Browsing "Dolci con la pasta briseè"

Tiramisù alle pere cotte – Ale e le Dolcezze di nonna papera

Share via email
Share on Myspace

Avendo preparato un dolce un po’ calorico, a causa dell’abbondante presenza della panna montata, vi alleggerisco il boccone parlandovi dell’ingrediente che bilancia le calorie: la pera.
Il pero era una pianta coltivata già da più di 4000 anni in Asia e in Europa, veniva consumata dai greci (è ricordata da Omero) e in seguito dai romani. Durante il Medio Evo questo frutto perse la sua popolarità, riconquistata a partire dal diciottesimo secolo.Ne esistono di grandi varietà (william, abate. kaiser…).
Disponibile per gran parte dell’anno, la pera è ricca di zuccheri semplici, specialmente fruttosio. La prevalenza di potassio la rende adatta ad una dieta iposodica.
Leggo qui che si tratta di un frutto estremamente digeribile, apprezzato per il suo gusto zuccherino che si conserva bene a bassa temperatura, ma va consumato a temperatura ambiente. Può accompagnarsi al formaggio piccante (in questo modo si ottiene un piatto bilanciato in grassi, proteine e carboidrati), a varie pietanze oppure può essere utilizzata per la preparazione di dolci, macedonie, confetture e succhi. Un altro modo tipico di consumare la pera è cuocendola in acqua, con l’aggiunta di zucchero e di aromi. La pera è uno dei frutti più adatti all’alimentazione dei bambini, fin dallo svezzamento (cit).

Ingredienti (per 3 porzioni)
20 pavesini
200 ml panna da montare
vino rosso
2 pere
Per la bagna
latte
Per la decorazione
pezzetti di pera

 

Preparazione
Montate a neve la panna.
Lasciate cuocere le pere, tagliate a pezzetti, in un po’ di vino rosso.
Quando le pere sono pronte, unitele alla panna mescolando molto lentamente.
Bagnate con il latte i pavesini.
Iniziare a ricoprire la superficie con il primo strato di pavesini imbevuti di latte, ricoprite con la panna alle pere, procedere con il secondo strato di pavesini e ricoprire con un altro strato di panna.
Per decorare ho messo dei pezzetti di pera.

http://dolcezzedinonnapapera.blogspot.it/2012/03/tiramisu-alle-pere-cotte.html

Pasta briseè – Raffaella

Share via email
Share on Myspace

Ingredienti
250 gr di farina
120 gr di burro morbido
80 gr di acqua fredda
5 gr di sale fino

Preparazione
Ingredienti per 450/500 gr di pasta ( ci si ricavano due torte salate).
Lavorate per alcuni minuti con la punta delle dita la farina con il burro.
Aggiungete acqua fredda ed il sale.
Lavorate la pasta rendendola liscia ed omogenea.
Riducete la pasta ad un panetto
Avvolgete il panetto in carta velina
Lasciate riposare in frigorifero per almeno un’ora.
Una volta pronta, stendete sottilmente con un mattarello, imburrate una teglia e disponete la pasta che sarà poi farcita come da vostra ricetta.

Torta di mele – Eleonora

Share via email
Share on Myspace

Ingredienti
1 confezione di pasta briseè
4 mele
3 cucchiai di pan grattato
70 gr pinoli
3 cucchiai di zucchero
80 gr di uva sultanina
cannella in polvere
mezzo limone
1 uovo

Preparazione
Srotolate la briseè, tagliatela a metà (una per il fondo e una per il “coperchio”).
Prendete la prima parte della briseè, mettetela direttamente in uno stampo o in una teglia, mantenete la stessa carta presente nella confezione per evitare di dover ungere la teglia, fate aderire la pasta ai bordi della teglia o dello stampo, eliminate la carta in eccedenza per evitare che si bruci, se utilizzerete stampi in silicone non sarà necessario l’utilizzo di carta forno.
Picchiettate il fondo con una forchetta.
Accendete il forno a 180°- 200° C almeno 10 minuti prima della cottura.
Lavate e sbucciate le mele, privatele del torsolo e tagliatele a fettine sottili.
In una terrina mettete le mele ed il pan grattato e mescolate delicatamente.
Aggiungete al composto i pinoli, l’uvetta, la cannella (spolverandola) e lo zucchero.
Mescolate delicatamente e spruzzate con il succo di mezzo limone.
Distribuite il composto in modo uniforme sulla sfoglia, lasciandone liberi solamente i bordi.
Richiudete con la seconda parte della briseè.
Una volta chiusa potete spennellarla con l’uovo, ma non è un operazione necessaria alla buona riuscita della torta, l’uovo serve solo per dare un colore più dorato alla pasta.
Per una cottura uniforme posizionate la teglia su un ripiano intermedio.
Cuocetela per 30-40 minuti o fino a quando, la parte sopra della pasta sfoglia, il “coperchio” non si sarà dorata.
Lasciatela raffreddare e spolverizzate con zucchero a velo.

