AICIG successo e consensi a Cubus 2012 – Marte Comunicazione – Ufficio stampa AICIG

Comunicato Stampa  10 maggio 2012

Bilancio positivo per la partecipazione dell’Associazione
 

Numerosi gli appuntamenti organizzati nella Piazza dei prodotti Dop e Igp. Eventi clou della manifestazione, la conferenza stampa di inaugurazione con il Ministro Mario Catania nello Spazio Incontri, la presentazione del nuovo portale Ansa dedicato all’agroalimentare e il convegno sul valore dell’origine geografica per Dop e Igp

Si chiude oggi a Parma Cibus 2012, la fiera più importante per l’agroalimentare italiano, con un grande successo per tutto il programma di degustazioni e appuntamenti che si sono tenuti nello spazio incontri dell’Associazione Italiana Consorzi Indicazioni Geografiche in collaborazione con il Ministero della Politiche Agricole, Alimentari e Forestali. Ad aprire gli eventi, lunedì 7 maggio, la presenza allo stand del MIPAAF, del Ministro Mario Catania in occasione della conferenza stampa di inaugurazione della manifestazione, a cui ha fatto seguito l’apertura della piazza dei prodotti Dop e Igp e con essa le degustazioni delle quattro grandi Dop: Parmigiano Reggiano, Grana Padano, Prosciutto San Daniele e Prosciutto di Parma, alternati con molte altre eccellenze agroalimentari italiane Dop e Igp tra cui quattro Oli Dop, Chianti Classico Dop, Garda Dop, Riviera Ligure Dop, Val di Mazara Dop.

Martedì 8 maggio, tre gli eventi di rilievo nello spazio incontri dello stand Aicig: la conferenza  “Balsamico: azioni e strategie per la tutela della denominazione”, la conferenza stampa di “Vini nel mondo” e la presentazione ufficiale del portale Ansa “Terra e Gusto”, interamente dedicato all’agroalimentare italiano in  collaborazione con Aicig.

Mercoledì 9, la giornata si è aperta con un matrimonio inedito tra “due mondi”: quello tra la mozzarella di bufala campana Dop e la Tequila Dop, oggetto di una originale degustazione. Nel pomeriggio, riflettori puntati sul convegno di Aicig dedicato  a “Dop e Igp, il valore dell’origine geografica”, moderato dalla giornalista Ansa Alessandra Moneti e al quale sono intervenuti il Mipaaf, Ismea, OriGIn, Consorzio del Prosciutto di Parma, Borsa Merci Telematica Italiana BMTI S.c.p.a., AON e Cribis.
Gli interventi del convegno, tutti con alto contenuto tecnico e professionale, hanno offerto spunti interessanti per le aziende che hanno come prospettiva l’internazionalizzazione, in particolare nei paesi emergenti dell’area BRIC (Brasile, Russia, India e Cina).

Ufficio stampa AICIG
Marte Comunicazione snc di Marzia Morganti Tempestini & C.
Tel 335 6130800 Email marzia.morganti@gmail.com
www.martecomunicazione.com

Sapor di Bio Cibus 2012 con Marco Columbro e Tessa Gelisio – Suggerito da Cristina

Olio Bottega Terracotta.jpgSapor di Bio Cibus 2012 con Marco Columbro e Tessa Gelisio che conducono uno show-Cooking con i prodotti Bio Cibus, Parma, martedì 8 maggio, ore 15, presso SaporBio lounge (Pad. 6, stand H034)

La Distilleria Bottega, azienda trevigiana conosciuta ai consumatori per i vini, le grappe e i liquori, dedica una particolare attenzione ai cibi biologici per i quali ha creato il marchio “Bottega di Casa Bottega”.
Questa iniziativa risponde pienamente alla filosofia verde che guida da sempre la famiglia Bottega nella propria attività imprenditoriale.
Nell’edizione 2012 di Cibus la Distilleria Bottega è quindi presente, oltre che con il proprio tradizionale stand (numero L010, Pad. 5), anche con uno spazio dedicato nel lounge SaporBio.
In quest’area verrà presentata la linea “Bottega di Casa Bottega”, che unisce l’eccellenza della produzione bio 100% Made in Italy con un packaging raffinato, in linea con i canoni estetici dei vini Bottega e delle grappe Alexander.

