Focacce di Mirella

20626443_10213810548048596_6003466859447290186_oFocacce di Mirella

Ingredienti
500 gr di farina 00
450 gr di acqua
1 cubetto di lievito di birra
1 cucchiaino di zucchero
20 gr di sale 
olio 

Preparazione
Unite tutti gli ingredienti
Impastate per 10 minuti nella planetaria versate nella teglia unta di olio  e fate lievitare in forno  con la luce accesa fino a che non si sarà raddoppiato l’impasto
olio   sotto e sopra io uso quello di semi
Condite  a piacere ed infornare a 220°e cuocete fino a doratura

Masterchef 2017-18, le selezioni al via anche sulle navi da crociera: partnership con MSC

masterchefMasterchef 2017-18, le selezioni al via anche sulle navi da crociera: partnership con MSC

Masterchef va..in onda

Il celebre format sale a bordo delle navi MSC CROCIERE per intrattenere i crocieristi. La posta in palio per gli appassionati è straordinaria:
partecipazione al casting ufficiale e cena con le star del programma.

Masterchef torna “in onda”, ma questa volta non in tv: MSC Crociere, la più grande compagnia crocieristica a capitale privato al mondo e leader di mercato in Europa, Sud America e Sud Africa, ha annunciato oggi il lancio di MSC MasterChef At Sea. Grazie alla collaborazione con Endemol Shine Group, nota società di produzione televisiva che produce il popolare programma in 60 Paesi nel mondo, il format d’intrattenimento arriverà a bordo di tutte le navi della flotta entro l’estate in corso. L’iniziativa dimostra l’impegno costante di MSC Crociere nell’offerta sempre più ampia e diversificata di coinvolgenti attività d’intrattenimento, confermando anche l’attenzione e la passione della Compagnia per l’arte del buon cibo.

A bordo delle navi della Compagnia sarà quindi organizzato l’MSC MasterChef At Sea, gara di cucina strutturata sulla falsariga del popolare show televisivo. I crocieristi avranno l’opportunità di mettersi alla prova ai fornelli e di testare la propria abilità sfidandosi tra loro. Questa esperienza coinvolgente è stata progettata con l’intento di portare la magica atmosfera di MasterChef nella quotidianità degli ospiti in viaggio e di incoraggiare al tempo stesso l’esplorazione culinaria (https://www.msccrociere.it/it-it/Partnerships/MSC-Crociere-e-MasterChef.aspx).

Gianni Onorato, Chief Executive Officer di MSC Cruises, ha commentato: “Una delle caratteristiche fondamentali di una vacanza a bordo delle nostre navi è la vasta gamma di opzioni di intrattenimento disponibili sia di giorno che di notte, allo scopo di soddisfare le esigenze degli ospiti di ogni età. Per questo abbiamo aggiunto al già ricco ventaglio di attività la partnership con MasterChef, uno dei marchi più famosi nel mondo del food; lo scopo è quello di aiutare i clienti a vivere un’esperienza che combini la passione per il cibo con una proposta entusiasmante e unica. In fase di ideazione e progettazione abbiamo sfruttato le motivazioni degli spettatori di Masterchef e le abbiamo riportate alla luce con questa nuova offerta – per stimolarli e farli divertire”.

La partnership con MasterChef fa parte di una strategia più ampia messa in atto dalla Compagnia per collaborare con i migliori esperti mondiali in diversi settori, ribadendo l’attenzione e la cura per l’eccellenza. La Compagnia, infatti, è sempre alla ricerca di collaborazioni con leader conosciuti a livello mondiale per qualità nei rispettivi settori, per offrire a chi sceglie una crociera MSC esperienze sempre più uniche e indimenticabili.

Frances Adams, Global Director of Brands and Licensing, Endemol Shine Group, ha dichiarato: “Siamo lieti di collaborare con MSC Crociere per offrire l’esperienza unica ed autentica di MasterChef e intrattenere nuovo pubblico in tutto il mondo. MasterChef è un marchio di grande successo ed universalmente riconosciuto la cui popolarità è in continua crescita, al punto che i fans sono desiderosi di seguirlo anche quando non va in onda”.