Torta pere e amarene

Share via email
Share on Myspace

Ingredienti
1 confezione di pasta briseè fresca
1 pera
10 amaretti
4 cucchiai di marmellata di amarene
1 uovo

Preparazione
Srotolate la briseè, tagliatela a metà (una per il fondo e una per il “coperchio”).
Prendete la prima parte della briseè, mettetela direttamente in uno stampo o in una teglia, mantenete la stessa carta presente nella confezione per evitare di dover ungere la teglia, fate aderire la pasta ai bordi della teglia o dello stampo, eliminate la carta in eccedenza per evitare che si bruci, se utilizzerete stampi in silicone non sarà necessario l’utilizzo di carta forno.
Picchiettate il fondo con una forchetta.
Accendete il forno a 180°- 200° C almeno 10 minuti prima della cottura.
Lavate e sbucciate le pere, privatele del torsolo e tagliatele a fettine sottili.
In una terrina unite le pere alla marmellata e mescolate delicatamente.
Distribuite gli amaretti tritati in modo uniforme sul fondo della briseè.
Farcite la torta con il resto del composto, lasciandone liberi solamente i bordi.
Richiudete la torta con la seconda parte della briseè.
Una volta chiusa potete spennellarla con l’uovo, ma non è un operazione necessaria alla buona riuscita della torta, l’uovo serve solo per dare un colore più dorato alla pasta.
Per una cottura uniforme posizionate la teglia su un ripiano intermedio.
Cuocetela per 30-40 minuti o fino a quando, la parte sopra della pasta briseè, il “coperchio” non si sarà dorata.
Lasciatela raffreddare e spolverizzate con zucchero a velo.

Consigli per la pasta briseè

Share via email
Share on Myspace

La pasta briseè è un po’un jolly in cucina, perchè permette in pochi minuti, di creare torte dolci e salate, salatini, quiche, croissant… e fare bella figura con gli ospiti, soprattutto quando gli ospiti sono inattesi e si deve organizzare in poco tempo una cena improvvisata.
E’ molto versatile, perchè si può farcire con qualsiasi cosa: formaggi, verdure, carne, creme, frutta secca, frutta fresca…
La pasta briseè è versatile anche nelle sue forme, oltre alle torte salate e alle quiche, si possono fare  girelle, fagottini, primi o secondi, piatti in crosta, dolci, croissant ….  svariate golosità.
Esalta il sapore di ogni ingrediente con cui viene abbinata  regalando un gusto pieno ed avvolgente.
La pasta briseè fresca, normalmente è già stesa e pronta per essere farcita, toglietela dal frigorifero e lasciatela a temperatura ambiente per circa 10 minuti, mentre la pasta briseè congelata va scongelata un’oretta prima della farcitura, ma se la scongelerete qualche ora prima, faticherete meno a stenderla.
Srotolate ed adagiate la briseè mettendola direttamente in uno stampo o in una teglia, mantenete la stessa carta presente nella confezione per evitare di dover ungere la teglia, fate aderire la pasta ai bordi della teglia o dello stampo, eliminate la carta in eccedenza per evitare che si bruci, se utilizzerete stampi in silicone non sarà necessario l’utilizzo di carta forno.
Picchiettate il fondo con una forchetta, soprattutto quando si richiede un ripieno di cottura, non dimenticate di bucherellare con una forchetta il fondo della pasta, altrimenti rischiate che la briseè si gonfi.
Bucherellare la pasta è utile anche per favorire una cottura omogenea.
Farcite con il ripieno scelto, secondo la ricetta.
Quando preparate una torta salata con un ripieno particolarmente umido, portate la temperatura del forno a 200° C in modo da ottenere uan briseè più friabile
Potete fare una torta “aperta” e a vostro piacimento con i ritagli potrete sbizzarire la vostra fantasia a decorarla. Con le torte “aperte” se la ricetta lo permette, potete giocare con i colori dei suoi ingredienti, separandoli e divendendo la superfice a metà, in terzi o in quarti a secondo del colore diverso. Ampio spazio alla fantasia…
Potete fare una torta chiusa, utilizzando due rotoli di pasta briseè o una sola briseè divisa a metà.
Accendete il forno a 200° C almeno 10 minuti prima della cottura.
Cucinate secondo i tempi e le temperature previste dalla vostra ricetta.
I tempi di cottura variano a seconda della ricetta, delle dimensioni, dello spessore, della farcitura, del forno, la pasta può essere cotta a 200° – 230°, per 15/20 minuti o 30/40 minuti, la cosa migliore da fare, è controllare periodicamente. Per una cottura uniforme posizionate la teglia su un ripiano intermedio. Sarà pronta quando la pasta briseè si sarà dorata, se il ripieno è particolarmente umido, portate il forno a 200° C, in modo da ottenere una pasta più friabile.
Utilizzate la pasta che rimane, i ritagli, per decorare la vostra torta o per fare bastoncini o salatini da servire come aperitivo.

(none)