Marmellata di limoni – Michel

Marmellata di limoni – Michel

Ingredienti
1 kg di limoni non trattati
1 kg di zucchero cristallizzato

Preparazione
Lavate i limoni, puliteli e metteteli in un recipiente dopo averli leggermente punti. Copriteli d’ acqua fredda e lasciateli a bagno durante 48 ore cambiando l’acqua ogni 12 ore. Scolate i limoni e tagliateli in dischi recuperando il succo. Chiudete i semi in un piccolo sacchetto di mussola. Nel recipiente per marmellate, mettete i dischi di limone con 1 l d’acqua ed il sacchetto che contiene i semi quindi ad ebollizione lasciate cuocere 45 minuti a fuoco moderato. Mettete da parte i dischi di limone scolati ed il sacchetto. Nel recipiente per marmellate vuoto, mettete lo zucchero a fondere con 1 grande bichiere d’acqua, portate lentamente ad ebollizione e lasciate cuocere alcuni minuti (110 °C al termometro) versate nello sciroppo i dischi di limone, il sacchetto con i semi ed il succo di limone, mescolate bene con un cucchiaio in legno. Fate ripartire l’ebollizione e lasciate cuocere circa 15 minuti, affinché i limoni siano traslucidi. Ritirate il sacchetto di mussola e mettete in vasi. Coprite.

Confettura d’arance – Michel

Confettura d’arance – Michel

Ingredienti
1,8 kg d’ arance (12 arance)
Zucchero cristallizzato da pesare (circa 1,5 kg)
2 litri d’ acqua

Preparazione
Lavate le arance, tagliate ogni estremità.
Tagliate i frutti in sezioni molto fini.
Recuperate i semi, chiudetli in un nouet.
Mettete i dischi d’ arance in un grande recipiente.
Aggiungete 2 litri d’ acqua ed il nouet di semi, coprite e mettete nel frigorifero per 24 ore. Versate la preparazione nel recipiente per marmellate, nouet compresi.
Portate ad ebollizione e mantenete la cottura durante 50 minuti (1 ora massima).
Scolate i frutti in un filtro conservando l’ acqua di cottura.
Pesate i frutti e lo stesso peso d’acqua di cottura.
Lasciate raffreddare
Aggiungete il nouet, coprite e mettete nuovamente in frigorifero per 24 ore.
Pesate questo miscuglio arancione/acqua e aggiungete lo stesso peso di zucchero.
Versare la totalità nel recipiente per marmellate con il nouet.
Portate ad ebollizione e lasciare cuocere 15 minuti a piccolo bollore (105° al termometro), girando spesso.
Ritirate il nouet di semi.
Mettete in vasi e coprire secondo il metodo scelto”

Cipolline – Giuseppe G.

Cipolline – Giuseppe G.

Ingredienti
3 kg di cipolline
200 gr di zucchero
70 gr di sale
1 bicchier edi olio
1 litro di aceto
1 litro di vino bianco

Preparazione
Fate bollitre il tutto (eccetto cipolle), appena raggiunta la bollitura, buttate le cipolle e scottatele per alcuni minuti.
Aggiungete 1 bicchiere di acqua fredda e 1 di olio ed invasate

Zucchine sott’olio

Zucchine sott’olio

Ingredienti
zucchine
aceto
sale
salvia
alloro
pepe
aglio
bacche di ginepro

Preparazione
Lavate le zucchine.
Tagliate le zucchine a fette alte un centimetro.
Mettetele sotto sale per una notte.
Sciacquatele.
In un tegame bollite l’aceto con foglie di alloro e bacche di ginepro.
Scottate le zucchine per qualche minuto, facendo in modo che stiano sempre al di sotto del livello dell’aceto.
Toglietele dall’aceto e lasciatele asciugare qualche minuto sulla carta assorbente.
Salatele leggermente.
Mettete le zucchine nei vasetti (sterilizzati), ricopritele con olio, aggiungete salvia, alloro, pepe, bacche di ginepro e aglio e chiudete.
Sterilizzate i vasetti.
Prendete una pentola alta e capiente, metteteci dentro i vasetti, separate i vasetti tra loro, utilizzando uno o più canovacci, in modo che non sbattono tra loro, durante la bollitura, ricoprite i vasetti con acqua, i vasetti devono essere ricoperti di almeno un palmo d’acqua sopra al tappo del vasetto .
Raggiunta la bollitura, lasciate bollire per altri 15/20 minuti.
Spegnete e lasciate che i vasetti si raffreddino, piano piano, a temperatura ambiente, in modo da evitare sbalzi di temperatura.
Assicuratevi che le zucchine siano sempre ricoperte di olio soprattutto dopo aver aperto i vasetti, in caso di necessità, rabboccate con altro olio.
Aspettate dieci giorni prima di usarle, prenderanno meglio il sapore delle spezie.

Albicocche -Sandra

Albicocche -Sandra

Ingredienti
500 gr di albicocche
zucchero

Preparazione
Lavare le albicocche, asciugarle.
Mettete le albicocche in vasetti di vetro (asciutti e sterilizzati) senza schiacciarle.
Metteteci sopra un cucchiaio di zucchero (già con 2 cucchiai verranno più dolci).
Chiudete sottovuoto a bagnomaria.
Mettete in vasetti in un tegame fate bollire.
Da quando inizia a bollire fate bollire altri 10 minuti.
Lasciate raffreddare i vasetti nella pentola.

“E’ il metodo di una volta si usava in campagna per conservare la frutta, quando non c’era il frigorifero”

Confettura di zucca

Confettura di zucca

Ingredienti
500 gr di polpa di zucca
200 gr di acqua
300 gr di zucchero
1/2 limone

Preparazione
Pulite la zucca e tagliatela a cubetti.
In un tegame fate bollire acqua, zucchero,scorza e succo di limone.
Aggiungete la zucca e bollite per 30 minuti, mescolando ogni tanto (in modo che non si attacchi).
A cottura ultimata sbattete con una frusta.
Versare in vasetti sterilizzati.
Chiudete i vasetti e capovolgeteli.
Coprite con un canovaccio fino a che si saranno raffreddati.

Melanzane sott’olio – Rafano e cannella

Melanzane-sottolio.jpgIngredienti
melanzane
aceto bianco
olio d’oliva
aglio
prezzemolo
peperoncino (facoltativo)

Preparazione
In questa ricetta non indico le dosi perché la quantità è soggettiva.
Sbucciate le melanzane, tagliatele a fette dello spessore di 3-4 mm, mettetele in un vaso di vetro abbastanza capiente, coprendole completamente di aceto e chiudete il vaso con il suo tappo.
Dopo dodici ore capovolgete il vaso e lasciatelo così per altre dodici ore.
Trascorso questo tempo, trasferite le melanzane in uno scolapasta e lasciatele sgocciolare; quindi premete tra le mani (non eccessivamente, quel tanto che basta per far espellere l’aceto in eccesso) due o tre fette per volta e sistematele in un vasetto di vetro.
Riempite il vasetto alternando uno strato di melanzane e uno di aglio e prezzemolo tritati finemente.
Sull’ultimo strato aggiungete un pezzetto di peperoncino se lo preferite.
Versate nel vasetto tanto olio quanto basta per ricoprire completamente le melanzane (infilate lateralmente la lama di un coltello in modo che l’olio possa scendere più facilmente) e chiudete il vaso con il suo tappo.
Dopo qualche ora controllate che non ci sia bisogno di aggiungere altro olio e riponete la conserva in dispensa.

http://blog.giallozafferano.it/rafanoecannella

Marmellata di cipolle rosse di Tropea – Sapori Dissapori

Ingredienti
1 kg di cipolle rosse di Tropea
600 gr di zucchero semolato
1 cucchiaino scarso di sale
1 limone e 2 arance non trattate
2 cucchiai di uva passa

