Marlene in Alto Adige Sudtirol Lo spettacolo dei meli in fiore – Fruitecom

Marlene_Meli_1.jpgFra aprile e maggio, migliaia di fiori bianchi e gemme rosa annunciano la nascita delle fresche e succose mele coltivate dai 5.600 soci del Consorzio VOG.

Bolzano, 12 aprile 2011
Migliaia di fiori bianchi e gemme rosa per celebrare la fine dell’inverno e l’inizio della primavera. È l’emozionante spettacolo della fioritura dei meli, che da aprile a maggio colora la Valle dell’Adige, nel cuore delle Alpi italiane, dove crescono le deliziose mele Marlene®. E’ un risveglio non solo per la natura, ma anche per i sensi di chi ha la fortuna di assistere a questo suggestivo spettacolo della natura.
Proprio con questo miracolo nascono i frutti coltivati in oltre 10.000 ettari di meleti in Alto Adige/Südtirol dalle 5.600 aziende agricole socie del consorzio VOG, che con dedizione ed esperienza accompagnano i frutti Marlene® lungo il loro percorso: dalla fioritura alla maturazione, fino alla raccolta. E’ proprio grazie al loro impegno alle caratteristiche eccezionali di un territorio unico che le mele Marlene® raggiungono fresche e buone le nostre tavole.

Golden Delicious, Red Delicious, Granny Smith, Fuji, Royal Gala, Braeburn y Stayman Winesap Marlene®: sette varietà tutte contrassegnate dal classico bollino azzurro e certificate “Mela Alto Adige IGP”, un riconoscimento importante che sancisce lo stretto legame dei frutti con il loro territorio di origine. Sono proprio le caratteristiche del suolo e il clima ideale di cui gode questo angolo di natura incontaminata a regalare ai frutti Marlene® il loro gusto fresco e succoso e l’aspetto ricco e invitante.
Per maggiori informazioni, la invitiamo a visitare il sito web delle mele Marlene® all’indirizzo www.marlene.it.

Fruitecom
Via Provinciale Vignola-Sassuolo 315/3
41057 Spilamberto (MO) – Italy
T: +39 059 7863894 F: +39 059 7863889

Marlene in Alto Adige Sudtirol Lo spettacolo dei meli in fiore – Fruitecomultima modifica: 2011-04-14T06:37:00+02:00da eleoma
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento