Farro perlato con pomodorini tonno e curcuma

107709260_10222873671021348_2103353763172971888_oFarro perlato con pomodorini tonno e curcuma
Un piatto unico leggero veloce e molto fresco estivo

Ingredienti
300 gr di farro
200 gr di pomodorini pachino
200 gr di tonno

Preparazione
Lessate il farro come da vs abitudine (io lo faccio nella risottiera a vapore nel microonde) fate raffreddare
Lavate e tagliate i pomodorini
Condite il farro  con pomodorini , il tonno e la curcuma e il piatto è pronto

Insalata fredda merluzzo fagiolini pomodorini sedano

107104545_10222864207024754_3285406440126582994_oInsalata fredda  merluzzo fagiolini pomodorini sedano
Un piatto estivo semplice veloce leggero e digeribile
Ottimo da portare in piscina

Ingredienti
500 gr di fagiolini
300 gr di pomodorini pachino
800 gr di merluzzo
2 gambi d sedano
Olio extra vergine di oliva
sale di cervia
prezzemolo

Preparazione
Pulite i fagiolini, lessateli e  fate raffreddare
Lessate il merluzzo e fate raffreddare
Lavate e tagliate i pomodorini e  i fagiolini
Unite il tutto in un insalatiera capiente condite con olio, sale , prezzemolo e servite fresca

 

 

Braciole di maiale alla birra e agli aromi

86345352_10221350727948723_678648650024353792_nBraciole di maiale alla birra e agli aromi
Semplicissimo, veloce e sfizioso
Tempo permettendo potete anche fare marinare le braciole qualche ora nella birra e negli aromi

Ingredienti
#bracioledimaiale
200 gr #birra @birra_peroni
#sale
#origano
#timo
#pepe
#spezie di vostro gradimento

Preparazione
Passate le braciole di maiale negli aromi
in un filo di olio fate rosolare mezzo scalogno
Rosolate le braciole per alcuni minuti sfumate con la birra e servite

Insalata di polpo di Filippo Licata – Executive chef dello Yacht Club di San Pietroburgo

foto ricetta.jpgIngredienti
un limone
un cucchiaio di aceto
polpo
patate
carote
finocchio
finocchio selvatico fresco tritato
sale rosa macinato
olio extra vergine
succo di limone a piacere
Per decorare
una riduzione di aceto balsamico.

Preparazione
In una pentola mettete abbondante acqua tiepida con un limone ed un cucchiaio di aceto. Immergete il polpo nell’acqua e abbassare il fuoco al minimo. Coprite e cuocete per 40 minuti, il polpo dovrà essere tenero. Toglietelo dall’acqua, spellate il corpo ed i tentacoli,tagliate tutto a pezzi. Spellatele e lessate le patate, le carote e il finocchio. Basterà pungerle per verificarne la cottura al dente. Scolaterle e tagliatele a cubetti. In una grande ciotola, riunite il polpo e le patate,le carote e il finocchio, spolverate generosamente con finocchio selvatico fresco tritato, salate con il sale rosa macinato e irrotate con un ottimo olio extra vergine emulsionato con l’aggiunta di succo di limone a piacere. Servite tiepido e decorate il piatto con una riduzione di aceto balsamico.

Lonza con pomodorini

105047741_10222716248045872_4655507855549651166_oLonza con pomodorini semplice veloce…quando le materie prime sono buone anche il piatto semplice diventa eccellente
Carne ottima , solo italiana, consigliatissima acquistata ad un prezzo eccellente consegnata a casa, sottovuoto in tempi brevi  (sono già al 4 Ordine) AgnolottiPiemontesi.it

Ingredienti
800 gr di lonza di maiale @AgnolottiPiemontesi.it
300/400 gr pomodorini  pachino
1 cipolla
olio extra vergine di oliva
sale
pepe

Preparazione
Rosolate la cipolla tagliata fine, aggiungete la lonza rosolatela per alcuni minuti girandola spesso
Lavate e tagliate i pomodorini e lasciateli colare in un colapasta 10  minuti
Aggiungeteli alla lonza chiudete con il coperchio abbassate la fiamma e fate cuocere fino a  terminare la cottura

Aperitivi in Cantina Estate 2020

img-topAperitivi in Cantina Estate 2020

Tutti i martedì d’estate, dalle ore 19:00 vi aspettiamo in Cantina per un aperitivo in cui troverete in mescita tutti i nostri vini e gli Champagne. Saremo accompagnati dal DJ Set curato da Mirco Portolan. Un modo per ritrovarci, sempre consapevoli delle misure di distanziamento necessarie per la tutela della salute di tutti.

“L’avvenire non sembra mai così roseo, come quando
lo si guarda attraverso un bicchiere di vino.”