Preparazione
Mettete a bagno il limone e le arance in acqua e bicarbonato per alcune ore, poi spazzolateli, sciacquateli ed asciugateli. Mettete l’uvetta a rinvenite in acqua tiepida.
Tagliate a fette sottili le cipolle e mescolatele allo zucchero, al succo ed alla buccia di mezzo limone, sale, la buccia delle 2 arance e le uvette ammollate. Lasciatele a macerare, io le ho lasciate 2 ore circa, vedrete che si formerà una specie di acquetta e le cipolle tenderanno a diventare trasparenti.
Mettete sul fuoco, e far cuocere circa mezz’ora, o un pochino di più , dall’ebollizione .Deve restare piuttosto liquidino, tanto raffreddando si sistema. Invasate bollente e fate sterilizzare 20 minuti.

Peperoni grigliati sott’olio

Ingredienti
500 gr di peperoni
sale
olio extra vergine
alloro
pepe
bacche di ginepro

aglio

Preparazione
Preriscaldate il forno a 180°C
Lavate i peperoni e tagliateli a fette.
Risciacquate bene i peperoni, lasciateli asciugare qualche minuto su un canovaccio, una volta asciutti, salateli leggermente e  metteteli in forno, posizionateli sulla griglia del forno, cucinateli a 180 °C (meglio se con il programma grill) girandoli ogni tanto, in modo che si cuociano da entrambi i lati.
I tempi di cottura variano a seconda della grandezza e dello spessore delle fette che avrete fatto, dopo 10 minuti date una controllatina.
Quando saranno cotti toglieteli dal forno, lasciate raffreddare, salate.
Sterilizzate i vasetti.
Mettete i peperoni nei vasi (sterilizzati) ricoprite con olio, aggiungete alloro, pepe, bacche di ginepro e aglio e chiudete.
Prendete una pentola alta e capiente, metteteci dentro i vasetti, separate i  vasetti tra loro, utilizzando uno o più canovacci, in modo che non sbattono tra loro, durante la bollitura, ricoprite i vasetti con acqua, i vasetti devono essere ricoperti di almeno  un palmo d’acqua sopra al tappo del vasetto .
Raggiunta la bollitura, lasciate bollire per altri 15/20 minuti.
Spegnete e  lasciate che i vasetti si raffreddino, piano piano, a temperatura ambiente, in modo da evitare sbalzi di temperatura.
Assicuratevi che  i peperoni  siano sempre ricoperti di olio, soprattutto dopo aver aperto i vasetti, in caso di necessità, rabboccate con altro olio.
Aspettate dieci giorni prima di usarli, prenderanno meglio il sapore delle spezie.

Salsa verde – Luisa

Ingredienti
1 kg di peperoni
1 kg di pomodori verdi
3 etti di cipolle
1 etto e mezzo di sale fine
olio

Preparazione
Tritate tutto.
Mettete sotto sale per 24 ore.
Versate l’acqua che ha rilasciato la verdura.
Mettete sott’aceto per 24 ore.
Colare tutto e mettete la verdura nei vasi.
Ricoprite con l’olio.

Giardiniera fatta in casa – Luisa

Ingredienti
cavolfiore
carote
pomodori
sedano
cipolle
sale
vino bianco secco
aceto bianco

Preparazione
Lavate e pulite la verdura, tagliatela a pezzetti.
Premessa per ogni kg di verdura vanno usati 100 gr di sale, 1 litro di vino bianco secco, 1 litro di aceto bianco.
Mettete la verdura in un recipiente con il sale, mescolate bene, fino a che il sale non si sarà sciolto.
Prendete un canovaccio robusto, metteteci dentro tutto e chiudete a mo di “fagottino” appendetelo e lasciate colare per 24 ore.
Dopo 24 ore se la verdura non è bene asciutta, prendete il canovaccio e asciugatela bene.
Mettete la verdura nei vasetti e coprite con aceto e vino ( in misura uguali).
Dopo tre giorni controllate i livelli del liquido, devono sempre essere ricoperti in caso rabboccate.

