avvocato Giovanna Elettra Livreri, ha aperto la serata inaugurale Chaine des Rotisseurs nella splendida Villa Medicea La Ferdinanda, patrimonio dell’Unesco, ospitata da Annabella Pascale, AD della Artimino spa, per spiegare il tema della serata che si riassume in un nuovo Umanesimo delle arti, della cultura della convivialità e della tavola, dunque dell’amicizia.

Giovanna Elettra Livreri, avvocato e direttore generale della prestigiosa camera estera CC-ICRD (Italia Caraibi e America Latina), presidente della neonata Chaine Francigena Toscana, ha voluto presentare il neonato Balliage della storica internazionale Confrérie de la Chaîne des Rôtisseurs in questo mondo fatato, interpretando in maniera moderna la filosofia della Chaine per ricomporre un nuovo Rinascimento, mixando come un Giovanna Elettra Livrerigiocoliere il mondo del food con quello del fashion, proposto da Cristina Vittoria Egger, l’arte degli artisti Fabrizio Savi e dello scultore Madelin Cuca al cioccolato artigianale di Pura Delizia, lo spettacolo della Compagnia Teatrale dell’Accademia Creativa alle calzature Fabi ed infine la “rinascita” di un glorioso brand di orologi, LONVILLE 1873 Orologi, una proposta della scoperta della Toscana, lo straordinario style Italiano, la natura unica e ancora incontaminata dei luoghi, lontana dai ritmi della città, dove il primo attore è il Castello di Artimino e la sua storia, armonioso, imponente, testimone di un nuovo turismo, la strada per conservare un patrimonio storico di grandissimo valore mantenendo l’equilibrio tra la tutela del posto e la necessità di renderlo vivo e fruibile al turista, evidenziandone le peculiarità.

berg gioielli 2Ed ecco poesia e sinergia di immagini e gusto con una cena placee creata da Michela Bottasso la professionista che vive in armonia il suo essere chef in simbiosi con la natura la circonda usando la sua cucina come strumento di arte, due mondi e modi del vivere quotidiano. Michela Bottasso è la chef del “Biagio Pignatta” il Ristorante del complesso di Artimino dove la natura stessa contraddistingue le immagini, e, seguendo la filosofia green, usa e cucina le verdure in un terreno attiguo di 5mila mq, creando una cucina semplice ma non banale. Per lei la cucina interroga il territorio, la natura e il paesaggio, e nelle sue mani la sua cucina diventa anche gioco e creatività, performance, gesto e teatralità proprio come l’arte.
E poi il fashion…….attraversano le sale piene di storia i romantici accenni di una sfilata femminilissima per la quale Dario Biglino creativo della maison Avaro Figlio ha immaginato un giardino di donne-petalo, dagli abiti senza orlo, che sbocciano in un risveglio di sensualità che si evince nei dettagli, nelle mani sapienti che accompagnano i gesti durante la sfilata, un sincronismo armonioso del movimento, come un fiore che sboccia, assecondato dalla linee e dal tessuto. Hanno sfilato le calzature di Fabi, avaro figlio, Virage byLonville Berg gioielli Fabi calzatureeleganza, raffinatezza, sperimentazione per una armonia fatta di equilibri progettuali ed emotivi, ricordi di cose viste, studiate, elementi che creano una trama nell’abbinamento apparentemente impossibile di Swarovski, lacci, seta, pietre, metalli…..infine la presentazione di Virage, il primo orologio del brand Lonville che rinasce dopo 50 anni di silenzio. E con la presentazione del libro “In viaggio con Leonardo” della Contessa Melzi d’Eril sullo sfondo opere del pittore Fabrizio Savi e dello scultore Mădălin Ciucă cala il sipario su Artimino e la neonata Chaine Bailliage Francigena Toscana, un romanzo incantato sullo sfondo di un castello di fiaba.

NOTA: Confrérie de la Chaîne des Rôtisseurs, La Confraternita della Chaine è una società gastronomica internazionale fondata a Parigi nel 1248 e rifondata successivamente nel 1950, una realtà che opera per la diffusione della cultura della gastronomia promuovendo i valori gastronomici e l’essenza stessa della Confrèrie, il piacere della tavola e il valore dell’amicizia.

Partners e Sponsor dell’Evento
CHAINE ROUGE 2017 DEL 9 DICEMBRE 2017 della Chaine Bailliage Toscana Francigena
CHAINE DES ROTISSEURS D’ITALIE
AMITES SANS FRONTIERES MONACO – FIRENZE
PURA DELIZIA CICCOLATO ARTIGIANALE
TENUTA DI ARTIMINO
AVARO FIGLIO STILISTA
COMUNICAZIONE E STAMPA “LE SALON DE LA MODE” – Gabriella Chiarappa
LONVILLE 1873 OROLOGI
FABI SHOES
BERG TU DIVA GIOELLI
EDOARDO TRANCHESE – I TRANCHESE FOTOGRAFI

VILLA ARTIMINO RESORT
Viale Papa Giovanni XXIII,1
59015 Artimino Prato (PO)
www.artimino.it

Ascoltare la fragranza del cioccolato ….

Manuela BottassoAscoltare la fragranza del cioccolato ….

Pura Delizia Cioccolato Artigianale alla Chaine Francigena Toscana

Dolce, amaro, nero come la notte, bianco come il vestito di una sposa, un sapore fragrante, una tentazione maliziosa e sensuale……va in scena Pura Delizia Cioccolato Artigianale ad Artimino “La Chaîne Toscana Francigena”, in un evento che abbina la cucina italiana con l’arte, lo spettacolo e il fashion, un evento organizzato dal neonato Bailliage “Chaîne Toscana Francigena”, un appuntamento per introdurre la missione del Bailliage per coniugare e unire il buono e il bello delle eccellenze del made in Italy e tutto quello che il mondo ci invidia: the extraordinary Italian style, il cibo, l’arte e la moda, mondi e modi del vivere quotidiano.