Alexandre Dumas

I nostri recapiti:
Azienda agricola Tomasella di Tomasella Luigi & C. Via Ungaresca, 14
Brugnera, PN 33070 Italy

Insalata con pomodorini , cavolo cappuccio sedano e bocconcini di pollo aromatizzati

104565239_10222716435450557_3614857736659652088_oInsalata con pomodorini , cavolo cappuccio sedano e bocconcini di pollo aromatizzati

Piatto unico semplice,velocissimo,sfizioso, light .
Le cose semplici sono sempre le migliori Semplice veloce ottima da portare in piscina . Carne sempre buonissima solo italiana consegnata a domicilio ottimo prezzo da
Carne sempre buonissima solo italiana consegnata in 24 ore ottimo prezzo  Agnolotti Piemontesi

Insalata con pomodorini , cavolo cappuccio

Ingredienti
800 gr di petto di pollo @Agnolotti Piemontesi
1 generosa manciata di pomodorini pachino
2 gambe di sedano
prezzemolo
curcuma, rosmarino, timo, maggiorana, pepe, origano
spezie (curcuma, rosmarino, timo, maggiorana, pepe, origano.. con quelle che preferite)
sale
pepe
olio extra vergine di oliva

Preparazione
Prendete il petto di pollo tagliatelo grossolanamente (in pochi minuti con la forbice) , aromatizzatelo con le spezie (curcuma, rosmarino, timo, maggiorana, pepe, origano.. con quelle che preferite) salate, saltatelo in padella (io ho usato la padella/griglia antiaderente elettrica)sarà pronto in pochi minuti senza olio..
Lavate e tagliate i pomodorini pachino , il sedano e il cavolo cappuccio , unite il tutto ai bocconcini fate raffreddare e prima di servirlo aggiungete una girata di olio e a piacere foglioline fresche di prezzemolo e basilico . 

Pollo agli anacardi Alexia

Pollo agli anacardi Alexia

Ingredienti
anacardi
farina
500 gr di pollo
mezza cipolla gialla
olio di semi
una grattata di zenzero
salsa di soia a piacere

Preparazione
Fate tostare gli anacardi in una pentola antiaderente, infarinate il pollo tagliato a cubettini poi rosolate mezza cipolla gialla in olio di semi, quando sarà dorata, aggiungete il pollo e giratelo su tutti i lati, aggiungete una grattata di zenzero e salsa di soia a piacere, dopo qualche minuti inserite gli anacardi e portate a cottura in dieci minuti!

Insalata di uova Eliana

Insalata di uova  Eliana

Ingredienti
4 Uova
2 gambi di sedano
1 cipolla
prezzemolo
maionese
senape.Servire sopra foglie de lattuga.

Preparazione
Fate bollire le uova e afte raffreddare
Lavate e sedano e  prezzemolo e tagliate finemente
Tagliate la cipolla finemente
In un contenitore unite il tutto e servite sopra foglie de lattuga.

Frittatina pomodorini e zucchine..

106328101_10222734537263091_4070768975486140331_oFrittatina pomodorini e zucchine
Io l’ ho fatta in padella con pochissimo olio, ma potreste cuocerla anche in forno
A piacere parmigiano reggiano e pangrattato,  io ho preferito farla senza
Io le zucchine preferisco lasciarle sempre croccanti

Ingredienti
6 uova
10/15  pomodorini datterini
1 zucchina piccola
sale
Olio
pepe

Preparazione
Lavate e tagliate i pomodorini e  le zucchine, tagliateli a pezzetti
Sbattete le upva
In una padella in  un filo di olio cuocete i pomodorini, aggiungete le zucchine,  saltate il tutto ,  aggiungete il composto di uova sbattuto
Buona sia fredda che calda

 

 

Villa delle Rose, estate 2020. Venerdì 3 luglio inaugurazione ristorante Asian Lounge, sabato 4 special guest Sylvain Armand

asian lounge @ villa delle rose foto 03Villa delle Rose, estate 2020. Venerdì 3 luglio inaugurazione ristorante Asian Lounge, sabato 4 special guest Sylvain Armand

Entra sempre più nel vivo l’estate 2020 della Villa delle Rose di Misano Adriatico, che venerdì 19 e sabato 20 giugno ha inaugurato la stagione estiva alla presenza delle telecamere di Rai e Mediaset e che lo scorso fine settimana ha avuto autentici ospiti a sorpresa Ilary Blasi e Francesco Totti, in vacanza tra Romagna e Marche e che non hanno mancato di trascorrere una serata alla Villa.

francesco totti con massimo buffagni @ villa delle rose crediti luca rossetti webresIl luglio della Villa delle Rose inizia venerdì 3 luglio con l’inaugurazione del suo ristorante Asian Lounge, un concept nuovo, creato dalla Direzione della Villa delle Rose e che si richiama con eleganza e stile alle specialità del Far East (sushi e non soltanto) e gode di un servizio premium grazie ad una carta di cocktail esclusivi. Sabato 4 luglio ospite speciale il dj e produttore svedese Sylvain Armand, da anni guest resident del locale romagnolo.