Il focus verrà riservato a due prodotti di particolare appeal:

• Olio Bottega Bio in terracotta. Si tratta di un olio extravergine di oliva, ottenuto dalle migliori olive da Agricoltura Biologica del Centro Italia, che vengono estratte a freddo. Gradevolmente piccante, si caratterizza per l’aroma deciso di oliva matura, con retrogusto leggermente mandorlato. La bottiglia in terracotta non è stata scelta solo per l’originalità del packaging, ma anche e soprattutto perché garantisce la perfetta conservazione dell’olio, al riparo da qualsiasi fonte di luce.

• Torta Bio alla Grappa. È una torta espressione della tradizione pasticcera italiana, che è stata arricchita dall’inconfondibile sapore dell’uva sultanina e della Grappa Bottega. Gustosa e aromatica, si presta ad essere consumata a tavola come dessert o in qualsiasi momento della giornata. Tutti gli ingredienti, inclusa la grappa, sono di produzione biologica. Martedì 8 maggio, alle ore 15, nello stesso lounge SaporBio è in programma un esaltante show-cooking condotto da Marco Columbro e da Tessa Gelisio.

I due noti conduttori televisivi, accompagnati dagli chef della lounge, prepareranno alcuni piatti a sorpresa, utilizzando esclusivamente gli ingredienti Bio di Bottega e delle altre aziende presenti a Sapor Bio. 

Nell’occasione Sandro Bottega, titolare della distilleria, premierà Marco Columbro per il suo costante impegno nella divulgazione della filosofia dell’agricoltura biologica, consegnandogli un riconoscimento a tema.
Si tratta di una speciale selezione di grappa bio, racchiusa in una preziosa e imponente (3 litri) bottiglia in vetro soffiato che riproduce al suo interno l’immagine del sole, simbolo indiscusso delle energie rinnovabili.

Contatti: Giovanni Savio – Distilleria Bottega – Tel. 0438-406801 – savio@alexander.it

Conferenza Balsamico azioni e strategie – Parma – Marte comunicazione

Martedì 8 maggio 2012

I Presidenti dei Consorzi:
ACETO BALSAMICO DI MODENA IGP
CESARE MAZZETTI
ACETO BALSAMICO TRADIZIONALE DI MODENA DOP
ENRICO CORSINI
ACETO BALSAMICO TRADIZIONALE DI REGGIO EMILIA DOP
CARLO FERRETTI
a conclusione del progetto “Tutela Aceto Balsamico di Modena IGP, Aceto Balsamico Tradizionale
di Modena e di Reggio Emilia DOP” svolto con il patrocinio e il contributo del Ministero delle
Politiche Agricole, Alimentari e Forestali la conferenza:
BALSAMICO: AZIONI E STRATEGIE
PER LA TUTELA DELLA DENOMINAZIONE

Martedì 8 maggio alle ore 10.30
Spazio Incontri AICIG
Cibus Parma
Pad. 6 stand B058

Interverranno:
Dott.ssa Mariangela Grosoli
Vicepresidente Consorzio Aceto Balsamico di Modena
Avv. Giorgio Bocedi
Studio Bocedi- Reggio Emilia
Prof. Massimiliano Valentini
CRA- Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura
Dott. Alberto Ventura
Assessorato all’Agricoltura Regione Emilia-Romagna
Dott. Giovanni Piero Sanna
Direttore Generale dello Sviluppo Agroalimentare e della Qualità
del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali

Ufficio Stampa CABM: Marte Comunicazione snc di Marzia Morganti Tempestini & C.
Tel 335 6130800 Email marzia.morganti@gmail.com

A Cibus le scienze gastronomiche e non solo …con studenti dell’Università di Parma – Marte comunicazioni

Comunicato Stampa  4 maggio 2012

A Cibus si parla di scienze gastronomiche e non solo …con studenti dell’Università di Parma

Gli allievi del corso di laurea e del master in “Cultura, organizzazione e marketing dell’enogastronomia territoriale” presenteranno in una conferenza stampa i nuovi profili professionali a sostegno dell’Italian Food