Pura Delizia Cioccolato Artigianale, ascoltare la fragranza del cioccolato….

Giovanna Elettra LivreriE fra queste, in una notte di stelle, aleggia fra le volte del Castello di Artimino una domanda…..quale è il segreto del cioccolato? La sua dolcezza amara è una tentazione, maliziosa e sensuale, ma rimane il mistero di un gusto prelibato, eccellente e straordinario che stuzzicando le papille gustative riesce a risvegliare tutti i sensi. Una magnifica tentazione alla quale è difficile resistere, il viaggio di un attimo, nel quale diventa fondamentale riuscire a comunicare il sapore, i profumi, le suggestioni, persino i valori veicolati del prodotto che si sta gustando, anche attraverso l’immagine, unico mezzo la vista.

Il Presidente del nuovo Club della “Chaine des Roitisseur” l’Avvocato Giovanna Elettra Livreri, direttore generale della camera estera CC-ICRD (Italia Caraibi e America Latina), parla dell’evento ad Artimino come una sintonia – “accordo di toni” dal greco – tra l’arte, la moda, lo spettacolo e il food, dove spicca il sapore del cioccolato…….come ci dice, che sa di casa, profuma di terra, l’odore di casa mia, dove rinasco mille volte ogni volta che torno a casa, sapori che fanno parte della vita, che mi accompagnano in ogni evento cadenzando i momenti, fanno ridere la mia anima, mi accompagnano fra la gente.

piccolaCome tiene ad affermare l’Avvocato Livreri….

Questa edizione della Chaine che io presiedo è una nuova poesia e sinergia di immagini e gusto. Ma anche un nuovo stile di vita. Se si parla di benessere in rapporto al cibo, si può e si deve parlare di benessere rispetto alla moda. Come il cibo interroga il corpo, il territorio, la natura e il paesaggio, altrettanto lo fa la moda e soprattutto gli abiti che scegliamo e indossiamo per le nostre interazioni sociali.
Il cibo è anche gioco e creatività, performance, gesto e teatralità proprio come la moda, anche se le loro esecuzioni sono espresse in maniere diverse.
La Chaine Francigena Toscana deve trasmettere la passione e la qualità che ci sono dietro le mani dell’artigiano che lavora la moda e dello chef, mostrare l’abilità e le loro storie, il primo attore che sono le mani, e poi l’estro, gli accostamenti di colori, tessuti, e poi i sapori, la cultura visiva del cibo, ma ad ampio respiro, far riflettere chi osserva, farlo immedesimare in una condivisione creativa, ribaltare la forma di nutrimento in un riflesso per gli occhi, per parlare di una cultura del cibo di ampio respiro, sperimentazione e contaminazione fra linguaggi ed esperienze diverse.

La Chaine Toscana Francigena è grata a tutti Partners e gli Sponsor che hanno aderito all’Evento CHAINE ROUGE 2017 DEL 9 DICEMBRE 2017 della Chaine Toscana Francigena
GRATI A:
CHAINE DES ROTISSEURS D’ITALIE
AMITES SANS FRONTIERES MONACO – FIRENZE
PURA DELIZIA CIOCCOLATO ARTIGIANALE
TENUTA DI ARTIMINO
AVARO FIGLIO STILISTA
PRESS E COMUNICAZIONE “LE SALON DE LA MODE” – Gabriella Chiarappa
LONVILLE 1873 OROLOGI
FABI SHOES
BERG TU DIVA GIOELLI
EDOARDO TRANCHESE – I TRANCHESE FOTOGRAFI

Sandwich di merluzzo e stracciatella Sabelli

Sabelli_Fish_Sandwich

Sandwich di merluzzo e stracciatella Sabelli

Ingredienti
pane nero ai semi di girasole in cassetta
4 filetti di merluzzo
250 gr  di Stracciatella Sabelli
maionese q.b.
granella di pistacchi
1 cetriolo
insalata valeriana
sale e olio evo q.b.

Preparazione
Per prima cosa tagliate le fette di pane nero e tenetele da parte. Impanate i filetti di merluzzo con la granella di pistacchi e saltateli in padella con un filo di olio e sale quanto basta.
Il prossimo passo sarà quello di prendere una fetta di pane , spalmarla con la maionese, adagiarvi sopra i cetrioli tagliati a fette molto sottili, il filetto di merluzzo ai pistacchi e, in ultimo, la Stracciatella Sabelli.
Dopodiché aggiungete la valeriana e coprite con una seconda fetta di pane già spalmata con la maionese per poi ripetete di nuovo tutti i passaggi per formare un altro strato.
Guarnite l’ultimo strato con la Stracciatella Sabelli e decorate con la granella di pistacchi.

Ufficio stampa Sabelli
c/o fruitecom srl

 

Crostata al farro con salmone all’arancia, burrata Saelli e rucolo

Sabelli_Crostata_preview

Crostata al farro con salmone all’arancia, burrata Saelli e rucolo

Ingredienti

Per la pasta frolla salata:
100 gr di burro a temperatura ambiente
200 g di farina di farro
2 cucchiai di acqua fredda
20 gr di sale

Per il condimento:
250 gr di salmone al naturale
1 burrata Sabelli
1 arancio
Erba cipollina
Pepe nero, olio extra vergine d’oliva, sale q.b.

Preparazione:
Impastate il burro con la farina, l’acqua e il sale. Formate una palla, avvolgetela con la pellicola e fatela riposare in frigo per 30 minuti.
Marinate il salmone con il succo di un arancio, l’olio extravergine d’oliva, il pepe e il sale per 10 minuti. Foderate una tortiera (diametro 22cm) con la carta forno e accendere il forno a 180° C. In una ciotola tagliuzzate la burrata Sabelli.
Stendete la pasta brisée a formate un cerchio, disponetela sul fondo del contenitore avendo cura che ci sia abbastanza pasta anche per i bordi; disponete sopra la pasta dei legumi secchi e informate a 180°C per 15 minuti circa. La crostata è pronta quando inizia a diventare dorata.
Fate raffreddare il guscio di pasta e conditelo con la burrata Sabelli e le fette di salmone spezzettate. Completate con una presa di erba cipollina.