francesco totti e ilary blasi con tanja monies @ villa delle rose crediti luca rossetti webresAnche questa estate la Villa delle Rosa è consapevole di rivestire un ruolo da protagonista nel panorama italiano e internazionale dell’intrattenimento serale e notturno, sempre coerente con sé stessa e sempre in punta di piedi, senza mai cedere a mode frivole e passeggere. Perché la Villa è sempre la Villa.

asian lounge @ villa delle rose foto 01Le foto di Francesco Totti e Ilary Blasi alla Villa (rispettivamente con Tanja Monies, direttrice artistica e vocalist della Villa e con Massimo Buffagni, uno dei titolari del locale romagnolo) e del ristorante Asian Lounge.

Villa delle Rose
Via Camilluccia 16
Misano Adriatico (RN)
infoline 393/5027597
www.villadellerose.net

dottor
Daniele Spadaro
press agent
mobile +39.335.6262260
skype danielespadaro1
www.spadaronews.co.uk

Tagliatelle di konjac con pomodorini pachino melanzane e zucchine .

105535358_10222733760083662_5955245012870159843_oTagliatelle di konjac con pomodorini pachino melanzane e zucchine .
Pranzo proteico senza carboidrati semplice velocissimo ricco di fibre
Le tagliatelle di konjac (a base di glucomannano, una fibra solubile a basso contenuto calorico, senza grassi, a ridotto tenore di zuccheri e fonte di fibre ) a bassissimo contenuto calorico  sono un ‘ottima alternativa al riso o alla pasta arrivate in meno di 24 ore a un ottimo prezzo da AELASTORE
Ingredienti
400 gr di Tagliatelle di konjac
1 zucchina
1 melanzana
1 manciata di pomodorini
1 cipolla
sale
pepe
spezie a piacere (timo, maggiorana, bacche rosa, ginepro, prezzemolo…)

Olio

Preparazione
Tagliate la cipolla e tagliatela finemente.
Lavate e tagliate i pomodorini, la zucchina ,la melanzana
In olio rosolate la cipolla, aggiungete le melanzane, aggiungete i pomodorini,  in ultimo aggiungete le zucchine fate cuocere ( io le zucchine le lascio croccanti)
Sciacquate le tagliatelle in acqua (io ho usato l’acqua bollente) e saltatele in paella con le verdure

Bocconcini di pollo aromatizzati

104945340_10222694127412870_3733794154384563671_oBocconcini di pollo aromatizzati.
Laboratorio a 4 mani.
Piatto semplice,velocissimo,sfizioso, light le cose semplici sono sempre le migliori Petto di pollo tagliato grossolanamente (in pochi minuti con la forbice), aromatizzato da Alice con le spezie (curcuma, rosmarino, timo, maggiorana, pepe, origano.. Con quelle che preferite) saporiti con poco sale..una volta aromatizzati ( potreste tempo permettendo lasciarli a marinare nelle spezie oppure marinari nell’aceto balsamico o nel vino) saltateli subito in padella (io ho usato la padella/griglia antiaderente elettrica)saranno pronti in pronti in pochi minuti senza olio.. ottimi caldi saltati anche con verdure, spaghetti di soia o riso o konjac.. Buoni anche freddi per insalate fredde con verdure ( pomodorini, sedano, zucchine… ) o con riso, pasta, cous cous, o burgul.. Semplice veloce ottima da portare in piscina .
Carne sempre buonissima, solo italiana, consegnata in 24 ore, ottimo prezzo 16 kg € 70 (misto pollo, maiale , manzo) su l sito  Agnolotti Piemontesi

Ingredienti
800 gr di petto di pollo @AgnolottiPiemontesi.it
spezie (curcuma, rosmarino, timo, maggiorana, pepe, origano.. quelle che preferite)
sale
olio

Preparazione
Prendete il petto di pollo, tagliatelo grossolanamente (in pochi minuti con la forbice) , aromatizzatelo con le spezie (curcuma, rosmarino, timo, maggiorana, pepe, origano.. Con quelle che preferite) saporiti con poco sale una volta aromatizzati (potreste tempo permettendo lasciarli a marinare nelle spezie oppure marinari nell’aceto balsamico o nel vino), saltateli subito in padella (io ho usato la padella/griglia antiaderente elettrica)saranno pronti in pronti in pochi minuti senza olio.. 

