Paste di mandorle – Giuseppe

Paste di mandorle

Paste di mandorle

Paste di mandorle – Giuseppe

Ricette tipica siciliana

Ingredienti
500 gr di mandorle già spellate
350 gr di zucchero a velo
2 cucchiai colmi di miele (meglio se di zagara)
2 fialette di essenza di mandorle oppure tre o quattro noccioli di albicocche sgusciati
2 cucchiai di acqua (l’ideale sarebbe ai fiori d’arancia)
1 albume d’uovo

Paste di mandorle

Paste di mandorle

Preparazione
Preriscaldate il forno a 180° C.
Separate il tuorlo dall’albume.
Montate l’albume a neve.
Tritate le mandorle.
In una terrina (meglio se in un mixer) unite le mandorle e 250 gr di zucchero a velo, aggiungete il miele, l’ aroma alle mandorle, in caso di necessità 2 cucchiai di acqua e per ultimo il bianco montato a neve.
Impastate bene.
Formate delle palline aiutandovi con lo zucchero a velo rimasto usandolo a mo’ di farina, schiacchiatele leggermente, guarnitele con mandorle spellate intere o con ciliege candite o passatele in un trito di frutta secca (mandorle, pinoli, pistacchi) o tutto quello che la fantasia vi suggerisce.
Infornate per non più di 10 minuti. Attenzione anche se vi sembreranno troppo morbide non esitate a toglierle ugualmente dal forno raffreddandosi, prenderanno la giusta consistenza.

“Suggerimento goloso, ricopritele di cioccolato fondente”. Giuseppe

Leggi le altre ricette nella nostra categoria dolci  nella sezione biscotti e pasticcini 

Guarda le altre ricette regionali e la nostra sezione  ricette siciliane

Cannoli siciliani – Nerina

Cannoli siciliani – Nerina

Ingredienti

Per le cialde
150 gr di farina bianca
1 cucchiaino di caffè
1 cucchiaino di zucchero
1 cucchiaino di cacao amaro
1 pizzico di sale
1 noce di burro
1 albume
vino q.b.

Per la farcitura
250 gr di ricotta
160 gr di zucchero
30 gr di cioccolato amaro
70 gr di zucca candita (va bene anche altra frutta candita)

Per guarnire
scorze di arancia candite
ciliegine
zucchero a velo

Falsomagro di coniglio,croccantino di ortaggi di vittoria, salsa agrodolce al vino cotto e menta – Executive chef Giorgio Rimmaudo – Cristina

falsomagro di coniglio con crostini di ortaggi.jpg

Falsomagro di coniglio,croccantino di ortaggi di vittoria, salsa agrodolce al vino cotto e menta – Executive chef Giorgio Rimmaudo – Cristina

A base di Coniglio – Stile di cucina: Regionale – Origine: Sicilia

Tempo: 1:30′

Difficoltà: 3 alto

Ingredienti per 10 porzioni
1000 gr di Lombo Di Coniglio
400 gr di Salsiccia
40 gr di Pistacchi verdi sgusciati
40 gr di Scalogno maturato
1 gr di Timo fresco
1 gr di Rosmarino
30 ml di Marsala secco ridotto del 50%
40 gr di Pecorino morbido
q.b. Sale fino e pepe
30 gr di Olive nere snocciolate

Per il croccantino di ortaggi:
30 gr di Carote
80 gr di Peperoni rossi e gialli
120 gr di Zucchine
40 gr di Cipolle bianche
50 gr di Patate
40 gr di Sedano
2 gr di Aglio