Ufficio stampa Sabelli
c/o fruitecom srl

Polpette di ricotta Sabelli e mezzancolla al profumo di agrumi

Sabelli_Polpette

Polpette di ricotta Sabelli e mezzancolla al profumo di agrumi

Ingredienti
250 g di ricotta Sabelli
uovo
200 g di code di mazzancolle
trito di erba cipollina
1 limone (sia scorza che succo)
1 arancio (scorza)

Per la panatura:
farina q.b.
pangrattato
1 uovo
sale, pepe q.b.

Per friggere:
Olio d’arachide (meglio se olio extravergine d’oliva)

Preparazione:
Sgusciate le code di mazzancollee tritatele nel mixer o al coltello. In una terrina lavorate la ricotta Sabelli e il trito di erba cipollina poi unite le code di mazzancolle e l’uovo. Amalgamate il tutto e aggiustate di sale. Formate delle polpette con le mani umide. Preparate tre ciotole per la panatura: una per la farina, una con l’uovo sbattuto, una con il pangrattato Nella ciotola con l’uovo aggiungete uno schizzo di limone; nel pangrattatoun po’ di scorza di arancio e limone e un pizzico di sale.
Rotolate le polpette prima nella farina, poi nell’uovo e infine nel pangrattato Friggetele in abbondante olio. Scolatele, tamponatele e completatele con una spolverata di scorza d’agrumi.

Vigilia di Natale: come abbinare pesce e formaggi con 3 ricette Sabelli

Vigilia di Natale: come abbinare pesce e formaggi con 3 ricette Sabelli

Se il Natale è tradizionale, per la Vigilia vince la freschezza: il caseificio di Ascoli Piceno presenta tre connubi tra pesce e prodotti caseari per un aperitivo speciale

Se a Natale va in scena la tradizione, per la Vigilia si può dare spazio alla creatività in cucina: per questo Sabelli, dal 1921 interprete della tradizione casearia italiana di qualità, propone tre ricette gourmet ideali per un aperitivo natalizio originale e fresco. E siccome il 24 dicembre il pesce è un must, ecco tre ricette semplici e sfiziose, per sfatare il mito che il pesce non vada abbinato coi formaggi.

Ecco allora che la stracciatella Sabelli si accompagna al  merluzzo con un tocco di pistacchio per un sandwich ricco di sapori, la burrata Sabelli incontra il salmone in una stupefacente crostata salata, e la ricotta Sabelli trova il suo perfetto abbinamento con le mazzancolle nelle sfiziosissime polpette al profumo di agrumi.

Frutto del meglio dell’esperienza e della passione italiana per la produzione casearia, le specialità Sabelli sono realizzate con latte fresco raccolto ogni giorno dagli allevatori della zona Gran Sasso e dei Monti della Laga e lavorati secondo la tradizione, accompagnata dai rigorosi controlli e dalla sicurezza garantite dalle più moderne tecnologie. Oltre alla linea tradizionale, mozzarelle, mozzarelline e burrate sono disponibili anche nella versione senza lattosio, per venire incontro ai consumatori più attenti al benessere e alla leggerezza.

Sabelli_Fish_SandwichSandwich di merluzzo e stracciatella Sabelli

Ingredienti
pane nero ai semi di girasole in cassetta
4 filetti di merluzzo
250 gr  di Stracciatella Sabelli
maionese q.b.
granella di pistacchi
1 cetriolo
insalata valeriana
sale e olio evo q.b.

Preparazione
Per prima cosa tagliate le fette di pane nero e tenetele da parte. Impanate i filetti di merluzzo con la granella di pistacchi e saltateli in padella con un filo di olio e sale quanto basta.
Il prossimo passo sarà quello di prendere una fetta di pane , spalmarla con la maionese, adagiarvi sopra i cetrioli tagliati a fette molto sottili, il filetto di merluzzo ai pistacchi e, in ultimo, la Stracciatella Sabelli.
Dopodiché aggiungete la valeriana e coprite con una seconda fetta di pane già spalmata con la maionese per poi ripetete di nuovo tutti i passaggi per formare un altro strato.
Guarnite l’ultimo strato con la Stracciatella Sabelli e decorate con la granella di pistacchi.

Sabelli_Crostata_previewCrostata al farro con salmone all’arancia, burrata Saelli e rucolo

Ingredienti

Per la pasta frolla salata:
100 gr di burro a temperatura ambiente
200 g di farina di farro
2 cucchiai di acqua fredda
20 gr di sale

Per il condimento:
250 gr di salmone al naturale
1 burrata Sabelli
1 arancio
Erba cipollina
Pepe nero, olio extra vergine d’oliva, sale q.b.

Preparazione:
Impastate il burro con la farina, l’acqua e il sale. Formate una palla, avvolgetela con la pellicola e fatela riposare in frigo per 30 minuti.
Marinate il salmone con il succo di un arancio, l’olio extravergine d’oliva, il pepe e il sale per 10 minuti. Foderate una tortiera (diametro 22cm) con la carta forno e accendere il forno a 180° C. In una ciotola tagliuzzate la burrata Sabelli.
Stendete la pasta brisée a formate un cerchio, disponetela sul fondo del contenitore avendo cura che ci sia abbastanza pasta anche per i bordi; disponete sopra la pasta dei legumi secchi e informate a 180°C per 15 minuti circa. La crostata è pronta quando inizia a diventare dorata.
Fate raffreddare il guscio di pasta e conditelo con la burrata Sabelli e le fette di salmone spezzettate. Completate con una presa di erba cipollina.