Gli ospiti che parteciperanno durante la vacanza in crociera si affronteranno per realizzare una creazione, ad esempio utilizzando ingredienti misteriosi da una scatola; le coppie di sfidanti saranno giudicate dall’executive chef di bordo in base alla presentazione, al gusto e all’originalità del piatto. Durante ogni viaggio sarà incoronato un nuovo vincitore che riceverà un premio MasterChef. Ognuno dei vincitori sarà anche iscritto a un sorteggio annuale con in palio uno dei due seguenti fantastici premi:

1 – una cena a casa del vincitore o in un locale con una delle star di MasterChef in qualità di chef, una raccolta di 50 esclusive ricette MasterChef, la possibilità di partecipare al processo di casting ufficiale per la partecipazione al programma tv

2 – la possibilità con 3 amici di far parte dello show mentre si cena in uno dei ristoranti ripresi in esterna e una raccolta di 50 esclusive ricette MasterChef

Fabio Miceli
Havas PR Milan

Un viaggio nell’armonia il viaggio del Nuovo Cipiglio

impepata di cozze (1)Un viaggio nell’armonia il viaggio del Nuovo Cipiglio

Sono migliaia i ristoranti e le trattorie che lavorano a Firenze, città vocata per tradizione al turismo, ma chi ha la sensibilità di capire i colori della Toscana e le antiche ricette ed essere in grado di conoscere le antiche storie del cibo della Toscana ha già effettuato un viaggio culturale su una terra famosa per il suo immenso bagaglio di sapori.
Normalmente ogni locale assume la tendenza ad avere una sua personalizzazione, avere una identità gastronomica, sia di pesce che di carne, e quello del Cipiglio è soprattutto un viaggio nell’armonia, un filo rosso che lega il cibo, l’arte, il vino e la creatività, la costruzione di un percorso fatto di colori, una road map di cultura del cibo e del vino.
Un viaggio nel nuovo e fresco design del look del nuovo Cipiglio, creato da Marco Rogai padre di Bernardo, dove domina un allegro cicaleccio nelle stanze rinnovate dall’arredo e dai colori, il soft tortora e pelle nera per le sedute, alle pareti un sofisticato studio sull’estetica del vino, le opere d’arte dell’artista Elisabetta Rogai, recente new entry nella nuova società del ristorante, eseguite con la sua tecnica EnoArte, inventata da lei con l’aiuto dell’Università di Firenze, che raccontano attraversi i suoi dipinti la storia del vino associata al territorio e alle sue tradizioni.
E le antiche scatole di legno, inedito packaging del vino, i nomi delle le cantine che appaiono in maniera irriverente sulle scatole di legno attaccate al muro come libreria …..o cantinetta? vecchie scatole, rarissime, che non ci sono più, scovate in qualche baule nella cantina della nonna, un tocco di allegria in un mondo serioso come quello delle cantine.
Primo attore le contaminazioni dall’estro dello chef Francklin, la pizza di Tiziana, forse la più buona di Firenze anche senza battage pubblicitario, qui servita in maniera innovativa con il vino rosè invece della birra, ragazzi che sanno lavorare, con le mani e con il cuore, Bernardo, Tiziana, Francklin, Tommaso ed Elisabetta con il marito Marco Rogai, che con il loro lavoro, la comunicazione ben gestita e la semplicità del loro progetto parlano con eleganza ai sensi con un menù da mangiare anche con gli occhi e che dimostra la versatilità del giovane chef, carne e pesce, ogni tipo di ricetta, dalla più semplice alla più creativa, ma al Cipiglio si parla anche di arte, di cultura, di ospitalità e bel pubblico.
E poi flash di fiori e piante, stanze senza tempo, fuori il dehor pieno di allegria e ordinato disordine mentre si sta a tavola……è un viaggio, quello di questi cinque professionisti, in allegria e passione, ma anche grande sacrificio, attraverso la storia, la cultura, l’arte, la sapienza del fare, l’armonia dei colori e della materia, l’artigianalità del buon cibo dunque, quello che all’estero tutti ci invidiano, che fa parte delle cose belle della Toscana e dell’Italia intera, una Regione da vivere con il suo immenso bagaglio di sapori e colori.
TRATTORIA CIPIGLIO
Via Raffaello Lambruschini, 15r
50134 Firenze FI
Telefono: 055 490804
Press: Cristina Vannuzzi
Crediti ph: Silvia Meacci