 

 

Dopo Covid-19: Alla Fattoria del colle di Trequanda (SI)si attende con entusiasmo e fiducia il ritorno dei turisti turisti

f640d2aa-736e-4b02-a10e-e54cb59592beDopo Covid-19: Alla Fattoria del colle di Trequanda (SI)si attende con entusiasmo e fiducia il ritorno dei turisti

Dal 1 luglio la “Terapia del Paesaggio” come trampolino per la ripartenza

Nella campagna toscana, una vacanza in tutta sicurezza, tra paesaggi mozzafiato e ampi spazi, per godere dell’eccellenza enogastronomica che in Italia crea un indotto stimato dalla Banca d’Italia in circa 12 miliardi l’anno tra cibo, vino, degustazioni e shopping

Entusiasmo, fiducia ed una gran voglia di normalità. Dopo la pausa forzata per l’emergenza Covid-19, le priorità in vacanza per i turisti nel 2020, saranno imprescindibilmente lo stare all’aria aperta e a contatto con la natura. Una vera e propria “Terapia del Paesaggio”, per contrastare la “Sindrome della Capanna”, ovvero la paura di uscire e tornare alla socialità. A offrire tale opportunità è, per antonomasia, l’enoturismo che, se unito al tema cibo, può rappresentare un vero asso nella manica per salvare una stagione in cui gli stranieri saranno i grandi assenti e gli italiani che andranno in vacanza saranno – secondo una rilevazione IPSOS – appena poco più del 40%.

Lo sa bene Donatella Cinelli Colombini (www.cinellicolombini.it), che con la sua Fattoria del Colle a Trequanda, cinquecentesca villa incastonata tra le Crete Senesi, guarda fiduciosa al futuro dell’enoturismo puntando dal prossimo 1 luglio proprio sui ritmi lenti, i paesaggi mozzafiato e gli ampi spazi all’aperto: 3 parchi attrezzati e la piscina in cui godere il sole, il panorama e la quiete della campagna, 3 percorsi di trekking segnalati da cartelli dedicati alla scoperta della natura ed un percorso di trekking dedicato alla vite.

04022fcc-84de-43fb-a74a-17146e650483Una “Terapia del Paesaggio” che consiste in visite guidate nei vigneti per ammirare panorami che sono divenuti patrimonio Unesco, safari fotografici nei luoghi più suggestivi della tenuta, passeggiate nel giardino all’italiana con i vialetti di bosso, merende tradizionali nell’orto delle piante antiche, avventure di tiro con l’arco nel boschetto dei giochi antichi e nel fantabosco fino alle escursioni al Casato Prime Donne di Montalcino per sessioni di trekking nei vigneti, ove godere delle installazioni artistiche poste in onore delle vincitrici del Premio Casato Prime Donne, che la cantina assegna ogni anno ad una emblematica figura femminile della società civile.

Per garantire la massima sicurezza ed il distanziamento sociale, ogni ospite potrà consumare la colazione a base di torte tradizionali e biscotti, formaggi e salumi prodotti da laboratori artigiani locali direttamente negli spazi esterni esclusivi di pertinenza di ciascun appartamento, così come il pranzo e la cena per i quali è attivo un servizio di take away dal ristorante di Donatella, con menù degustazione di piatti tipici della tradizione trequandina e montalcinese e calici di vino.

Quale modo migliore infatti per accompagnare un soggiorno green – inteso come a contatto con la natura ma altresì sostenibile – se non la degustazione, con tutti gli accorgimenti di sicurezza e di distanziamento interpersonale, dei vini che raccontano la storia di questa cantina, dal Chianti Superiore DOCG al Leone Rosso e al Cenerentola Orcia DOC passando per Il Drago e le 8 Colombe IGT, prima di chiudere in bellezza con il Rosso di Montalcino DOC, il Brunello di Montalcino ed il Brunello Riserva, ambedue DOCG, prodotti al Casato Prime Donne.

“Le 25.000 aziende enologiche italiane aperte al pubblico – sottolinea Donatella Cinelli Colombini – stanno cercando di ripartire. Quelle attrezzate per l’hospitality in particolare, che occupano circa 30.000 dipendenti stagionali addetti all’enoturismo oltre al personale stabile, hanno bisogno di recuperare liquidità. Il giro d’affari che ruota attorno all’enoturismo ammonta a quasi 2,5 miliardi di euro, se si comprende anche la vendita diretta: una quota importante dell’economia del Paese che non deve venire meno. Il turismo del vino – aggiunge – comprende tutta una serie di consumi che non si fermano in cantina, ma crea un indotto che la Banca d’Italia stima in circa 12 miliardi l’anno tra cibo, vino, degustazioni e shopping. Anche l’ultimo Rapporto sul Turismo Enogastronomico conferma la predilezione degli italiani a vivere esperienze enogastronomiche in Italia, circa il 92%, mentre dall’altra parte l’87% delle cantine considera l’enoturismo un’attività strategica per la ripresa economica dopo la crisi. È interessante anche leggere come il 64% degli italiani sia interessato a conoscere di più l’enogastronomia dei territori in cui vive e questo ci porta a pensare che il 2020 si possa profilare come l’anno del riscatto per quell’Italia “minore” dei borghi e delle campagne, dove l’enoturismo rappresenta un volano di sviluppo importante e benessere”.