Sabelli_PolpettePolpette  di ricotta Sabelli e mezzancolla al profumo di agrumi

Ingredienti
250 gr di ricotta Sabelli
1 uovo
200 gr di code di mazzancolle
trito di erba cipollina
1 limone (sia scorza che succo)
1 arancio (scorza)

Per la panatura:
farina q.b.
pangrattato
1 uovo
sale, pepe q.b.

Per friggere:
Olio d’arachide (meglio se olio extravergine d’oliva)

Preparazione:
Sgusciate le code di mazzancollee tritatele nel mixer o al coltello. In una terrina lavorate la ricotta Sabelli e il trito di erba cipollina poi unite le code di mazzancolle e l’uovo. Amalgamate il tutto e aggiustate di sale. Formate delle polpette con le mani umide. Preparate tre ciotole per la panatura: una per la farina, una con l’uovo sbattuto, una con il pangrattato Nella ciotola con l’uovo aggiungete uno schizzo di limone; nel pangrattatoun po’ di scorza di arancio e limone e un pizzico di sale.
Rotolate le polpette prima nella farina, poi nell’uovo e infine nel pangrattato Friggetele in abbondante olio. Scolatele, tamponatele e completatele con una spolverata di scorza d’agrumi.

Ufficio stampa Sabelli
c/o fruitecom srl

Calzone alla molfettese e vino

calzone alla molfetteseCalzone alla molfettese e vino

Con Cantine di Natale Molfetta lavora per il presidio di tipicità
Non solo evento
Ma rilancio di un prodotto tipico abbinato ai miglior vino. Questo è anche Cantine di Natale l’evento che si svolgerà a Molfetta dal 15 al -17 dicembre nel centro storico.

Al centro del progetto la collaborazione tra Associazione Fermento Antico, La Voce di Sant’Andrea, Ser Molfetta, Comune di Molfetta e l’Associazione Panificatori Molfetta per portare sulle tavole dei gourmand una ricetta tipica della traduzione molfettese .
“Se la ricetta del calzone molfettese la cui natalità va ben oltre le nostre nonne – è simbolo di autenticità e tradizione – noi vogliamo farlo arrivare sulle tavole degli esperti dichiarano Pasquale Mancini Assessore al Marketing Territoriale del Comune di Molfetta e Rosaria Capursi rappresentante dell’ associazione Panificatori Molfetta.
Se una ricetta così deliziosa la impreziosiamo grazie ad una politica di marketing ad cantine di natale (1)hoc allora il lavoro di rete prende la strada giusta ovvero quella di presentarla – ai palati più raffinati e alle penne enogastronomiche – come una bontà espressione della nostra terra e del lavoro dei nostri artigiani – concludono Mancini e Capursi”.

Il binomio perfetto è quello di gustarlo accompagnandolo con un buon vino allora il calzone molfettese diventa una ricetta per tutto l’anno. Questo è l’intento di Cantine di Natale che si identifica come un’ iniziativa valevole di indiscusso valore di marketing territoriale,
in quanto – mette insieme cultura della città, teatro di strada, musica ed enogastronomia.
Con il calzone molfettese si vuole aprire una strada al presidio Slow Food a Molfetta una sfida enogastronomica che si rende credibile è fattibile viste le forze messe in rete in questa edizione. Quasi 20 i panificatori aderenti e quasi altrettante le cantine di vini coinvolte.
Non ci resta che preparare i palati a gustare il meglio della Molfetta natalizia. Per informazioni : – fermentoantico@gmail.com tel. 340.6666363 – 349.3820497 – @cantinedinatale

La giornata contro gli sprechi

#OdiamoGliSprechi #ad E.ON “La giornata contro gli sprechi” che si terrà il 13 Dicembre presso l’UniCredit Pavilion (Milano). vuole promuovere l’impegno di E.ON sul tema del riciclo e della sostenibilità ambientale dei consumi energetici .EVENTO APERTO A TUTTI ANCHE AI BAMBINI!!!
https://www.facebook.com/eonitalia/photos/a.311054658927207.78588.309840349048638/1765874273445231/
https://twitter.com/EON_Italia/status/940159325884047361
https://twitter.com/EON_Italia
https://www.facebook.com/eonitalia/

Girolio 2017

BROCHURE GIROLIO 2017 LARINO (2)Girolio 2017

Dal 15 al 17 dicembre Larino protagonista della Tappa Molisana dell’eventi promosso dall’Associazione Nazionale Citt dell?olio

Il Vicesindaco D’Ermes: “Un appuntamento d’eccezione all’insegna della collaborazione tra istituzioni, aziende ed associazioni per promuovere l’olio extravergine, il territorio e la dieta mediterranea”

La Città di Larino è lieta di presentare la tappa regionale di Girolio 2017, evento itinerante promosso dall’Associazione Nazionale Città dell’Olio che da aprile a dicembre attraverserà l’Italia alla scoperta delle eccellenze gastronomiche italiane, dei paesaggi e territori di produzione, dei luoghi e dei mestieri legati alla terra e all’olio.

L’edizione 2017 sarà dedicata al tema della Dieta Mediterranea, Patrimonio dell’Umanità Unesco dal 2010 e Paesaggio per promuoverne la cultura e la conoscenza. In particolare, si parlerà non solo di olio extra vergine di oliva, alimento principe della Dieta Mediterranea portatore di valori legati alla convivialità e ad uno stile di vita celebrato in tutto il mondo, ma soprattutto dei luoghi dell’olio e della Dieta Mediterranea per narrare il cibo insieme ai paesaggi e ai monumenti, dei beni culturali, ricollocando il cibo e i nostri prodotti enogastronomici nei luoghi che li hanno determinati.