Preparazione
Per il coniglio:
Disossate il dorso di coniglio ricavando due lombi,metteteli su pellicola trasparente e battete leggermente.
Salate e pepate.
Mescolate alla pasta di salsiccia i pistacchi tritati,lo scalogno,il timo e la riduzione di marsala mescolando bene.
Farcite i lombi di coniglio e arrotolate su se stessi,legateli con spago da cucina e rosolateli in una padella con l’olio d’oliva.Eliminate il grasso di cottura e sfumare con il vino,quindi lasciare evaporare e terminare la cottura in forno a 180°C.
Per il croccante di ortaggi:
Tagliate tutti gli ortaggi a julienne e conditeli con il sale il pepe e la farina.
In una padella versate l’olio sistemate all’interno 8 cerchi del diametro di 6 cm sistemate all’interno gli ortaggi e rosolate da ambedue le parti.
Appena cotti e croccanti mettetli ad asciugare dal grasso di cottura.
Presentazione e finitura. Scaloppate il lombo di coniglio,sistematelo nel piatto,vicino il croccantino di ortaggi e tutt’intorno la salsa al marsala.

Caparena Taormina
Via Nazionale 189,
98039 Taormina (ME)
Tel: +39 0942 65 20 33
Fax: +39 0942 36 913
E-mail: caparena@gaishotels.com

Filetto di mupa (occhione) con pomodoro confit e fumetto ristretto – Executive chef Giorgio Rimmaudo- Cristina

Filetto di mupa.JPG

Filetto di mupa (occhione) con pomodoro confit e fumetto ristretto – Executive chef Giorgio Rimmaudo- Cristina

 

Categoria: Secondi di mare
A base di Pesce di mare – Stile di cucina: Regionale – Origine: Sicilia
Tempo: 45′
Difficoltà: 2 medio
Metodi di cottura: brasare; rosolare;
Attrezzature: Cass. bassa; Padella;

 

Ingredienti per 10 porzioni
1200 gr di Mupa (occhialone)
50 ml. di Olio extra vergine oliva
600 ml. di Fumetto Di Pesce Di Scoglio
30 spaghetti alla tarantina e menta
10 gr di Aglio
20 gr di Mentuccia foglie
300 gr di Pomodoro confit
5 gr di Sale fino
2 gr di Pepe bianco macinato
2 gr di Timo fresco

 

Preparazione
Sventrate,squamate e sfilettate il pesce.
Pulite la cipolla e lavatela.
Sfogliate la menta,lavatela ed asciugatela.
Tagliate il peperoncino a rondelle e mettete da parte.
Marinate il pesce con l’aglio intero e l’olio aggiustando di sale e pepe.
Tagliate la cipolla a spicchi e rosolatela in una padella a fiamma bassa con poco olio salandola.
Riducete il fumetto di pesce della metà e montatelo con un filo d’olio.
Rosolate il pesce con tutti gli aromi in una padella antiaderente da ambo i lati lasciando la pelle croccante.
Mettete in caldo e lasciate riposare per 5 minuti.
Sistemate il pesce 2 filetti per porzione nei piatti assieme al pomodoro confit,la cipolla e il fumetto montato all’olio come da foto.

 

Caparena Taormina
Via Nazionale 189,
98039 Taormina (ME)
Tel: +39 0942 65 20 33
Fax: +39 0942 36 913
E-mail: caparena@gaishotels.com

 

Caponata – Nerina

IMG_1224Caponata Nerina
Ricetta catanese
Ingredienti
2 melanzane di media grandezza
2 peperoni di media grandezza
2 patate grandi
olio extra vergine
10 capperi
sale
1 costa di sedano
5 o 6 pomodori di media grandezza

Preparazione
Tagliate le melanzane, salatele e lasciatele in un colapasta per 30 minuti, sciacquatele e poi friggetele
Lavate i peperoni, tagliateli e friggeteli a parte
Sbucciate le patate, tagliatele e friggetele separatamente.
Sbucciate e affettate le cipolle.
Lavate e tagliate il sedano e i pomodori
In una padella capiente soffriggete le cipolle, aggiungete sedano, capperi e pomodori fate cuocere bene a fuoco lento
Integrate le verdure crude e servite
Per guarnire potete aggiungere qualche foglia di basilico