Potrebbe dunque essere l’occasione per riconoscere a questa Italia, che conta 460 Città del Vino, un ruolo più congeniale alla nuova idea di vacanza “protetta”, tra vigne, degustazioni all’aperto e luoghi lontani dal turismo di massa che aspettano solo di essere scoperti e valorizzati.

Per maggiori informazioni
Casato Prime Donne, Montalcino – Fattoria del Colle, Trequanda SI  0577 662108 pr@cinellicolombini.it

Addetta stampa
Marzia Morganti Tempestini 3356130800
marzia.morganti@gmail.com
Fattoria del Colle, Trequanda, giardini

La Toscana prescelta dal 45% dei turisti del vino, il 60% si muove all’interno della propria regione

La Toscana prescelta dal 45% dei turisti del vino, il 60% si muove all’interno della propria regione

ANTINORI, FRESCOBALDI E CINELLI COLOMBINI DURANTE L’ INCONTRO ORGANIZZATO DA AIS TOSCANA E GRUPPO EDITORIALE CHIEDONO AGLI STATI GENERALI DELL’ECONOMIA ATTENZIONE AL MONDO DEL VINO: BASTA INDUGI

Investimenti per l’e-commerce, attenzione ai dazi americani, revisione al ribasso dell’IVA, una massiccia campagna di comunicazione tra le richieste per rilanciare i consumi e il turismo del vino

Una particolare attenzione al sistema dei dazi americani, al rilancio dei consumi con la revisione dell’IVA, alla necessità dello sgravio del costo del lavoro per il mondo della ristorazione ed investimenti a sostegno dell’enoturismo e dell’e-commerce, tutto senza indugi. Queste le richieste che il mondo del vino toscano ha rilanciato all’Esecutivo in vista degli Stati Generali dell’Economia convocati dal Premier Conte, rappresentato ieri pomeriggio in un dibattito organizzato da AIS Toscana e Gruppo Editoriale in diretta sulla propria pagina Facebook da Albiera Antinori, Presidente della Marchese Antinori, da Lamberto Frescobaldi Presidente della Marchesi de’ Frescobaldi, e Donatella Cinelli Colombini produttrice a Montalcino e fondatrice del Movimento Turismo del Vino.

Una nuova era per l’enologia dunque, che i produttori si preparano ad affrontare portando proposte concrete all’attenzione del Governo in tema di rilancio e salvaguardia; un nuovo approccio e nuovi strumenti da vagliare, ma sempre nell’ottica di garantire una continuità ad un settore che nonostante le difficoltà, spesso anche logistiche durante questi mesi, guarda al futuro con ottimismo e fiducia. Soprattutto alla vigilia di un importante appuntamento istituzionale come gli Stati Generali dell’Economia, con il Ministro Roberto Gualtieri che ha stanziato per il rilancio del Made in Italy all’estero 1,4 miliardi di euro e di cui una quota andrà auspicabilmente a coprire anche il comparto agroalimentare.

Ciò premesso, su cosa chiedere al Governo per la salvaguardia ed il rilancio del settore vitivinicolo, Lamberto Frescobaldi, Presidente della Marchesi de’ Frescobaldi non ha dubbi: “il vino italiano all’estero è andato molto bene in questi anni e non vedo impedimenti alla ripresa di tale vivacità. Premesso che a causa di questa emergenza sanitaria, nel nostro Paese mancheranno quest’anno circa 60 milioni di turisti provenienti dall’estero, adesso necessitiamo un maggiore sostegno istituzionale, in particolare al Ministro chiediamo di seguire con grande attenzione la questione dei dazi con l’America pronta a imporre nuove limitazioni a prodotti europei ed anche italiani, il che significherebbe una mazzata terribile per la nostra economia. Ed un’altra questione essenziale per la competitività: il peso delle imposte. Il mondo della ristorazione, dove i grandi vini hanno il loro principale canale distributivo, è fortemente penalizzato, non solo dalle imposte ma anche dagli alti costi di manodopera. Un alleggerimento di tale carico, unitamente ad una revisione al ribasso dell’IVA, ora al 22%, contribuirebbe verosimilmente, se resa evidente, a rilanciare i consumi”.

Occhi puntati sugli Stati Uniti per il vino toscano dunque, che grazie anche alla diffusione internazionale in digitale in doppia lingua italiano e inglese del Sommelier Toscana, con gli anni è riuscito ad avvicinarsi sempre più alla nostra enologia: proprio dal Nuovo Continente infatti, la rivista pubblicata dal Gruppo Editoriale riceve apprezzamenti e registra circa il 20% dei contatti e delle impressions.