Il Comune di Larino, tra le città italiane fondatrici dell’Associazione Nazionale Città dell’Olio, è stata scelta per rappresentare il Molise nell’edizione 2017 e dal 15 al 17 dicembre prossimi promuoverà un ricco programma di eventi, in collaborazione con Regione Molise, Comune di Montorio, Arsarp, Fruttagel, Molise Cinema, Istituto Tecnico Agrario “San Pardo”, Istituto Alberghiero “Federico di Svevia”, Centro Culturale Afra, Villaggio delle Arti e Vespa Club Larino.

“È un onore per la Città di Larino ospitare la tappa molisana di Girolio 2017 – ha dichiarato il Vicesindaco Assunta D’Ermes – una tappa all’insegna della collaborazione tra istituzioni, aziende ed Associazioni locali e nazionali che, ognuno per le proprie specificità ed eccellenze, hanno condiviso un progetto di valorizzazione e promozione di un territorio sempre più da scoprire. Quello molisano e di Larino in particolare.
Il filo conduttore della tre giorni che abbiamo organizzato sarà sempre l’olio extravergine di oliva, il Re della nostra dieta mediterranea diventata patrimonio dell’Umanità. E di Olio EVO si parlerà il giorno dell’inaugurazione alla presenza di un testimonial d’eccezione, l’atleta paralimpico molisano Pompeo Barbieri, un vero esempio di coraggio e positività per i nostri ragazzi.
Tantissimi gli appuntamenti per grandi e piccini che faranno da cornice alla tappa di Girolio a Larino – ha concluso il Vicesindaco D’Ermes – degustazioni di olio in abbinamento ai piatti della tradizione e ai prodotti dell’eccellenza gastronomica locale, eventi cinematografici, convegni scientifici e divulgativi, eventi musicali e intrattenimento per i più piccoli, mercatini dei saperi e dei sapori, cooking show, coinvolgimento delle scolaresche in laboratori di conoscenza del mondo dell’olio extravergine. Questo e tanto altro nella tappa in Molise di Girolio 2017 a Larino”.

Programma:

Venerdì 15 dicembre 2017

Ore 9.30-12.30 Inaugurazione Tappa regionale Girolio d’Italia
presso Istituto tecnico Agrario “San Pardo”
Cerimonia istituzionale intonazione dell’Inno d’Italia e Alza Bandiera
Coro dell’Istituto Tecnico Agrario San Pardo
Testimonial di tappa Pompeo Barbieri

Saluti istituzionali
Vincenzo Notarangelo, Sindaco di Larino
Angelo Sbrocca, Consigliere nazionale Città dell’Olio
Antonio Sorbo, Coordinatore regionale Città dell’Olio
Enrico Lupi, Presidente Associazione nazionale Città dell’Olio

Ore 10.30 Seminario
“Paesaggio, alimentazione e nuove Tecnologie”,
a cura del Comune di Larino, Istituto Tecnico Agrario, Arsarp
Conclusioni Vittorino Facciolla, Assessore Agricoltura Regione Molise

Ore 12.30 Degustazione di Pane e Olio

Ore 17.00 Olio in Corto 2° Edizione
Rassegna di cortometraggi sul tema Paesaggi, olio e prodotti tipici
Presso il Cinema teatro risorgimento
a cura dell’associazione Molise Cinema

Ore 18.30 Corso di Magia per i piccoli
Atrio del Palazzo Ducale
A cura del Comune di Larino
In collaborazione con Creatori di sorrisi

Ore 18.30 Inaugurazione del Mercatino dei saperi e dei sapori
Apertura con Corteo di cornamusa e tamburi a partire dal Cinema Teatro, via Cluenzio e Palazzo Ducale

Ore 19.00 Degustazioni di prodotti tipici
a cura dell’associazione Il Gusto dei Sensi
Sale espositive Pilone e Preziosi

Ore 20.30 Intrattenimento con musica tradizionale Natalizia
a cura dell’Associazione Villaggio delle Arti

Sabato 16 Dicembre 2017

Ore 10.00 “La Dieta Mediterranea: Una scelta Naturale per promuovere una corretta Alimentazione e i Territori”
Presso sala Freda 4°piano Palazzo Ducale
A cura del Comune di Larino in collaborazione con FRUTTAGEL, Lega Italiana per la lotta ai tumori Regionale, Università del Molise, Istituto Tecnico Agrario, IPSAAR di Termoli,

ore 11.30 Show cooking dello chef
Presso sala consiliare Pietrantonio Palazzo Ducale
testimonial della seconda giornata di Tappa Prof. Maurizio Santilli

ore 12.30 Light Lunch offerto da Fruttagel e IPSSAR di Termoli
Palazzo Ducale

Ore 17.00 Premiazione GOCCIA D’ORO
a cura dell’Arsarp
Cinema teatro Risorgimento

Ore 17.30 Apertura del Mercatino dei saperi e dei sapori
Palazzo Ducale

Ore 19.00 Degustazioni di prodotti tipici
a cura dell’associazione Il Gusto dei Sensi
Palazzo Ducale

Ore 20.00 Spettacolo Musicale Christams JazzAngo
A cura di Donato Santoianni
Palazzo Ducale

Domenica 17 dicembre 2017

Montorio nei Frentani

Ore 10.30 Gira Montorio
Incontro dei partecipanti in piazza Vittorio Emanuele per dirigersi tramite mezzi propri a Montorio nei frentani

Ore 11.00 Arrivo a Montorio
Percorsi turistici nella città di Montorio, con punti di osservazione dei paesaggi agricoli e naturalistici.
Degustazione di pane e olio e prodotti tipici
Letture di poesie e canti popolari tipici

Larino

Ore 17.30 Apertura del Mercatino dei saperi e dei sapori
Palazzo Ducale

Ore 17.30 Babbo Natale in Vespa
P.zza Largo Gabbia
A cura dell’associazione Vespa Club Larino