Cannolo di pesce spada e battuto di tonno rosso ai profumi di Sicilia,crema di vastedda e mandarini al martini dry – Executive chef Giorgio Rimmaudo- Cristina

Cannolo di pesce spada marinato con battuto di tonno.jpgIngredienti
Per il battuto di tonno
200 gr di filetto di tonno rosso
30 gr di olio extra vergine d’oliva
3 gr di sale fino
1 buccia d’arancia grattata
1 buccia di limone grattata
10 gr di mandarino candito
Per i petali di pesce spada
200 gr di fettine di pesce spada tagliato sottile
5 gr di sale spezziato agli agrumi
20 gr di olio extra vergine d’oliva
1 gr di melissa
1 gr di citronella
Per la crema di vastedda al martini dry.
100 gr di vastedda
40 gr di yogurt
30 gr di martini dry
10 gr di succo di limone
3 gr di sale fino
20 gr di ghiaccio
30 gr di mandarinetti
 

Preparazione
Preparate il battuto. Tritate il tonno molto freddo al coltello e condite con l’olio emulsionato con gli agrumi e il sale.
Per i petali
In una casseruolina mettete in infusione le erbe con l’olio per 10 minuti alla temperatura di 65°C.
Marinate il pesce spada per 10 minuti con il sale speziato. Sistemate le fettine di pesce in un foglio di pellicola,pennellare con l’infuso d’olio e farcire con il tonno chiudendo a forma di cannolo. Il cannolo deve apparire trasparente.
Preparate la crema .Unite tutti gli ingredienti in un cutter e frullate e frullate tutto tranne i mandarinetti.
Per il piatto finito:Sistemate in un piatto concavo il cannolo di pesce,versate tutt’intorno la crema di vastedda e guarnite con del cedro candito nell’olio,un rametto di melissa ed erba cedrina. Olio al crescione e polvere di agrumi.

Caparena Taormina
Via Nazionale 189,
98039 Taormina (ME)
Tel: +39 0942 65 20 33
Fax: +39 0942 36 913
E-mail: caparena@gaishotels.com

Maccheroni alla norma

Tipica ricetta siciliana.

Ingredienti
600 gr di maccheroni
1 kg di pomodori
5 melanzane
150 gr di ricotta salata
basilico
1 cipolla grande
olio extra vergine di oliva

Ingredienti
Lavate le melanzane e tagliatele a dadini, cospargetele di sale, mettetele in uno scolasta con sopra un peso, lasciatele in questa posizione per almeno 40 minuti, in tal modo perderanno quel gusto amarognolo.
Risciacquate bene le melanzane, lasciatele asciugare qualche minuto su un canovaccio.
Lavate, spellate e tagliate a pezzi i pomodori.
Tritate finemente le cipolle.
In un tegame capiente soffriggete in un filo d’olio la cipolla, quando la cipolla si sarà dorata, aggiungete i pomodori, salate, pepate e fate addensare.
Cuocete la pasta in abbondante acqua salata.
In un altro tegame friggete le melanzane.
Scolate la pasta qualche minuto prima e saltatela in padella con la salsa di pomodoro e le melanzane.
Prima di servire aggiungete basilico e ricotta salata grattuggiata.

“Potete anche servirla accompagnata da fette di melanzane fritte da aggiungere a piatto ultimato”

Caponata siciliana

Tipica ricetta siciliana. Ottimo come contorno, ma molti lo servono anche come antipasto.

Ingredienti
5 melanzane
550 gr di pomodori
700 gr di peperoni (meglio se di tre colori)
150 gr di olive
60 gr di caperi
2 cipolle
40 cl di aceto
1 spicchio di aglio
sedano
sale
pepe
olio extra vergine di oliva
basilico