Fusilli al sugo di orate

IMG_2783Fusilli al sugo di orate

Potete bollire la vostra orata io preferisco cuocerla in padella con aglio e cipollette a piacere anche qualche cipollette sarà più saporita

Ingredienti
80 gr di fusilli a persona o altro tipo di pasta a piacere
1 orata bella grande
1 spicchio di aglio
olio extra vergine
sale
1 passata di pomodoro
cipollette
vino per sfumare
capperi a piacere
prezzemolo per decorare

Preparazione
Cuocete l’orata a parte, una volta cotta la sfiletterete.
In olio extra vergine rosolate l’aglio, eliminate aglio, aggiungete la cipolla tritata finemente , aggiungete l’orata e sfumate con il vino terminate la cottura.
Sfilettate l’orata eliminate tutte le lische
In olio extra vergine rosolate l’ aglio, eliminate aglio, aggiungete la cipolla tritata finemente,   una volta dorata, aggiungete la passata di pomodoro e cuocete per 10 minuti, aggiungete l’orata  a piacere i capperi e  cuocete il tutto per altri 5 minuti
Cuocete la pasta  in abbondante acqua salata
Condite la pasta e servite a piacere decorate  il piatto con foglie di prezzemolo.

Salsina yogurt Alexia

Salsina yogurt Alexia

Ottima per pesce e  insalate, niente grassi!

Ingredienti
un vasetto da 500gr di yogurt magro greco
aglio
olio extra vergine
sale
pepe
erba cipollina

Preparazione
Mettete in una terrina lo yogurt, pulite uno spicchio di aglio e tritatelo finemente, stesso con erba cipollina, in questo modo entrambi gli odori si compensano e zero alito pesante! Unite il tutto allo yogurt e mescolare bene, fate riposare ben coperta per 12 ore

Tartare di salmone Alexia

Tartare di salmone Alexia

Ingredienti
1 filetto di salmone senza pelle
400 gr cipollotti a piacere
sale
pepe
salsina allo yogurt
erba cipollina

Preparazione
Pulite da eventuali lische il filetto di salmone con pinzetta. Con un coltello adatto, meglio se di ceramica, tagliate il pesce a tartare più sottile possibile (tritate), lavate e mondate i cipollotti tritateli, anche un po’ di parte verde e aggiungete al salmone in una ciotola. Tagliate erba cipollina e mescolatela alla salsina di yogurt (si trova nei super, anche se è molto semplice da fare!) ed emulsionate. Condite il salmone, aggiustate di sale e pepe e dividete la tartare nei piatti dandogli la forma con il coppapasta.

Insalata di pomodorini, tonno e zucchine croccanti

insalatatonnoInsalata di pomodorini, tonno e zucchine croccanti

Io metto spesso bacche rosa e cumino ma sono gusti un po’ forti che non a tutti piacciono

Ingredienti
1 manciata di pomodorini ciliegino
1 vasetto di tonno a filetti
2 zucchine piccole
olio extra vergine
sale
pepe
bacche rosa a piacere
cumino a piacere
prezzemolo o basilico a piacere per decorare il piatto

Preparazione
Lavate e tagliate i pomodorini in 2 o in 4
Lavate e tagliate le zucchine a pezzetti
Saltate  le zucchine in  un filo di olio extra vergine ma  devono essere cotte poche e mantenetele croccanti
In una zuppiera unite il tutto condite con olio extra vergine a crudo e bacche rosa
Fate raffreddare e servite fredda
A piacere decorate con foglie di prezzemolo o basilico

Dadolata di petto di tacchino alla cacciatora – Mirella

dadolatadi tacchinoDadolata di petto di tacchino alla cacciatora – Mirella

Ingredienti
600 gr di petto di tacchino
1 mazzetto di prezzemolo
1 cipolla bianca
2 carote
2 gambi di sedano
50 gr di olio extra vergine di oliva
50 g di vinorosso
400 g di polpa di pomodoro
sale
pepe
olive nere
funghi sott’ olio
Preparazione
Tagliate il tacchino a dadini non molto piccoli
Tritate la cipolla.
Pelate e tritate le carote
Tritate il sedano tritato
Rosolate in olio la dadolata insieme alle verdure, sfumate con il vino, cuocere a fiamma bassa per 10 minuti poi aggiungete la polpa di pomodoro sale e pepe. Aggiungete olive nere e funghi sott olio