Zucchine sott’olio – Luisa

Ingredienti
1k di zucchine
2 cipolle
13 foglie di basilico
1 rametto di rosmarino
4 spicchi di aglio
4 cucchiai di sale fino
2 bicchieri di olio
2 bicchieri di aceto

Preparazione
Affettate le zucchine dello spessore di un cm.
Tagliate le cipolle.
Tritate rosmarino e basilico.
Lasciate intatti gli spicchi di aglio.
Cuocete tutto per 5 minuti.
Mettete nei vasi e ricoprite con l’olio.

Peperoni sott’olio

Ingredienti
400 gr di peperoni
olio extra vergine di oliva
aceto
sale
alloro
pepe
salvia
aglio

Preparazione
Lavate i peperoni.
Tagliate i peperoni a fette alti un centimetro.
In un tegame bollite l’aceto con foglie di alloro e bacche di ginepro.
Scottate i peperoni per qualche minuto, facendo in modo che stiano sempre al di sotto del livello dell’aceto.
Toglietele dall’aceto e lasciateli asciugare qualche minuto sulla carta assorbente.
Salateli leggermente.
Mettete i peperoni nei vasetti (sterilizzati), ricopriteli con olio, aggiungete salvia, alloro, pepe, bacche di ginepro e aglio e chiudete.
Sterilizzate i vasetti.
Prendete una pentola alta e capiente, metteteci dentro i vasetti, separate i  vasetti tra loro, utilizzando uno o più canovacci, in modo che non sbattono tra loro, durante la bollitura, ricoprite i vasetti con acqua, i vasetti devono essere ricoperti di almeno  un palmo d’acqua sopra al tappo del vasetto .
Raggiunta la bollitura lasciate bollire per altri 15/20 minuti.
Spegnete e  lasciate che i vasetti si raffreddino, piano piano, a temperatura ambiente, in modo da evitare sbalzi di temperatura.
Assicuratevi che i peperoni siano sempre ricoperti di olio, soprattutto dopo aver aperto i vasi, rabboccate sempre con olio,  i peperoni devono stare  sempre  al di sotto il livello dell’olio.
Aspettate dieci giorni prima di assaggiarli, prenderanno meglio il sapore delle spezie.

Peperoncini ripieni di acciughe e capperi

Ingredienti
pepeperoncini
aceto
acciughe
capperi
olio extra vergine di oliva

Preparazione
Lavate e pulite i peperoncini.
Scotatteli 3 minuti in acqua e aceto.
Lasciateli asciugare bene su un telo da cucina.
Farcite i peperoncini con acciughe sminuzzate e capperi.
Mettete i peperoncini nei vasi, ricopriteli con l’olio.
Prima di mangiarli aspettate almeno 1 mese

Pomodori ripieni formaggio e pancetta

Ingredienti
400 gr di pomodori
80 gr di formaggio fresco di capra
80 gr di pancetta affumicata
80 gr di parmigiano reggiano
7/8 olive
olio extravergine di oliva
sale
pepe

Preparazione
Lavate i pomodori.
Grattate il parmigiano.
Preriscaldate il forno.
Tagliate le olive.
Tagliate la pancetta a dadini.
Tagliatele a metà per il lungo togliete un po’ della polpa.
In una terrina unite la polpa che avete tolto dai pomodori, il parmigiano, il formaggio di capra, la pancetta, sale e spezie.
Riempite nuovamente i pomodori.
Metteteli su una griglia o su una teglia e cuocete per circa 20 minuti.
A cottura ultimata toglieteli dal forno metteteli in un piatto da portata e decorate il piatto con foglie di basilico.
A piacimento condite con un filo d’olio extra vergine di oliva.

Ricette di casa
http://ricettedicasa.myblog.it/

 

Marmellata di pesche – Sharon

Ingredienti
700 gr di pesche
1 limone spremuto
acqua
600 gr di zucchero gelificante
stecca di vaniglia. 