Preparazione
Lavate le melanzane e tagliatele a dadini, cospargetele di sale, mettetele in uno scolasta con sopra un peso, lasciatele in questa posizione per almeno 20 minuti, in tal modo perderanno quel gusto amarognolo.
Risciacquate bene le melanzane, lasciatele asciugare qualche minuto su un canovaccio.
Lavate i peperoni e tagliateli a dadini.
Tritate finemente le cipolle.
In un tegame friggete i peperoni. In un altro tegame friggete le melanzane.
In un tegame capiente soffriggete aglio e  cipolle, quando le cipolle si saranno dorate, aggiungete i pomodori, salate, pepate e fate addensare per 15 minuti.
Aggiungete i peperoni, le melanzane che avete fritto, il sedano,  i capperi, l’aceto e le olive.
Coprite e cuocete per circa 10 minuti, regolate con sale e pepe.
Fate raffreddare e mettete in frigorifero per almeno 40 minuti.
Prima di servire aggiungete qualche foglia di basilico sia nella caponata che come decorazione al piatto.

Ricette di casa
http://ricettedicasa.myblog.it/

Cassata siciliana – Rosy Abc le Ricette che cercavi

cassata_siciliana.jpgLa Regina dei dolci siciliani è servita! Basta avere ingredienti freschissimi e il gioco è fatto.

Ingredienti

Per il pan di Spagn
a
200 gr di farina 00
200 gr di zucchero semolato
150 gr di burro
2 uova intere
1 tuorlo d’uovo
1 cucchiaino di lievito per dolci
Per la pasta reale
220 gr di zucchero
220 gr di farina di mandorle
50 gr di acqua
Colorante verde per alimenti
Per la crema di ricotta
450 gr di ricotta di pecora
Cioccolato fondente
Canditi
Zuccata
250 gr di zucchero
Per guarnire
800 gr di zucchero a velo
alcuni canditi

Preparazione
Per il pan di Spagna sciogliere il burro e setacciate la farina. Unite il burro sciolto alle uova, la farina, lo zucchero e il lievito. Mescolate energicamente tutti gli ingredienti e versate l’impasto in una teglia. Infornate a 180° per una ventina di minuti e quando la base sarà cotta lasciatela raffreddare. Dividetela quindi in 2 parti in modo da avere due basi.
Per la pasta reale versate in un pentolino antiaderente l’acqua e lo zucchero. Cuocete a fuoco lento finchè non bolle, lasciate sul fuoco altri due minuti. Unite la farina di mandorle. Togliete dal fuoco e aggiungere il colorante mescolando bene. Da questa massa appiccicosa ricavate due strisce dello spessore di 3-4 centimetri. Aiutatevi con il mattarello unto con un pò di olio e disponete le strisce su carta da cucina.
Per la crema di ricotta unire alla ricotta il cioccolato, lo zucchero, i canditi e la zuccata mescolando bene.
Foderate i lati di una tortiera apribile da 24 cm di diametro con le strisce di pasta reale. Mettete il primo disco di pan di Spagna sul fondo della tortiera, aggiungete la ricotta farcita e coprite con il secondo disco di pan di Spagna. Tenete in frigorifero per circa un’ora. Intanto in un pentolino preparate la glassa bianca sciogliendo lo zucchero a velo in un pò d’acqua finchè non diventa spalmabile. Ricoprite la cassata e guarnte a piacere con canditi. Riponete in frigo e servite fredda.

http://abcricette.blogspot.com

Pignolata messinese Rosy Abc le Ricette che cercavi

pignolata.jpgUn tipico dolce di Carnevale della città di Messina!

Ingredienti
Per la pasta
750 gr di farina
12 tuorli d’uovo
100 gr di alcool puro per dolci
strutto per friggere
Per la glassa al cioccolato
500 gr di zucchero
150 gr di cacao dolce
150 gr di gianduia
Per la glassa al limone
500 gr di zucchero
4 albumi
4 limoni
essenza di limone