Sull’importanza del mercato americano per l’enologia toscana si è concentrata, con spirito propositivo, anche Albiera Antinori, Presidente dalla Marchesi Antinori, la cui azienda vitivinicola di famiglia è fortemente orientata all’internazionalizzazione, in particolare verso California e Cile dove ha altresì sedi di proprietà. “Concordo con quanto sostiene Lamberto Frescobaldi in merito alle preoccupazioni per possibili dazi americani – ha rilanciato – tuttavia sono positiva e fiduciosa che quel mercato sappia riprendersi velocemente quello sprint che da sempre lo contraddistingue. Quello che serve adesso è una strategia a lungo termine: le idee ci sono, ma non basta annunciarle, bisogna iniziare a metterle in pratica: basta indugi. Chiediamo sostegno – ha aggiunto – ma al contempo anche noi cerchiamo di fare la nostra parte per ripartire, anche con iniziative semplici come la fruibilità delle cantine Ritengo che anche l’e-commerce come modalità di acquisto che in questi tre mesi in Italia si è molto sviluppata, rimarrà un canale di vendita in più, un aiuto, ma non è paragonabile all’emozione di scoprire cosa c’è dietro la produzione di un vino e niente potrà sostituire le visite in cantina e per le degustazioni on line dovremo inventarci qualcosa in più di ciò che abbiamo fatto finora”.

A tali considerazioni, vanno ad aggiungersi quelle esplicitate da Donatella Cinelli Colombini, produttrice nonché fondatrice del Movimento Turismo del Vino, che focalizza l’attenzione sul turismo del vino in questa nuova era post Covid.

“Oggi il turismo enogastronomico è la prima motivazione di scelta dei turisti – ha premesso – inoltre, in considerazione delle difficoltà causate dal Covid-19, abbiamo di fronte l’opportunità di riportare i viaggiatori italiani a scoprire un turismo di prossimità. Pertanto chiediamo al Governo e agli Stati Generali dell’Economia che sia messa in campo un serio impegno nella promozione ed una massiccia campagna di comunicazione usando le reti pubbliche per promuovere il mondo del vino e del turismo e modificare il sito italia.it dove il vino non ha alcuno spazio, e questo è gravissimo per un Paese come il nostro. Inoltre occorre creare collegamenti tra le persone e i territori. Servono interventi immediati. Non basta la governance focalizzata sui singoli territori occorre una manovra di comunicazione importante per riattivare il turismo italiano perché mancano all’appello 59 milioni di turisti stranieri”.

Cinelli Colombini suggerisce alcune pratiche utili come organizzare opportunità all’aria aperta, creare punti di assaggio con prodotti tipici come formaggio e vino un abbinamento che ha almeno 8000 anni e accoglierli come amici e soprattutto aprire nel week end come conferma anche Albiera Antinori che ha già riaperto la loro cantina a Bargino, una autentica cattedrale del vino dove “già nel primo fine settimana abbiamo ricevuto oltre 300 turisti, niente in confronto a prima del Covid – 19, ma siamo fiduciosi che ben presto si possano raggiungere buoni risultati sia sui mercati sia per il turismo del vino”. Donatella Cinelli Colombini facendo riferimento ai dati dell’ultimo rapporto dell’Osservatorio sul Turismo del Vino redatto dall’Università di Salerno per le Città del Vino, afferma che la sorpresa più interessante è che “circa il 60% degli enoturisti hanno dichiarato di visitare più frequentemente le cantine della propria regione ed in questa classifica, la Toscana si è confermata la prima destinazione enoturistica italiana con il 45% di preferenze. Il turismo del vino – ha aggiunto – è paragonabile ad un treno in corsa che il Covid ha fermato e che adesso vorrebbe poter tornare ai fasti di un tempo. Nel 2019, le visite in cantina sono state circa 15 milioni per un giro d’affari di 2,65 miliardi di euro. Se gli stranieri torneranno il merito sarà anche della rete web, che rappresenta lo strumento più utilizzato per organizzare un viaggio ed una escursione in cantina. La voglia di venire in Italia c’è, lo dimostrano gli oltre 300 milioni di visualizzazioni prodotte dalle ricerche on line. Cogliamo questo come segnale incoraggiante per una pronta ripartenza”.
L’incontro dal titolo “Into a new era” dedicato agli scenari post Covid per il settore dell’enologia in occasione della presentazione dell’ultimo numero della rivista Sommelier Toscana nel quale sono altresì raccontate le più importanti Anteprime del vino toscano, è stato moderato dal Direttore del Sommelier Toscana Marzia Morganti Tempestini e dall’editore della rivista Matteo Parigi Bini, con l’intervento del Presidente di AIS Toscana Cristiano Cini il quale ha ribadito come “ora più che mai sia importante trasmettere fiducia e continuità, dimostrare di esserci, non mollare. Noi lo abbiamo fatto facendo uscire la rivista Sommelier Toscana nonostante il lockdown e continueremo a farlo, in primis con la conferma di un imperdibile appuntamento, il ventennale dell’Eccellenza di Toscana, a dicembre alla Stazione Leopolda di Firenze. Sarà un ritorno alle origini – ha aggiunto – con i soli produttori di vino, e rappresenterà il contesto più coerente per continuare a raccontare, con e per gli appassionati, i nostri vini, le storie dei produttori toscani ed il nostro territorio”.