“I gastronomi laureati, nuove figure professionali per la crescita dell’Italian Food” è il titolo dell’incontro che gli studenti del corso di laurea in Scienze Gastronomiche e del Master in “Cultura, organizzazione e marketing dell’enogastronomia territoriale” hanno organizzato per mercoledì 9 maggio alle ore 10 a Cibus presso lo Spazio Incontri dell’Associazione Italiana Consorzi Indicazioni Geografiche AICIG (Stand B058 Pad. 6) allo scopo di far conoscere alle molteplici realtà dell’universo agroalimentare italiano il proprio profilo. Insieme a loro, a presentare i corsi di studio, il presidente del corso di laurea in Scienze Gastronomiche, Furio Brighenti, il presidente del Master, Andrea Fabbri e la docente di comunicazione e organizzazione di eventi enogastronomici Marzia Morganti Tempestini.

“Il Corso di Laurea in Scienze Gastronomiche – spiega il presidente Furio Brighenti – ha come obiettivo quello di formare professionisti con competenze utili a soddisfare la domanda di aziende, enti locali e istituzioni, che richiedono specialisti in tale ambito. Questa figura professionale è in grado di comprendere le dinamiche del mercato, interpretare le esigenze dei consumatori e diffondere una cultura enogastronomica ponendo come primo obiettivo la valorizzazione delle caratteristiche e tipicità degli alimenti di cui è ricca la nostra tradizione”.

Dall’anno accademico in corso, è attivo anche il Master in Cultura, organizzazione e marketing dell’enogastronomia territoriale”, presieduto da Andrea Fabbri, che si presenta a Cibus per trovare non solo nuove collaborazioni di carattere tecnico-scientifico con enti e aziende interessate a dare il proprio contributo allo sviluppo di una didattica altamente formativa, mettendo ad esempio a disposizione la propria esperienza da raccontare in aula o tramite l’attivazione di tirocini formativi, ma anche per informare il mondo dell’agroalimentare sull’esistenza e su quelle che sono le peculiarità di questi profili emergenti nel mondo della scienze gastronomiche.

“Il Master si affaccia sul panorama formativo in un momento in cui il patrimonio enogastronomico diventa uno dei primi criteri di scelta di una destinazione di vacanza – afferma il presidente del Master Andrea Fabbri – e questa tendenza fortifica gli obiettivi del corso, in particolare quello di valorizzare le produzioni agroalimentari italiane, da sempre icona del mangiar bene e sano. La figura professionale formata al termine delle 1500 ore di lezioni frontali e tirocinio in aziende private o strutture pubbliche, è quella dello “Specialista in valorizzazione dell’enogastronomia territoriale”, in grado di identificare e valorizzare il patrimonio enogastronomico materiale e immateriale, organizzare eventi a finalità economica turistica e culturale legati alle risorse alimentari e gastronomiche del territorio con particolare attenzione all’impatto sociale e ambientale del cibo, progettare e gestire azioni di marketing e comunicazione per l’enogastronomia territoriale rivolte ai diversi settori di produzione, trasformazione e consumo del cibo, organizzare e gestire processi di produzione e di servizio, sia in ambito enologico che gastronomico”.

Primo a credere nel Corso di Laurea di Scienze Gastronomiche e ad offrire la collaborazione per il Master è stato il Consorzio del Parmigiano Reggiano, una delle realtà più importanti nel panorama dell’agroalimentare internazionale con i suoi 383 caseifici produttori di 3.231.915 forme per un valore stimato al consumo di oltre 1.892 milioni di euro (dati riferiti al 2011).

“Il Consorzio ha voluto sostenere corsi universitari e lauree in scienze gastronomiche finalizzati al settore dei prodotti del territorio – ha dichiarato Giuseppe Alai, presidente del Consorzio del Parmigiano-Reggiano – in quanto riguardano i tratti più a valle della filiera, in particolare la vendita, la promozione e l’utilizzo del prodotto; sono temi cruciali per noi, per fare cultura di prodotto presso il consumatore e gli opinion leader. E’ inoltre evidente che un corso di laurea con queste caratteristiche a Parma inevitabilmente fa dei produttori del Parmigiano-Reggiano e del Consorzio i primi destinatari di una simile proposta di ricerca e di indagine culturale sull’alimentazione”.