Preparazione
In un recipiente versate i tuorli e l’alcool sbattendo con energia e aggiungendo poco per volta la farina finchè l’impasto si staccherà da solo dalle pareti del recipiente.
Con l’aiuto di un cucchiaino creare tante piccole palline di pasta. Riscaldate lo strutto in una padella dai bordi alti e versarte poco per volta le palline di pasta. Quando saranno dorate mettetele a sgocciolare su carta assorbente da cucina per eliminare il grasso in eccesso.
Per preparare la glassa al cioccolato mettete lo zucchero in un pentolino sul fuoco e incorporate, mescolando, il cacao e il cioccolato gianduia. Togliete il composto dal fuoco quando lo zucchero comincerà a filare. Fate intiepidire e intingetevi metà delle palline della pignolata. Create quindi un mucchietto di pignolata al cioccolato e ricoprire il tutto con la glassa al cioccolato rimasta.
Per preparare la glassa al limone versate lo zucchero in un recipiente, ponetelo sul fuoco finchè comincerà a filare, quindi toglierteo dal fuoco e incorporatevi gli albumi montati a neve. Girate a lungo versando man mano il succo dei limoni e l’essenza con un pò di buccia di limone grattuggiata. Intingete l’altra metà delle palline della pignolata nella glassa al limone. Create quindi un altro mucchietto accanto a quello al cioccolato e versate il resto della glassa. Fate essiccare per qualche ora e servite.

http://abcricette.blogspot.com/

Cualleddru – Vito

“Cualleddru (Qualeddu è uno dei nomi volgari della Brassica fruticulosa, pianta spontanea presente nell’Italia centro-meridionale e specialmente in Sicilia) è una verdura spontanea dal caratteristico sapore amarostico….Ottimo da accompagnare con una buona salsiccia (meglio se a punta di coltello) o comunque con tutte le carni grasse alla griglia, creando grazie al suo sapore amarostico un gradevole contrasto” Vito

Ingredienti

500 gr di cualeddro
olio
1 spicchio d’aglio
5 o 6 pomodori secchi

Preparazione
Sbollentate  i cualeddro in acqua salata, scolateli e soffriggeteli in padella con olio insieme ad uno spicchio d’aglio e a 5 o 6 pomodori secchi tagliati precedentemente a listarelle.
Saltate il tutto per 2 o 3 minuti

Frutta martorana – Vito

Ingredienti
1 kg  farina di mandorle
1 kg  zucchero
3 bustine di vanillina
4 gocce di essenza di mandorla amara
1 e 1/2 bicchiere d’acqua.

Preparazione
Mettete lo zucchero in una pentola e versate l’acqua, fate bollire qualche minuto ( prendetene un goccino tra pollice ed indice, se si cre un filo tipo colla lo sciroppo è pronto) versate la vanillina più 4 gocce di essenza di mandorla amara e mescolate finchè il composto nn si staocca dalla pentola.
A quel punto versate su un piano unto con un pò di olio di semi e fate raffreddare almeno un’oretta. Dopodichè passare l’impasto con un passaverdure per raffinare il tutto. Adesso potete sbizzarrirvi con delle formine e completare con dei colori alimentari.

“Nella ricetta classica è presente anche l’essenza di cannella e i chiodi di garofano ma a casa mia non si usa perchè spesso l’utilizzo di questi ingredienti coprono il sapore della mandorla…questa ricetta vi farà assaporare a parere mio la vera frutta martorana che non ha niente a che vedere con quella che si trova spesso in commercio che per abbassare i costi utilizzano più zucchero che pasta di mandorle…seguite questa ricetta o se venite in Sicilia fatevela fare dalle nostre mamme….tutta un’altra storia”Vito

Pasta al forno alla palermitana – Vito

Ingredienti
600 gr di anelletti
500 gr di tritato di carne (250 vitello 250 impasto di salsiccia)
1 cipolla
1 carota
2 coste di sedano
Un ciuffo di prezzemolo
2 chiodi di garofano
2 foglie di alloro
1 scatoletta di concentrato di pomodoro (250 grammi)
200 di piselli
1/2 bicchiere di vino bianco
6 uova sode tagliate a fette
200 gr di primo sale a cubetti
4 fette di salame a cubetti
1 melansana tagliata a fette e fritta
1/2 litro di besciamella
burro q.b.