Nell’incontro, è altresì intervenuto il Direttore Editoriale del Sommelier Toscana, Antonio Stelli, che ha dissertato con gli ospiti circa le ultime Anteprime e le annate del vino, in particolare del Brunello di Montalcino e del Chianti Classico.

Ufficio Stampa AIS Toscana

Marte Comunicazione snc di Morganti e Tempestini
marzia.morganti@gmail.com ph 3356130800
ntempestini@gmail.com ph 3398655400
ufficio.stampa@aistoscana.it; www.aistoscana.it
Incontro Antinori, Frescobaldi, Cinelli con AIS Toscana e Gruppo Editoriale
Copyright © 2020 AIS Toscana, All rights reserved.
Ricevi questa mail perchè giornalista o stekeholder del settore

Our mailing address is:
AIS Toscana
via di Capalle 11
Calenzano, Fi 50041
Italy

Musei del Cibo (Pasta e Pomodoro) alla Corte di Giarola: per prenotare la visita basta un click

Musei del Cibo (Pasta e Pomodoro) alla Corte di Giarola: per prenotare la visita basta un click

I Musei a Pasta e del Pomodoro propongono visite in un ambiente naturale di grande fascino e in totale sicurezza. È sempre necessario prenotare la visita telefonando o scrivendo ai singoli musei e osservare alcune semplici precauzioni. Ma è anche possibile prenotare e acquistare on line, sempre dal sito, i biglietti di ingresso scegliendo la fascia oraria preferita.  I Musei del Cibo, infatti, hanno messo in atto una serie di azioni per rendere le visite piacevoli e sicure (sul sito www.museidelcibo.it  si possono trovare le precauzioni adottate). È anche possibile, sempre dal sito, scaricare gratuitamente le audioguide sul proprio smartphone.

La visita ai Musei della Corte di Giarola, danno la possibilità di trascorrere la giornata con piacevoli passeggiate, pranzi al sacco o al ristorante della Corte per assaggiare le specialità create appositamente con i prodotti celebrati nei Musei. È anche prevista per chi lo desidera, una degustazione da 10 Euro in abbinamento al biglietto dei Musei, sempre prenotabile on line. Ma non solo: si possono organizzare itinerari naturalistici perché nello stesso luogo ha sede l’ingresso del Parco Fluviale Regionale del Taro. È un paesaggio intriso di natura, ma anche di cultura: questa parte del territorio parmense è costellata dalle suggestive pievi romaniche dell’antica Via Francigena, importante percorso di pellegrinaggio medievale.

Il Parco Fluviale del Taro in particolare è uno straordinario ambiente botanico e ornitologico: qui sono state segnalate oltre 250 specie di volatili che transitano annualmente e, per questo motivo, sono presenti numerosi punti per il birdwatching e sentieri didattici attrezzati.

Chi avesse acquistato la card Musei del Cibo, con scadenza entro giugno 2020, potrà utilizzarla ancora: infatti la durata è stata prorogata di un anno. La card consente di visitare tutti i Musei del Cibo della provincia di Parma (Museo del Parmigiano Reggiano, Museo della Pasta, Museo del Pomodoro, Museo del Vino, Museo del Salame di Felino, Museo del Prosciutto di Parma, Museo del Culatello di Zibello) a prezzi scontati.

Museo della Pasta mob. +39 347.4018157; e-mail prenotazioni.pasta@museidelcibo.it

Museo del Pomodoro mob. + +39 347.4018157; e-mail prenotazione.pomodoro@museidelcibo.it

www.museidelcibo.it

Tagliatelle di konjac con pomodorini pachino e tocchettini di lonza.