Per informazioni:

Allievi Master in Cultura organizzazione e marketing dell’enogastronomia territoriale Docente di riferimento Marzia Morganti cell. 3356130800

 

43124 Parma – Italia – Viale Usberti, 93/A, Tel. 0521905965-0521905966 – Fax 0521906028, e-mail: facagr@unipr.it
Allegati presenti in questa mail:
   

Balsamico al Cibus di Parma si discutono le azioni e strategie di tutela della denominazione – Marte comunicazione

ABM versato bollino HiRes.JPGMartedì 8 maggio 2012
 
Martedì 8 maggio alla più importante fiera agroalimentare italiana, i tre consorzi si riuniranno per la conferenza conclusiva del progetto condiviso col Mipaaf a difesa di una delle denominazioni più imitate nel mondo.

A Cibus Parma si parla di Aceto Balsamico: l’appuntamento è per martedì 8 maggio, quando i tre consorzi di tutela– Aceto Balsamico di Modena, Aceto Balsamico Tradizionale di Modena e Aceto Balsamico Tradizionale di Reggio Emilia – si riuniranno nello Spazio Incontri dell’Associazione Italiana Consorzi Indicazioni Geografiche AICIG (Pad. 6 stand B058) per condividere riflessioni e proposte di azione e strategia di tutela della denominazione.

“Con questo convegno vogliamo continuare a tenere accesi i riflettori su una questione importante come la tutela delle denominazioni – commenta il Presidente del Consorzio Aceto Balsamico di Modena, Cesare Mazzetti – dal momento che le speculazioni sul nome del nostro prodotto non tendono ad arrestarsi. Il Ministero delle Politiche Agricole si è dimostrato molto sensibile a questi aspetti, sostenendo un programma di azioni e ricerche che si va a concludere in questi giorni. E’ un momento particolarmente delicato per tutto il settore ed è importante non abbassare la guardia, mostrandosi uniti e mantenendo attivo il dibattito sulle azioni di tutela”.

“Con questo convegno vogliamo continuare a tenere accesi i riflettori su una questione importante come la tutela delle denominazioni – commenta il Presidente del Consorzio Aceto Balsamico di Modena, Cesare Mazzetti – dal momento che le speculazioni sul nome del nostro prodotto non tendono ad arrestarsi. Il Ministero delle Politiche Agricole si è dimostrato molto sensibile a questi aspetti, sostenendo un programma di azioni e ricerche che si va a concludere in questi giorni. E’ un momento particolarmente delicato per tutto il settore ed è importante non abbassare la guardia, mostrandosi uniti e mantenendo attivo il dibattito sulle azioni di tutela”.

L’incontro si aprirà alle 10.30 con i saluti dei presidenti dei tre consorzi Cesare Mazzetti, Enrico Corsini e Carlo Ferretti, a cui seguirà l’intervento della Vicepresidente del CABM Mariangela Grosoli che illustrerà le attività finora svolte e gli obiettivi raggiunti dal progetto per la tutela dell’Aceto Balsamico di Modena IGP e delle due DP ‘Balsamico Tradizionale’.

All’avvocato Giorgio Bocedi spetterà il compito di illustrare gli aspetti giuridici e interpretativi della tutela delle denominazioni, mentre il Professore Massimiliano Valentini del CRA – RPS Centro di ricerca sulle relazioni tra pianta e suolo, parlerà in termini più scientifici dell’Aceto Balsamico di Modena IGP, raccontando i primi risultati delle ricerche svolte sulla maturazione e l’invecchiamento. Le considerazioni conclusive saranno affidate ad Alberto Ventura dell’Assessorato all’Agricoltura della regione Emilia-Romagna, e a Giovanni Piero Sanna, Direttore Generale del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali).

Ufficio Stampa CABM

Marte Comunicazione snc di Marzia Morganti Tempestini & C.