Preparazione
Soffriggete in un tegame con l’olio, la cipolla, la carota, il sedano ed il prezzemolo tritati. Aggiungete il tritato di carne e fatelo rosolare, a fuoco vivace, facendo attenzione a sgranarlo bene con un cucchiaio di legno, quindi sfumate con il vino bianco. Unite sale, pepe, foglie di alloro, chiodi di garofano e il concentrato di pomodoro sciolto in poca acqua tiepida e ultimate la cottura. Intanto cuocete i piselli (se usiamo quelli surgelati, li scongeliamo in acqua salata bollente con 1 foglia di alloro e un pizzico di zucchero), scolateli e uniteli al ragù. Infine, amalgamate al ragù con i piselli la besciamella.
Cuocete gli anelletti al dente e, quando saranno pronti amalgamateli con il ragù (tenendone da parte un poco che servirà per ricoprire il timballo) e il parmigiano grattugiato.
Oliate una teglia e spolverarla con il pangrattato, adagiatevi una parte degli anelletti conditi e fare uno strato con primosale, uovo sodo affettato, salame, le melanzane fritte. Versate nella teglia l’ultimo strato di pasta amalgamate e spolverate con parmigiano grattugiato e fiocchetti di burro. Mettete in forno preriscaldato a 180° per circa trenta minuti. Il capolavoro sarà pronto quando la superficie sarà ben dorata.

Arancini – Rosalia

Ingredienti
1 kg di riso per risotto
2 l di brodo di dado
50 gr di burro
100 gr di parmigiano grattugiato
una bustina di zafferano
Per il ripieno
mozzarella
prosciutto cotto o ragù di carne ben asciutto.
Per la panatura
acqua
farina e pane grattugiato
olio di semi di arachidi per friggere.

Preparazione
Cuocete il riso nel brodo con la busta di zafferano, nei tempi di cottura riportati nella confezione, condite con burro e parmigiano, fate raffreddare, (si consiglia di prepararlo la mattina)tagliate la mozzarella a dadini e il prosciutto, cucinando il ragù di carne fate attenzione , deve risultare sodo Prendete una ciotola grande e sciogliete un paio di cucchiai di farina con acqua, bagnate le mani e fate una palla di riso grande come una arancia con il pollice fare un buco dove metterete il ripieno a piacere, riformando la pallina sempre con le mani bagnate nella pastella impanetele bene, così fino alla fine. Scaldate l’ olio nella friggitrice a 190° cuocete per 10 minuti, servite caldi.

Cuccia – Rosalia

cuccia.jpg“In tutta la provincia di Palermo si festeggia Santa Lucia, come vuole la tradizione non si mangia pane; si preparano arancini alla carne o al burro (prosciutto e mozzarella) e come dolce la cuccia, fatto con grano cotto crema di ricotta ,canditi e cioccolato. La ricetta della cuccia è molto semplice. Rosalia”

Ingredienti
250 gr  di grano
500 gr  di ricotta ben asciutta
150 gr di zucchero
200 gr  di cioccolato amaro
la mia particolarità aroma di fiori d’ arancio
frutta candita per decorare
pistacchi tritati

Preparazione
Mettete a bagno il grano per due giorni, scolatelo e cuocere per un ora nella pentola a pressione, mescolate lo zucchero alla ricotta e fate riposare, aggiungete il cioccolato.
Dopo la cottura del grano scolatelo bene e asciugate in un telo, unite la crema con il grano, disponete in un piatto da portata e decorare con frutta candita e pistacchio tritato.