Tortelli di Pier Andrea

Tortelli di Pier Andrea

“E’ una ricetta che in verità ho inventata io siccome mio figlio ne va proprio pazzo la chiamo i tortelli di Pier Andrea. A volte aggiungo anche la mozzarella volte se ce l’ho un po di mozzarella. La mia famiglia ne va matta!!! :)”

Ingredienti
500 gr di tortelli o tortelloni freschi

Per il pesto
olio
1 pizzico di sale
1 bel fascio di basilico
parmigiano
50 gr di pinoli

Per il condimento
50 gr di pistacchi
1 manciata di pomodorini
250 gr stracciatella
mozzarella a piacere

Per guarnire
foglie di basilico

Preparazione
Lessate i  tortelli o tortelloni  freschi, fate raffreddare
Tagliate a cubettini i pomodorini
Tritate i pistacchi per il pesto ma tenetene una parte da parte da mettere nel condimento e a piatto ultimato sopra alla stracciatella
Con del basilico fresco preparate il pesto con parmigiano, pinoli olio , un pizzico di sale mettete tutto nel frullatore
Una volta raffreddati i tortelli conditeli con pomodorini, il pesto, la stracciatella e una parte del trito i pistacchi mescolate il tutto e mettete sopra la stracciatella
Spolverizzate con i pistacchi tritati
Guarnite con due foglie di basilico mettete in frigorifero e servite fredda

Carpaccio di salmone marinato agli agrumi Marialaura

Carpaccio di salmone marinato agli agrumi Marialaura

“Io utilizzo il salmone fresco meglio se selvaggio, ma và bene anche quello affumicato”

Ingredienti
400 gr di salmone selvaggio (o affumicato)
2 lime o limoni
2 arance
sale
olio extra vergine di oliva
pepe rosa in grani

Preparazione
Spremete limoni e arance, tenete da parte la buccia di mezza arancia e buccia di mezzo lime
Cospargete una pirofila con l’ olio extra vergine di oliva e i succhi degli agrumi, adagiate le fettine di salmone e giratele nel succo/dell’ olio extra vergine di oliva aggiungete il pepe rosa in grani
Ricoprite la pirofila con pellicola e ponete a marinare per circa due ore in frigo.
Servite con crostini di pane e tanta insalata fresca

Costatine di cavallino alla nonnina Mirella

costatineCostatine di cavallino alla nonnina Mirella

Ingredienti
1 Costatina di cavallino a testa
2 patate a testa
5 pomodorini
2 spicchi d’aglio
sale
pepe qb
4 cucchiai di pecorino
un ciuffo di prezzemolo
olio extra vergine di oliva

Preparazione

Tagliate l’aglio a fettine
Pelate e tagliate le patate
Mettete in teglia le costatine, le patate , olio, sale, pepe, prezzemolo, aglio,pomodorini, e formaggio grattugiato disposti a strati ed infornati (con un po’ d’acqua per il fondo di cottura) 200° a forno già caldo per 10 minuti

Muro Lucano, gioiello della Basilicata: qui l’evento Borgo inVita ha conquistato tutti

Image.1501141521887 (2)Muro Lucano, gioiello della Basilicata: qui l’evento Borgo inVita ha conquistato tutti

I prossimi 11. 12,13 agosto l’antico borgo Pianello torna a splendere tra musica e sapori della tradizione

Siamo a Muro Lucano, nel potentino, Basilicata Nord-Occidentale. Nell’anno dei borghi, istituito dal Ministero dei beni culturali, eccone uno di straordinaria bellezza. È un vero e proprio gioiello incastonato della roccia a 600 metri sul livello del mare: la sua morfologia ad anfiteatro con le sue case colorate lo rende estremamente affascinante, soprattutto al calar della sera, quando le sue meraviglie sono esaltate della luce Il Castello Angioino, la statua di San Gerardo Majella che domina la città dall’alto del Torrione – un belvedere con una vista mozzafiato – e l’imponente Ponte del Pianello, che divide il centro dalla frazione di Capodigiano. Si tratta di ponte secolare ad arco parabolico in cemento armato – uno dei primi costruiti in Italia – fortemente voluto da Francesco Saverio Nitti, politico ricordato da queste parti anche per l’imponente diga della città, attualmente però fuori utilizzo.