Tel 335 6130800 Email marzia.morganti@gmail.com

Conoscere meglio Le Dop e Le IGP Italiane – Marte comunicazioni

Comunicato Stampa 3 maggio 2012

 
AICIG, appuntamento a CIBUS 2012 per Conoscere meglio Le Dop e Le IGP Italiane

 
Quattro giorni di appuntamenti, da vivere insieme all’Associazione Italiana dei Consorzi Indicazioni Geografiche a Cibus 2012 nello spazio incontri allestito nel Padiglione 6 Stand B058 della Fiera di Parma, dove dal 7 al 10 maggio si riuniranno tutti i principali prodotti italiani Dop e Igp.

 

A inaugurare la manifestazione, lunedì 7 maggio alle 13.15 nello Spazio Incontri di AICIG sarà il Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Mario Catania seguito da una degustazione di prodotti Dop e Igp. Il Ministero sarà inoltre presente nello stand con alcuni corner dedicati a entità istituzionali e operative che hanno accettato di partecipare alla manifestazione. In particolare, saranno presenti il Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari, il Corpo forestale dello Stato, l’Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari, l’AGEA, il CRA, l’INEA, l’ISA e l’ISMEA. Sarà inoltre presente BMTI S.c.p.a, società facente capo al sistema camerale, che presenterà il funzionamento della Borsa Merci Telematica Italiana e i servizi assicurativi e finanziari offerti agli operatori del settore.
 

Il Presidente di Aicig, Giuseppe Liberatore a tal proposito ha dichiarato: “Dopo il successo dell’esperienza del 2010, siamo molto lieti di poter proseguire la nostra collaborazione con il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali. Altri importanti protagonisti del settore hanno accettato il nostro invito e saranno presenti con noi a Cibus. In questo periodo difficile, ci sembra infatti che la sinergia costruttiva tra istituzioni e operatori sia un fattore essenziale di sostegno alla competitività agroalimentare italiana e consenta di offrire al mercato internazionale una immagine compatta, omogenea e forte del mondo delle nostre produzioni Dop e Igp”.

Tornando agli appuntamenti, la giornata di martedì 8 maggio inizierà con l’incontro organizzato dai Consorzi dell’Aceto Balsamico di Modena Igp, dell’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena Dop e dell’Aceto Balsamico Tradizionale di Reggio Emilia Dop su “Azioni e strategie per la tutela della denominazione” e con la conferenza stampa su “Vini nel Mondo”, seguita da un pranzo a tema, mentre nel pomeriggio si parlerà di “OLI DOP – Tutti autentici. Ciascuno Speciale” con quattro espressioni di eccellenza della produzione olearia italiana, ovvero Chianti Classico, Garda, Riviera Ligure e Val di Mazara, che nella degustazione che seguirà si accompagneranno al pane di Altamura Dop. A concludere gli eventi della giornata targati AICIG, la presentazione ufficiale del nuovo portale dell’agroalimentare realizzato da ANSA.

 
Mercoledì 9 maggio la giornata si aprirà con la conferenza stampa ‘I gastronomi laureati, nuove figure professionali per la crescita dell’Italian food’ volta a presentare il profilo formato con il corso in Scienze Gastronomiche dell’Università di Parma, a cui seguirà nel pomeriggio la conferenza stampa di AICIG su “DOP e IGP – Il valore dell’origine protetta”. A chiudere la giornata, la degustazione riservata a una delegazione cinese: olio Chianti Classico Dop, Garda Dop, Riviera Ligure Dop, Sabina Dop, Val di Mazara Dop, Prosciutto di Parma Dop, Parmigiano Reggiano Dop e oliva La Bella della Daunia Dop.

 
Saranno un appuntamento fisso nei quattro giorni, invece, gli Esercizi di gusto – Degustazione per studenti, la degustazione di pizza napoletana STG, il pranzo a tema per ospiti e buyers, l’aperitivo italiano a base di Prosecco DOC e prodotti Dop e Igp.

 

Ufficio stampa AICIG
Marte Comunicazione snc di Marzia Morganti Tempestini & C.
Tel 335 6130800 Email marzia.morganti@gmail.com
www.martecomunicazione.com