Ore 18.30 Libertà di Parole
Presso Cinema teatro Risorgimento
Spettacolo Musicale, teatrale e artistico
a cura del Centro Culturale AFRA
Per info:

Vicesindaco Assunta D’Ermes 349\3928013


Natascia Maesi
Giornalismo & Comunicazione

natascia.maesi@gmail.com

Panettone gastronomico mascarpone e nutella

IMG_3610Panettone gastronomico  mascarpone e nutella

Questo è un dolce facilissimo da realizzare e veloce veloce, ma molto goloso ottimo per queste feste e adorato dai bambini.
La ricetta è con le pere che potete sostituire con qualsiasi frutta, giusto per  dare freschezza, ma è buono anche senza frutta
A seconda del numero dei commensali potete  usarlo tutto il panettone gastronomico (raddoppiando le dosi della crema) potete farlo in diverse varianti alternando anche con strati di creme diverse (ad esempio mascarpone/zucchero/granella di pistacchio o crema pasticcera ) oppure potete usare frutta diversa esempio fragole, lamponi frutti di bosco mirtilli giocando sui colori insomma potete sbizzarrire la vostra fantasia

Ingredienti
4 fette panettone gastronomico
succo di 1 arancia
Per la farcitura
1 pera tagliata a pezzetti
250 gr di mascarpone
2 cucchiai di zucchero
3 cucchiai di crema di nocciole (o Nutella )
Per la copertura
crema di nocciole (o Nutella )
Per decorare
Panna
codette

Preparazione
Spremete l’ arancia (se arancia non è bella dolce zuccheratelo)
Mescolate mascarpone e crema di nocciole (o Nutella ) fino ad ottenere una crema omogenea
Bagnate il pane gastronomico con il succo di arancia spalmateci la crema e fate gli strati alternandolo a strati di frutta
Ricoprite con crema di nocciole (o Nutella )e a piacere con le codette
Mettete in frigorifero per un’oretta
A piacere decorate con la panna

Zuppa lenticchie Antonietta

Zuppa lenticchie Antonietta

Ingredienti
1 barattolo di lenticchie oppure 250 gr di lenticchie secche (da tenere in ammollo per almeno 12 ore)
1 cipolla
1 costa sedano
1 carota
olio
sale qb

Preparazione
Prendere 1 tegame mettete l’olio, tagliate la  cipolla e fatela dorare, unite le lenticchie aggiungete il sedano e la carota fate cuocere per circa 15 minuti e servite

Zuppa di porro e patate Marialaura

Zuppa di porro e patate Marialaura

Ingredienti
4 patate grandi
2 porri
1 litro di brodo vegetale
1 cucchiaino di curcuma
sale
paprika
timo tritato
2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
A piacere
pancetta croccante
crostini

Preparazione
Tagliate a cubetti le patate  grandi e tritare i porri. Cuocete nel brodo vegetale,aggiungendo un cucchiaino di curcuma, sale, paprika e timo tritato. Quando saranno cotte aggiungete l’olio extravergine d’oliva
Volendo potete frullare tutto e servire con pancetta croccante e crostini

Tronchetto salato Ketty

25188655_173645003372432_6254068501241291448_oTronchetto salato Ketty

Ingredienti
tonno
pomodoro
pane per tramezzini
insalata russa
insalata capricciosa
maionese

Preparazione
24955532_173645633372369_2704498019874911572_oPrendete il pane per i tramezzini con un mattarello unitene due o tre a seconda di quanto si vuole fare grande  il tronchetto
Farcite a piacere un’ idea potrebbe essere (come ho fatto io)  farne una parte ripieno con tonno e pomodoro, una parte con insalata russa, e una parte con insalata
capricciosa
Arrotolate energicamente mettete in frigo almeno 5,6 ore
Dopo togliete la pellicola e decorate a piacere
Decorate con la maionese

A Cesena torna il Romagna Wine Festival

_DSC0672A Cesena torna il Romagna Wine Festival
Dal 7 al 9 dicembre una girandola di degustazioni, laboratori del gusto, presentazioni a tema fra vino e cultura, convegni e conferenze in tutto il centro storico. Sugli scudi il Derby del Sangiovese, una disfida fra territori per il principe dei rossi di Romagna e una degustazione en primeur di Albana e Sangiovese

Cesena – La Romagna del vino e del cibo di qualità si dà appuntamento a Cesena per la V edizione del Romagna Wine Festival, una tre giorni dedicata a gastronauti, vignaioli, giornalisti, winelover, degustatori e appassionati del buon vivere. Dal 7 al 9 dicembre il cuore storico della città malatestiana si trasforma in una grande arena del gusto, dove il Romagna Sangiovese e gli altri vini del territorio duettano con i prodotti della gastronomia locale e con tanti ospiti eccellenti provenienti da altre regioni del Belpaese.

ANTEPRIMA – Si comincia giovedì 7 dicembre alle 18.00 con l‘Aperid’hoc alla Libreria Giunti con appuntamenti a sorpresa fra vino e cultura. Poi alle 20,30 al rinnovato Foro Annonario, in Piazza del Popolo, esplosione di Bollicine di Montagna con un laboratorio del gusto dedicato alle migliori etichette del Trento Doc. La degustazione, aperta a 50 appassionati (25 euro solo su prenotazione), sarà guidata da Annalisa Barison sommelier degustatore, presidente Ais Emilia, sempre ai primi posti nei concorsi nazionali e internazionali come Ambasciatore delle bollicine, con particolare attenzione allo Champagne. In degustazione il meglio delle bollicine metodo classico trentine con etichette tutte millesimate dal pedigree ineccepibile.

Archiviata l’anteprima, la manifestazione entra nel vivo il venerdì 8 e il sabato 9 con convegni, conferenze, momenti di intrattenimento fra vino e cultura, degustazioni, laboratori del gusto, disfide enologiche fra territori. Tanti i “centri di gravità” del Wine Festival 2017 che coinvolgono tutto il centro storico di Cesena.

LE DEGUSTAZIONI – Teatro delle degustazioni del venerdì (a partire dalle 17,30, costo € 12) è ancora il Foro Annonario, dove, fra allestimenti e scenografie ‘eco’ realizzate con imballaggi di legno, l’Associazione Italiana Sommelier presenta l’ultima vendemmia dei vini simbolo della Romagna, in un simpatico gioco ‘en primeur’ in cui il Romagna Sangiovese Doc e l’Albana Docg anno 2017, ancora in ‘vasca’, vengono serviti da grandi decanter e raccontati ai winelover dai sommelier e dai vigneron romagnoli. In abbinamento al vino piccoli assaggi di salumi e formaggi romagnoli e della grassa tradizione emiliana. Nella platea e sul palcoscenico del Verdi sono invece organizzate le degustazioni principali del sabato (dalle 16.00, costo € 18). Centinaia le etichette in assaggio libero a cura dei produttori e dei sommelier Ais. Fra i vini in degustazione il completo portafoglio enologico della Romagna, Sangiovese e Albana in testa a festeggiare i prestigiosi compleanni (cinquant’anni di Doc il primo e 30 di Docg la seconda). Ad accompagnare i calici del territorio numerose etichette da altre regioni italiane, dalla Toscana soprattutto, con i cugini dei territori del Chianti e del Morellino, ma anche i freschi e taglienti bianchi dell’Altoadige e allegre esplosioni di bollicine. Il tutto abbinato a sfiziosi assaggi di prodotti del territorio, preparatati e serviti dai giovani allievi, futuri chef e camerieri, dell’Istituto Alberghiero pellegrino Artusi di Forlimpopoli. Tra i prodotti in degustazione, squacquerone di Romagna Dop, bucciato e ricotta al sale di Cervia della Centrale del Latte di Cesena, i gustosi salumi di Del Vecchio, l’immancabile Mortadella di Bologna Igp, sposa perfetta di ogni assaggio, il pane e le focacce della tradizione di Re di Pane. Concludono in dolcezza le degustazioni i gelati gourmet proposti da Babbi.

Al Verdi ci sarà anche il tempo di premiare il vincitore del Romagna Wine Contest, le cui foto saranno esposte nelle vetrine dei negozi del centro storico, che con originalità ha immortalato la vendemmia e le colline cesenati nel mese di ottobre.

CONFERENZE E CONVEGNI – Dedicata al rapporto fra vino e cinema e aperta al pubblico degli appassionati, ‘Cinema e Vino, una trama lunga un brindisi’, la conferenza del pomeriggio di venerdì (ore 16.00) alla Biblioteca Malatestina, animata dal saggista e studioso di Cinema Miro Gori e dal Presidente di Riccione Teatri Daniele Gualdi. Appuntamento per gli addetti ai lavori invece il sabato (a partire dalle ore 15 sempre alla Malatestiana) con il convegno principale del Festival ‘Dal Mio al Bio: Vino e sostenibilità, in vigna, in cantina, nel portafogli’ che cercherà di fare il punto con enologi ed esperti di settore sull’arcipelago della sostenibilità, ormai considerata parola d’ordine mondiale, anche nel settore vino. Nel corso del convegno sarà consegnato anche il Premio Profeta in Patria assegnato, come ogni anno, ad un romagnolo illustre che ha incarichi e visibilità nel mondo del vino a livello nazionale.

FRA ARTE E VINO Proseguendo il filone della cultura quest’anno il RWF si arricchisce di un grande protagonista, lo scultore cesenate Leonardo Lucchi che per l’occasione ha deciso di aprire il suo atelier in Piazza del Popolo, per raccontare il suo rapporto artistico con la terra e il vino che sarà seguito da un momento di degustazione curato dai sommelier di Ais. Poi tutti al foro Annonario per ammirare ‘Il Vignaiolo’, magnifica installazione in bronzo a grandezza naturale che l’artista ha deciso di mettere ‘a guardia’ delle degustazioni al Foro durante il Wine Festival e che rimarrà in esposizione fino al 6 gennaio.

DERBY DEL SANGIOVESE – Anche quest’anno il Wine Festival propone la sua disfida attraverso il Derby del Sangiovese, che quest’anno vede il confronto fra i territori della Romagna giudicati da una giuria tecnica e dagli assaggi ‘popolari’. In disfida il Romagna sangiovese Superiore 2016 dei sei territori romagnoli: Riminese, Cesenate, Faentino, Forlivese, Ravennate, Imolese. Come sempre ad aggiudicarsi il Premio Rilegno, un manufatto creato con stecche di barrique, realizzato ed inciso da Laser Service di Cesena, sarà una terna di vini di più territori. Il Premio è simbolicamente intitolato al consorzio nazionale Rilegno che in Italia ricicla legno e sughero ed esempio di sostenibilità ambientale così come lo vuole essere il Romagna Wine Festival.

I PACCHETTI – E per chi volesse gustare pienamente tutte le giornate del festival, in sinergia con l’ufficio turistico comunale sono stati creati appositi pacchetti che prevedono un soggiorno a prezzi agevolati, sconti per degustazioni ed eventi e visite guidate gratuite nei musei della città (info: www.comune.cesena.fc.it/cesenaturismo).

I PARTNER – Organizzato dall’Associazione Italiana Sommelier Romagna, Agenzia PrimaPagina e Consorzio Produttori Olio e Vino di Cesena, in collaborazione con la Madia Travel Food e il Consorzio Vini di Romagna, il Festival è Patrocinato del Comune di Cesena, della camera di Commercio Fc, della Regione Emilia Romagna e il contributo di Zona A.