Muro Lucano ha dovuto fare i conti con il terribile terremoto dell’Irpinia del 23 novembre 1980 di cui porta ancora i segni: un lento risollevamento per tornare a risplendere, pur dovendo fare i conti con il triste fenomeno dello spopolamento che affligge tutta la regione. È un luogo di assoluta tranquillità: aria incontaminata, l’ideale per tranquille e rilassanti passeggiate e per rilassarsi lontani dalla confusione delle città. Soprattutto d’estate, grazie anche ai rientri di studenti e cittadini ormai emigrati, diventa vivace e piacevole da vivere.

E’ la città che ha dato i natali a San Gerardo Majella, patrono della Basilicata e protettore delle mamme gestanti e dei bambini. “Il Santo del Popolo” nacque nell’antico borgo Pianello, dove oggi la casa natia è visitata dai turisti che raggiungono la cittadina lucana. Proprio in questo stupendo borgo, primo nucleo abitativo della città, si tiene l’evento Borgo inVita – percorso enogastronomico, artigianale e culturale organizzato dalla giovanissima Associazione Muro inVita. Tra gli incantevoli e suggestivi vicoli del borgo si articola un percorso in cui dominano i prodotti tipici somministrati dai produttori della zona nel solco di una tradizione gastronomica sempre viva da queste parti. Tra le viuzze, è sempre più consolidata la presenza di artigiani locali che rievocano antichi mestieri, quali la lavorazione del vimini e la produzione di oggetti attraverso il riciclo di materiali. È chiaramente un’occasione per lasciarsi trasportare da canti e balli della musica popolare lucana nel segno di un’armonia contagiosa dovuta alla presenza di gruppi di giocolieri, trampolieri e sputa fuoco che invadono le vie del borgo. Ma anche di giovani ragazzi del posto intenti a suonare l’organetto.

L’antico Borgo Pianello di Muro Lucano, i prossimi 11-12-13 agosto, sarà nuovamente teatro di questo ricco percorso che ha già riscosso grande successo nelle quattro edizioni precedenti. Valorizzare il territorio e le sue eccellenze resta l’obiettivo dell’associazione Muro inVita. Tra novità e conferme, anche la quinta edizione si preannuncia imperdibile. Lungo le vie del borgo e nelle affascinanti case-grotta, spazio per pietanze dal sapore autentico: dagli arrosticini di carne al provolone impiccato passando per prodotti a base di tartufo e primi piatti ispirati alla tradizione, come gli strascinati mollicati con i peperoni cruschi.  Prodotti genuini provenienti dalle aziende del territorio. Sarà possibile degustare l’ottima Birra Morena, brand della Famiglia Tarricone, che è un’altra eccellenza lucana, soprattutto nella sua versione Craft Beer che riscuote sempre più successo anche grazie ai prestigiosi riconoscimenti ottenuti in ambito europeo. Il riferimento è alla Celtica Stout, insignita del primo premio come migliore birra italiana nella categoria “Sweet Milk Stout” nell’ambito dei “World Beer Awards” che si sono svolti a Londra lo scorso anno, e della Gran Riserva Lucana, che ha rappresentato l’Italia nella finale mondiale 2016, sempre a Londra, per competere contro le birre vincitrici di Stati Uniti, Inghilterra, Giappone, Canada e Portogallo all’elezione della migliore birra al mondo nella categoria Barley Wine.

La stessa famiglia Tarricone, metterà a disposizione dell’Associazione alcuni immobili del borgo. Un segnale di sinergia tra imprese e volontari, nel segno di un amore comune verso il territorio.