Biancomangiare – Lina

Ricetta siciliana di un dolce al cucchiaio

Ingredienti
350 gr di mandorle sgusciate
mezzo litro d’acqua
250 gr di zucchero
1 stecca di cannella
1 buccia di limone non trattato
6 fogli di gelatina

Preparazione
Sgusciate le mandorle e tritatele finemente.
Metterle in un sacchetto di cotone, che dovrà essere tenuto nell’acqua finchè quest’ultima non diventerà bianca e densa come il latte. (In genere 2-3 ore)
Togliere il sacchetto dal recipiente e strizzatelo con cura.
A questo punto aggiungete all’acqua di mandorle lo zucchero, la cannella e la scorza di limone tagliata a spirale.
Fate ammorbidire i fogli di gelatina in una tazza d’acqua.
Versate il composto in una casseruola e mettete a cuocere a fiamma bassa per 10 m., mescolando di continuo.
Unite la gelatina strizzata e fatela sciogliere bene.
Togliete la scorza di limone e la cannella. Versate il biancomangiare in stampi e ponetelo in frigo per almeno 3 ore.


Biscotti Toto’ – Sebastiano Spina

Tipico dolce siciliano

Ingredienti

1 kg di mandorle spellate
1 kg di zucchero
1 kg di farina
acqua q,b
Per la glassa
250 gr di acqua
400 gr di zuccero
100 gr di cioccolata fondente

Preparazione
Tritate le mandorle polverizzandole,unite zucchero farina e impastate con poca acqua tiepida fino a portarlo alla consistenza, poi fate delle palline e mettetele in una teglia unta, infornate 20 minuti a calore moderato
In un pentolino bollite 250 gr di acqua ed incorporate lo zucchero,fatelo sciogliere e mettete la cioccolata: appena lo sciroppo è omogeneizzato buttate le palline lentamente per 3 minuti – poi asciugatele su una base finchè la glassa si solidifica

Panetto di pasta di mandorle – Giuseppe

Ingredienti
100 gr di mandorle
200 gr di zucchero
2 cucchiai di acqua
1 fialetta di mandorle

Preparazione
Polverizzate le mandorle, unite il tutto, impastate bene tutto dategli la forma di un panetto mettetelo nella pellicala e lasciate in frigorifero un’ oretta

“Lo potrete così utilizzare per fare in un secondo momento il latte di mandorla, il gelato alla mandorla o la granita alla mandorla…”Giuseppe

Calzoni Ines ripieni di prosciutto e mozzarella – Giovanna

Tipica della zona di Palermo

Ingredienti

1 kg di farina 00
450 gr di acqua
100 gr di sugna
100 gr di zucchero
50 gr di lievito di birra
25 gr di sale

Per farcitura

prosciutto
mozzarella
1 pò di pomodoro

Preparazione
Mettete in una terrina la farina con la sugna e mescolate bene;sciogliete il lievito nell’acqua che deve essere tiepida e aggiungetela poco alla volta a tutti gli ingredienti.Impastate fino a quando l’impasto non si stacca dal contenitore. Fatela lievitare e poi fate delle palline e stendetele, farcitele con prosciutto,mozzarella e un pò di pomodoro e chiudete.
Cuoceteli in forno o friggeteli in abbondante olio

Bucatini arcobaleno – Nadia

Regione di provenienza:Sicilia

Ingredienti
450 gr di bucatini
400 gr filetti cernia
2-3 acciughe sott’olio
peperoncino,
circa 10 pomodorini secchi
150 gr di  pomodorini pachino
150 gd di  melanzane grigliate a dadini
2-3 cucchiai di capperi
70 gr di  pinoli
finocchietto selvatico se piace
pangrattato aromatizzato in padella con olio al peperoncino

Preparazione
In una padella cuocete la cernia a dadini con le acciughe,l’aglio e il peperoncino. Unitevi i pomodorini secchi ,i pachino a cubetti, le melanzane a dadini,i capperi,i pinoli e correggete di sale se occorre.Intanto cuocete i bucatini in abbondante acqua salata,scolateli e passateli in padella con un po’ dell’acqua di cottura.Saltate per bene e rifinite con il pangrattato aromatizzato al peperoncino in padella finchè non assume un bel colorito dorato e il finocchietto