Preparazione
Sbucciate le pesche e mettetele nella pentola a pressione con un po’ d’acqua e cuocetele per 10 minuti. Passatele con un passaverdure o mixer, mettetele in una pentola con lo zucchero gelificante o normale, l’acqua di cottura delle pesche, il limone spremuto, la stecca di vaniglia e cuocere per mezz’oretta. Se  mettete lo zucchero normale la cottura della marmellata sarà un’ora e un quarto. 
Prima di versare la marmellata nelle bocce dovete mettere queste ultime per 2 minuti nel forno a microonde capovolte. Poi dovete dare una strofinata con uno scottex imbevuto di qualcosa di alcolico (per esempio Ballantines) sia ai barattoli che ai coperchi, questo per evitare che la marmellata non ammuffisca.
Alla fine metteteci la marmellata ancora calda e chiudetele…
PS. Io per fare una marmellata buona buona siccome le mie pesche erano poche ho aggiunto anche due noci pesche..

Confettura di scorze di anguria – Moda & Style

Ingredienti
2 kg di scorze di anguria
1 limone succoso
1 bicchierino di brandy
500 gr  di zucchero.

Preparazione
Eliminate per quanto possibile la parte verde esterna delle scorze di anguria e tagliate il resto a piccoli cubetti.
Mettete la frutta al fuoco, in una casseruola insieme con lo zucchero, il succo e la scorza grattugiata (solo la parte gialla) del limone.
Mescolando e schiumando di tanto in tanto, fate cuocere la marmellata su fiamma moderata finché raggiunga la giusta consistenza; poco prima di spegnere il fuoco, unite il brandy e mescolate bene.
Invasate a caldo, chiudete ermeticamente e capovolgete i barattoli sino a completo raffreddamento.

Marmellata di anguria – Moda & Style

Ingredienti
1 kg di polpa di anguria
200 gr di zucchero greggio di canna
la buccia non trattata di un limone
1 baccello di vaniglia

Preparazione
Private l’anguria della scorza e dei semi, e tagliatela a pezzetti. Non buttate però la scorza perché con essa potrete preparare, se lo desiderate, una buona marmellata (vedi ricetta).
Mescolate lo zucchero alla polpa di anguria tagliata a pezzi e lasciate riposare il tutto per una notte in un recipiente di vetro o di ceramica smaltata con vernici atossiche.
Trascorso il tempo previsto, scolate la frutta dal succo e mettete quest’ultimo in una casseruola a bollire finché si addensi. Allora, unitevi la frutta, la scorza grattugiata del limone, la vaniglia e cuocete, a fiamma
molto dolce, rimestando frequentemente per evitare che la marmellata possa attaccarsi al fondo della pentola.
Infine, invasate a caldo, chiudete ermeticamente e capovolgete immediatamente i vasetti su una superficie di legno e quindi lasciateli raffreddare. Poi conservateli in un luogo buio e fresco.

Marmellata di scorza di anguria – Moda e Style

Ingredienti
1 kg di scorza di anguria (solamente la parte bianca)
1,5 kg di zucchero greggio di canna
2  limoni
1 baccello di vaniglia.

Preparazione
Cominciate con il togliere la parte verde e gli eventuali residui di polpa alla scorza di anguria, che dovrà risultare perfettamente bianca, tagliatela a dadini, trasferitela in una pentola adatta e copritela
di acqua.
Portate sul fuoco e fate bollire solamente per tre minuti, poi scolate il tutto, cambiate l’acqua e ponete nuovamente sul fuoco, riportando ad ebollizione e ripetendo questa operazione per tre volte in tutto. Fate
però attenzione che la scorza non si disfi.
Mettete lo zucchero in una pentola, copritelo con poca acqua e cuocetelo sino a quando avrete ottenuto uno sciroppo piuttosto denso. Solo allora unitevi i dadini di scorza di anguria e, appena lo sciroppo riprende il bollore, aggiungetevi anche la vaniglia ed i limoni tagliati a fettine.
Non mescolate ma limitatevi a scuotere la pentola di tanto in tanto.
Dopo una ventina di minuti di cottura, invasate, chiudete ermeticamente e capovolgete immediatamente i recipienti su un piano di legno.
Cercate di procurarvi limoni non trattati con prodotti chimici né per la coltivazione né per la conservazione dopo il raccolto.