Insomma, Borgo inVita è un contenitore di successo che per 3 giorni diventa una straordinaria vetrina per le eccellenze lucane. L’Associazione Muro inVita, che opera senza scopo di lucro, ha pensato proprio a tutto. Per turisti e visitatori ci sarà la possibilità, già dal pomeriggio, di usufruire di visite guidate gratuite nei luoghi di San Gerardo Majella con la casa del Santo che sarà aperta al pubblico fino alla mezzanotte. E per chi è interessato, vi è anche la possibilità di soggiornare usufruendo di appositi pacchetti studiati per l’occasione. Il programma e tutte le informazioni sono disponibili sul sito www.muroinvita.it.

Dove mangiare a Muro Lucano: ristorante Pizzeria “Il Casereccio; Ristorante Pizzeria “Acquviva”

Dove dormire a Muro Lucano: B&B Il Querceto, Agriturismo la Bontà, Hotel delle Colline, Hotel Miramonti

Come arrivare a Muro Lucano:

– L’aeroporto più vicino è quello di Napoli Capodichino

– In treno la stazione di Potenza Centrale (anche AV) o in alternativa Salerno.

– La stazione, per i treni non ad alta velocità, è quella di Bella – Muro, che dista 10 km dal centro città

–  In auto l’uscita di riferimento sulla Salerno-Reggio Calabria è quella di Sicignano e successivamente Balvano

In occasione dell’evento Borgo inVita, l’Associazione organizza un servizio navetta per l’aeroporto di Napoli e le stazioni di Potenza e Salerno.

Maurizio Cardone

Havas PR Milan

w    havas.com

Recensioni crackers sfoglia di grano Mulino Bianco

Recensioni crackers sfoglia di grano Mulino Bianco

Come non potevo parlarvi dei crackers recensioni crackers sfoglia di grano Mulino Bianco grano del Mulino Bianco anche questo prodotto mi è uscito dal pacco del Mulino Bianco chi non conosce questi crackers che sono inimitabili di crackers in commercio ce ne sono tanti ma come quelli del Mulino Bianco non è nessuno friabili freschi fragranti sempre perfino dopo la scadenza aprendo il pacchetto sgranocchiando un crackers vi accorgerete della bontà infinita di questo prodotto eccezionale lo suggerisco per antipasti aperitivi con salumi e formaggi farete un figurone senza olio di palma con dei granelli di sale in superficie ma non tanti e questo mi fa piacere grazie Mulino Bianco
testerangi@gmail.com

La quarta edizione di Mangiacinema a Salsomaggiore Terme

06f910e8-3492-400d-94aa-004ae58d9999La quarta edizione di Mangiacinema a Salsomaggiore Terme
La Festa del Cibo d’autore e del Cinema goloso 2017 dedicata a Federico Fellini
SALSOMAGGIORE TERME – Dal 27 settembre al 4 ottobre 2017 a Salsomaggiore Terme (Parma) si terrà la quarta edizione di Mangiacinema – Festa del cibo d’autore e del cinema goloso. E sarà, come sempre, un’imperdibile e stuzzicante settimana tra degustazioni gratuite, show cooking, proiezioni appetitose e tantissimi incontri con artisti del gusto e dello spettacolo. Oltre quaranta eventi, tutti a ingresso libero per il pubblico, negli otto giorni del Festival più goloso d’Italia. Dopo Ugo Tognazzi nel 2014, Totò nel 2015 e Sordi lo scorso anno, questa edizione della kermesse diretta dal giornalista Gianluigi Negri è dedicata a Federico Fellini.

Scarica il press kit con le immagini della precedente edizione

Scarica il press kit
I PROTAGONISTI
Mangiacinema si distingue dai vari festival legati al cibo perché il pubblico diventa protagonista assoluto di tanti assaggi diversi ogni giorno, in compagnia di numerosi attori, registi, musicisti, chef e intellettuali. Con questa formula originale e molto coinvolgente, che negli anni è diventata un vero e proprio stile (mutuato da Mangia come scrivi e approdato sul palco di un teatro italiano grazie a Mangiamusica che ha debuttato lo scorso novembre a Fidenza), nella città termale andrà in scena lo spettacolo del gusto. Visitatori e turisti potranno così godere di momenti di intrattenimento e “seduzione”, grazie ai cibi d’autore e alle prelibatezze che verranno loro servite.