105564667_10222724416530079_6656293823957165283_o (2)Tagliatelle di konjac con pomodorini pachino e tocchettini di lonza…
Pranzo proteico senza carboidrati semplice velocissimo ricco di fibre
A piacere la lonza potreste metterla  a marinare quallche  prima nel vino o nell’aceto balsamico
Questa carne è ottima  che dire ormai testata da mesi !!… Buona.. Italiana.. Arrivata a domicilio, pagata poco eccellente rapporto qualità prezzo ( in offerta 16 kg 70 € – manzo maiale pollo in parti uguali -) consigliatissima!!!!acquistata a AgnolottiPiemontesi.it
Le tagliatelle di konjac (a base di glucomannano, una fibra solubile a basso contenuto calorico, senza grassi, a ridotto tenore di zuccheri e fonte di fibre ) a bassissimo contenuto calorico  sono un ‘ottima alternativa al riso o alla pasta arrivate in meno di 24 ore a un ottimo prezzo da AELASTORE
Ingredienti
400 gr di Tagliatelle di konjac
300 gr di lonza @AgnolottiPiemontesi.it
1 manciata di pomodorini
1 cipolla
sale
pepe
spezie a piacere (timo, maggiorana, bacche rosa, ginepro, prezzemolo…)

Olio

Preparazione
Tagliate la cipolla e tagliatela finemente.
Lavate e tagliate i pomodorini.
In olio rosolate la cipolla, aggiungete la lonza e cuocetela girando su tutti i lati, aggiungete i pomodorini, abbassate la fiamma, mettete il coperchio e terminate la cottura
Sciacquate le tagliatelle in acqua (io ho usato l’acqua bollente) e saltatele in paella con la carne

 

SKYY Vodka salpa a bordo di The Yacht Week- Ufficio stampa Skyy Vodka

_MG_9369.jpgDopo l’America’s Cup, SKYY Vodka sceglie un altro modo di fare vela

Milano, 26 luglio 2012 – SKYY Vodka torna a solcare i mari italiani con The Yacht Week, un progetto di vacanza che offre la possibilità di vivere il mare in un’esperienza unica. Per il primo anno The Yacht Week, l’azienda svedese leader nel settore di vacanze in flottiglia per giovani, approda in Italia per una vacanza imperdibile nelle Isole Eolie: una settimana all’insegna della spensieratezza e del divertimento a bordo di una barca vela, per vivere il mare in tutte le sue sfumature.
La rotta italiana è la novità del programma dell’estate 2012. Il percorso, della durata di tre settimane, coinvolge oltre 60 barche provenienti da tutto il mondo. In programma una serie di serate nei locali più belli delle isole Eolie e delle attività dedicate tra cui la prima edizione della Skyy Vodka Round Panarea Cup che si terra ogni giovedì con partenza da Lisca Bianca.
“Siamo onorati di poter offrire ai nostri clienti una rotta cosi esclusiva con uno sponsor d’eccezione come Skyy Vodka” dichiara William Wenkel, CEO di The Yacht Week. “Crediamo che possa avere molto successo e ci stiamo già muovendo per l’organizzazione della seconda edizione per l’estate del 2013”.
Dopo la sponsorizzazione del team Neozelandese Emirates per le gare italiane del circuito America’s Cup, SKYY Vodka torna in mare, a cui è legata grazie al caratteristico colore blu delle sue bottiglie. La qualità e la particolarità di SKYY Vodka, l’unica con quadrupla distillazione e triplo filtraggio, derivano dalla sua purezza.
Il brand sposa il mare, la vela e tutto l’universo di riferimento di questo sport affascinante e coinvolgente. Ma non solo… E’ questo l’anno di lancio della gamma SKYY Vodka & Fruit: l’incontro di SKYY VODKA con aromi naturali e succo di pura frutta. 3 varianti di gusto: pesca, fragola e frutto della passione. Una scelta sempre più ampia quella di SKYY, ottima da gustare liscia fredda o in gustosi cocktails.

In occasione dell’America’s cup SKYY Vodka presenta SKYYPPER, il cocktail ideato per brindare al team neozelandese.

Ingredienti
1 ¼ oz. Skyy Vodka
¾ oz. Blue Curaçao
3 oz. Lemonsoda
Rondella di New Zeland kiwi o arancia

Preparazione
In un bicchiere build (Juice – 35cl) colmo di ghiaccio, versare direttamente gli ingredienti. SKYY VODKA (3.5cl) per primo, poi Blue Curaçao (2cl) e Lemonsoda a completare. Decorare con rondella di New Zealand kiwi (in onore di ETNZ!) o con una fettina di arancia.

Ufficio stampa Skyy Vodka
D’Antona&Partners
Via San Vito, 7
20123 Milano
tel. +39 02 8545701     
cel. +39 348 9349773     
tel. diretto  +39 02 85457048     
fax. +39 02 85457077
http://www.dantonapartners.it

 

Yakult e Trnd

IMG-20200617-WA0079Yakult e Trnd Italia hanno scelto me come ambassador
Original , plus e light tu di che Yakult sei?
Inizio sin da oggi a scoprire il benessere che deriva dai venti miliardi di  di probiotici lcs  che favoriscono  l ‘ equilibrio della flora intestinale .

Questa bevanda di latte scremato fermentato  é adatto a tutti , senza conservanti , senza glutine ne coloranti
Con il suo gusto fresco  , delicato e gradevole  bevuta quotidianamente sará un piacere  per corpo e mente  .
Tester Angi