Molti anche gli attori del territori che hanno collaborato per rendere possibile la manifestazione cominciando da AXA Assicurazioni che ha in portafogli soluzioni pensate per gli specialisti del settore con particolare attenzione alla vitivinicoltura e al settore caseario, il Credito Cooperativo Romagnolo e Confcooperative Forlì-Cesena. E ancora la Ferri Ford che fornirà le vetture di cortesia per il festival Saida, Tecno Pì, Agrimacchine Rubicone e Sun Ice che fornirà anche il ghiaccio per le degustazioni del Foro Annonario.

Info:
Romagna Wine Festival
giovedì 7, venerdì 8, sabato 9 dicembre – Cesena
www.romagnawinefestival.it – FB Romagna Wine Festival

ufficiostampa@agenziaprimapagina.it


Anna Frabotta- Agenzia PrimaPagina
Via Sacchi 31 – 47521 Cesena
tel. 0547 24284 – fax 0547 27328
8ufficiostampa@agenziaprimapagina.it
http://www.agenziaprimapagina.it <http://www.agenziaprimapagina.it/>

Vini e Arte: insieme nel progetto Galassi e il Museo Archeologico Nazionale di Sarsina

20171201_145818Vini e Arte: insieme nel progetto Galassi e il Museo Archeologico Nazionale di Sarsina

Il mosaico “Trionfo di Dioniso” sarà fatto conoscere al mondo intero attraverso le etichette del celebre brand

Sarsina (1 dicembre 2017) – Vino e arte: un racconto che attraversa i secoli. Una liaison che si rinnova e fa incontrare antico e moderno in Romagna. Protagonisti Galassi, celebre brand del vino con sede a Forlì, e il Museo Archeologico Nazionale di Sarsina. Insieme in un progetto di respiro internazionale.

Il marchio Galassi, infatti, ha deciso di rinnovare la propria immagine vestendo le etichette con alcuni segmenti del celere mosaico “Trionfo di Dioniso”. Non un restyling di facciata, bensì un tocco artistico elemento di identità di un vino che si riconosce in alcuni valori di riferimento: territorio, storia, cultura e arte.

Le nuove etichette complessivamente sono quattordici e riguardano tutte le referenze della linea dei vini. “Galassi, un sorso di Romagna”, per parafrasare un celebre claim, è divenuto in questi anni un marchio regionale, che ha allargato gli orizzonti alla gamma di vini come il Pignoletto e Lambrusco, in aggiunta agli storici Romagna Sangiovese, Trebbiano, Cagnina, Pagadebit, Albana, Novello.

Ognuno di questi vini a partire dal mese di dicembre porterà in dote un’etichetta con un frammento del “Trionfo di Dioniso”. La scelta di questo mosaico non è casuale. Se comunemente il vino viene definito il “nettare di Bacco”, mutuato dalla cultura romana, lo stesso si può dire di Dioniso, divinità della cultura greca. E proprio a Dioniso fa riferimento il pregevole Mosaico ospitato nel Museo Archeologico Nazionale di Sarsina.

Rinvenuto nel 1966 nel pavimento di una Domus Romana a Sarsina, è stato ricomposto ed esposto in una parete verticale per l’esposizione al pubblico. L’immagine di circa 50 metri quadrati rappresenta Dioniso su un carro trainato da tigri e governato da Pan e da un Satiro. Il medaglione è attorniato da una grande “ruota” con inscritte figure di animali esotici; negli spicchi sono le figure umanizzate dei quattro venti. Le forme decorative si riconducono poi al rettangolo con sei quadri abitati da fauni, sileni e menadi danzanti (figure mitologiche componenti il corteo dionisiaco). Intorno, è un grande tralcio di acanto in cui si intercalano fiori e palmette: in alto una fascia in bianco e nero con scene di caccia conclude il gigantesco pavimento. Un chiaro esempio del magnifico splendore a cui era giunta la città romana alla fine del II secolo d.C. In Italia, infatti, pavimenti di questa mole e fattura son visibili solo a Piazza Armerina in Sicilia. Il mosaico è realizzato con la tecnica detta a piccole tessere in marmo e pasta vitrea. Il mosaico decorava un triclinium estivo, caratteristica sala da banchetto all’aperto.

Dunque, un mosaico ricco di storia, cultura, arte. Tre emblemi del “made in Italy” che si incontrano con il percorso di Galassi, che in questo modo diviene una sorta di ambasciatore del mosaico in Italia e all’estero. Presente nel mercato in tutta la Penisola, il vino sarà commercializzato a livello internazionale dal Gruppo Cevico, di cui Due Tigli fa parte, tra i principali player del settore, gruppo che esporta in 62 paesi del mondo.

I vini interessati al progetto sono: Sangiovese superiore Romagna doc; Sangiovese Romagna doc; Trebbiano Romagna doc; Pignoletto doc frizzante; Pignoletto doc spumante; Pagadebit Romagna doc; Cagnina Romagna doc; Novello Sangiovese Romagna doc; Albana dolce Romagna docg; Pinot bianco-chardonnay frizzante igt; Spumante extra-dry millesimato; Montepulciano d’Abruzzo doc; Lambrusco secco igt; Lambrusco amabile igt.

Come illustrato dall’enologo del Gruppo Cevico, Pierluigi Zama, le uve di sangiovese Galassi sono al centro di processo di selezione degli acini. Dopo un’attenta cura in vigna, grazie a un innovativo processo tecnologico, le uve di sangiovese sono poste in una soluzione di mosto e vengono selezionate acino per acino in base al grado di maturazione, consentendo di dedicare il prodotto migliore ai vini di qualità.

Ufficio Stampa Gruppo Cevico

PrimaPagina Cesena

Filippo Fabbri (347.1567681)
Maurizio Magni (335.5988899)

Filippo Fabbri – Agenzia PrimaPagina
Via Sacchi 31 – 47521 Cesena
tel. 0547 24284 – fax 0547 27328
cell. 347 1567681
fabbri@agenziaprimapagina.it
http://www.agenziaprimapagina.it <http://www.agenziaprimapagina.it/>