GLI EVENTI
Fondamentale, come sempre, è la partecipazione dell’Istituto Alberghiero “Magnaghi”, con i suoi studenti ed il corpo docente: saranno loro a “guidare” le attese degustazioni che il Festival, voluto dal Comune di Salsomaggiore, offrirà al pubblico. Gli eventi si svolgeranno tra le Terme Berzieri, il Cinema Odeon e le Terme Baistrocchi. Ne saranno protagonisti i migliori artisti del gusto del Made in Salso, affiancati da grandi nomi delle Terre Verdiane e della Food Valley. “Gli artisti del gusto con le loro creazioni golose – anticipa il direttore artistico Gianluigi Negri – verranno ‘abbinati’ a importanti personaggi dello spettacolo e della cultura. Mangiacinema si riconferma una festa per gli occhi (con diverse proiezioni) e una vera festa per il palato, unica nel suo genere”.

Tra gli appuntamenti da non perdere, la cena di gala del giovedì dedicata a Fellini (che sarà “guidata” dallo chef di Golosìa e del Ristorante La Porchetta Edoardo Craviari, con altri tre importanti colleghi e quattro show cooking previsti durante la serata), i famosi laboratori “Crea & Gusta” per turisti e appassionati di cucina, un’originale e sorprendente “sfida” tra anolini di Salsomaggiore Terme e anolini di Parma che già ha il sapore di un “classico”. Buona visione e buon appetito? Sempre. O, come dice il pubblico di Mangiacinema, #guardagustagodi.

www.mangiacinema.it

La cena di gala di Mangiacinema 2016 con Andy Luotto, Daniele Persegani, Edoardo Craviari
La cena di gala di Mangiacinema 2016, dedicata a Sordi, con (da sinistra) gli chef Daniele Persegani, Edoardo Craviari e Andy Luotto (Foto di Fabrizio Bertolini)
I PARTNER
Il main partner della quarta edizione di Mangiacinema è Gas Sales. Tra i media partner, Radio 24, Film Tv, InformaCibo, Italia a Tavola e Stadiotardini.it. Hanno riconfermato, fino a questo momento, il loro appoggio alla manifestazione anche Ascom, Cna e, per la prima volta, Confagricoltura.

Contatti:
Ufficio stampa – Tel. 347.6961251
info@mangiacinema.it

Crostini azzurri – Alberto Bonito

crostini azzurri2.jpgCrostini azzurri – Alberto Bonito

Ingredienti
alici
crakers ( vanno bene anche bruschette, pancarrè o similari )
maionese
olive
pomodori

Preparazione
Marinate le alici
Sistemare i filetti di alici sui crakers ( vanno bene anche bruschette, pancarre’ o similari )e decorate con maionese, olive, pomodori

crostinia zzurri 1.jpg

O Munaciello I sapori di Napoli a Miami

20032107_10211235399254926_4398312417824700980_nO Munaciello I sapori di Napoli a Miami

Prosegue a Miami l’enorme successo dei sapori napoletani portati da Firenze e da Napoli del ‘O Munaciello, dove il primo attore è la pizza nera di Carmine Candito, il talentuoso pizzaiolo che dirige la brigata davanti al suo magnifico forno a legna e incanta i tanti turisti che passano le vacanze negli USA.
‘O Munaciello, questo folletto che le credenze napoletane narrano “gobbo, paffuto e rubicondo, con bel pancione e gambe corte, veste da monaco ma monaco non è, in verità è un famoso sacripante, ladro, bricconcello, pizzicatore di sederi, terrore dei conventi di monache che molesta…indovina i numeri vincenti, vanitoso e tronfio nella sua indiscussa fama di incallito Don Giovanni si rimpinza di tutto”… Esageratamente “chiaccherone”, colorato, popolare ma al contempo “gagà”, ironico ed autoironico, “O’Munaciello” si staglia Al 6425 di Biscayne Boulevard Corner con la 65th Street a Miami come punto di ritrovo, in un locale pieno di colore vesuviano, dove, per un aperitivo o per un cocktail fino a tardi, si respirano forti gli odori di menta basilico, frutta fresca oltre al profumo di distillati di pizza neraqualità, proposti con cura dei particolari dagli altri 2 proprietari, Leonardo Scuriatti e Valentina Borgogni, in un contrasto volutamente esagerato, nel disordine voluto del coloratissimo “O’ Munaciello” il nuovo ristorante nel cuore di Miami, che narra la città del Vesuvio con le sue vecchie botteghe di artigiani e l’umanità che si respira, i panni stesi ad asciugare, pomodori, aglio e cipolle appesi alle pareti, statuine di San Gregorio Armeno. L’atmosfera è quella dei Quartieri Spagnoli di Napoli, ma siamo sul lungomare di Biscayne Boulevard di Miami, all’interno del locale si schiude uno spaccato di Napoli, con i suoi colori, le sue musiche e le sue credenze antiche tra il sacro e il profano. cucina ripropone piatti dalla più tipica tradizione campana con un menù che varia stagionalmente in base alla freschezza e alle tipicità dei prodotti, questi ultimi tutti provenienti direttamente da consorzi e botteghe della Costiera.
Nel menù paccheri al polpo, scialatielli allo scoglio, pastiera e babà fatti in casa, si cena con l’accompagnamento di musica dal vivo, rigorosamente partenopea. Intorno ci sono le statue fatte a mano dai maestri Sciuscià e Ferrigno, come “O Angelo” e il folletto “O Munaciello”, cornetti scacciaguai che scendono dal soffitto, grappoli di “Pomodorino del Piennolo del Vesuvio” appesi al muro, libri che raccontano la storia napoletana sugli scaffali tra le bottiglie……. qui canta Napoli……
sederi, terrore dei conventi di monache che molesta…indovina i numeri vincenti, vanitoso e tronfio nella sua indiscussa fama diLA PIZZA NERA DI CARMINE CANDITO DA ‘O MUNACIELLO
Napoli, Firenze e Miami
Ingredienti:
Farina 00 miscelata con carbone vegetale,
acqua sale lievito,
impasto diretto lievitato 24 ore, farlo maturare per altre 24 ore.
‘O Munaciello Miami
6425 Biscayne Boulevard
Miami
‘O Munaciello Firenze
Firenze – Via Maffia, 31
Press: Cristina Vannuzzi

Insalata di pasta fredda di Marialaura

Insalata di pasta fredda di Marialaura

Ingredienti
350 gr di pasta tipo fusilli o eliche
1 barattolo di tonno a filetti
origano
capperi dissalati
olio al peperoncino
acciughe tagliuzzate

Preparazione
Cuocete la pasta , nel frattempo in una ciotola mettete il  tonno  a filetti, origano,capperi dissalati,olioal peperoncino ed acciughe tagliuzzate. A fine cottura della pastal a aggiungete al condimento,mescolate e poi servite a temperatura ambiente

Vellutata di Cavolfiore bianco con dadolata di pane cafone fritto – Alberto Bonito

VELLUTATA DI CAVOLFIORE BIANCO CON DADOLATA DI PANE CAFONE FRITTO.jpg

Vellutata di cavolfiore bianco con dadolata di  pane  cafone fritto – Alberto Bonito

A Napoli per  pane  cafone si intende quello che fanno i contadini in campagna cotto nel forno a legna

Ingredienti

cavolfiore bianco
pomodori pelati
aglio
maggiorana
olio extra vergine di oliva
sale
dadini di pane cafone fritti

Preparazione
Soffriggete poco l’aglio, aggiungete i pelati spezzettati, il sale, l’olio extra vergine di oliva e la maggiorana. Portate a cottura quindi aggiungete i pezzi di cavolfioreportandoli a cottura, alla fine con un mixer ad immersione frullate il tutto e servite caldo con dadolata di pane cafone fritto.

 

Riso arborio con luganega e barolo Alexia

Riso arborio con luganega e barolo Alexia

Ingredienti
300 gr riso
2 etti di luganega
1  cipolla bianca
prosecco
barolo una bottigli
sale
pepe
un filo di brodo

Preparazione
Affettate finemente la cipolla fatela saltare in una larga casseruola bassa col prosecco, poi aggiungete il riso e far tostare. In una pentola a parte sgranate e saltate la luganega nel suo grasso ed aggiungetela al riso, unite mano mano il barolo e portate a cottura, se serve con brodo circa 20 minuti, poi mantecate con stracchino, così evitate il burro, fateriposare un paio di minuti