Pizza con scarole – Sonia

Pizza con scarole – Sonia

Ingredienti
Per l’impasto
600 gr di farina
una tazza di olio d’oliva ( oppure extravergine )
15 gr sale
un cucchiaino di  zucchero
lievito di birra (un cubetto)
350 cl. di acqua
Per il ripieno
1.5 kg scarole lisce mondate e lavate
3 spicchi di aglio
1 bicchiere di olio di oliva e.v.p.s. a f.
150 gr di olive di Gaeta denocciolate
1 etto di capperini di Pantelleria dissalati
sale doppio
pepe

Preparazione
Mondate e lavate le scarole, e lessatele in acqua salata e infine strizzatele un po’
In un ampio tegame versate tutto l’olio con l’aglio tritato e fatelo soffriggere eliminare l’aglio, aggiungete le olive denocciolate e i capperi, ed infine le scarole ben strizzate, condite con sale e pepe. Lasciate freddare e preparate la teglia per la cottura della pizza, oliandone la superficie. Dividete in due parti diseguali l’impasto ormai lievitato e usatene una parte (la maggiore) per la base,foderando fondo e bordo della teglia, aggiungete le scarole e completare con l’impasto avanzato lasciar lievitare ancóra per circa un’ora in un luogo caldo e asciutto e infornate a 200°per 30 minuti. Una volta che la pizza sarà cotta, estratela dal forno fatela intiepidire prima di servitela.

“A Napoli nella vera pizza con le scarole, si mettono anche le alici salate, pinoli e uvetta.Se l’impasto risultasse troppo croccante ammorbiditelo mettendoci un po’ di olio sopra.”Sonia

Guarda le altre ricette nelle categoria Pizza 

Panzerotti – Anna S.

Panzerotti – Anna S.

Ingredienti
1 kg di farina
25 gr di lievito di birra
un cucchiaio di sale
un cucchiaino
di zucchero
un cucchiaio di olio di oliva
ripienoa  piacere

Preparazione
Impastate il tutto e fate lievitare circa 2 ore
Aiutandoti con la farina stendete la pasta e riempitela
Alla fine friggeteli

Guarda le altre ricette nelle categoria Pizza 

Panzerotti pugliesi Rossella

Ingredienti
500 gr farina
acqua tiepica circa un bicchiere in cui si fa sciogliere
25 gr di lievito di birra
un cucchiaio di olio
un cucchiaino di sale

Preparazione
Amalgamate tutto fino ad ottenere un’impasto liscio come quello della pizza, fate riposare al caldo per circa 2 ore poi formate delle palline con la pasta, schiacciatela fino a formare dei dischetti e farcite con mozzarella pomodoro e prosciutto cotto chiudeteli a mezza luna e friggeteli ( si possono fare tranquillamente anche al forno

Panzerotti ripieni – Angelamaria

Ingredienti
Per la pasta

400 gr di farina bianca
150 gr di strutto
sale
Per farcire
100 gr di salame piccante
200 gr di caciotta
80 gr di parmigiano
un ciuffo di prezzemolo
1 uovo
sale
pepe
olio per friggere

Preparazione
Setacciate la farina con un pizzico di sale sul piano di lavoro e forma la fontana.
Al centro mettete lo strutto ammorbidito e tagliato e impastate con le dita, poi aggiungete in piccole quantità acqua tiepida, fino ad avere un impasto sodo.
Formate un panetto, awolgetelo in un canovaccio e lasciatelo riposare a temperatura ambiente per 20 minuti.
Lavate,asciugate e tritate il prezzemolo, tagliate a pezzetti il salame, tritate la caciotta e grattugiateil parmigiano.
Sbattete in una ciotola l’uovo, unite il prezzemolo, il salame e la caciotta, mescolate bene, regola di sale e di pepe.
Stendete la pasta in una sfoglia abbastanza sottile e ritaglia dei dischi di circa 10 cm di diametro, distribuite su metà dei dischi una cucchiaiata di ripieno.
Ricopriteli con altrettanti dischi di pasta, poi sigillate i bordi premendo con i rebbi di una forchetta
Scaldate l’olio, friggete a fuoco moderato due o tre panzerotti per volta. Prelevateli con la paletta forata e sgocciolali su carta assorbente da cucina. Serviteli ben caldi.

Pasticcino di formaggio – Angelamaria

Ingredienti
Per la pasta

250 o 300 gr di farina (dipende dall’uovo e dagli altri ingredienti)
1 uovo intero
40 gr. di strutto
4 cucchiai di olio extravergine d’oliva
5 cucchiai di acqua tiepida
una presa di sale.

Per il ripieno

4 uova
700 gr. di pecorino stagionato grattugiato
un buon pizzico di pepe nero
1 tuorlo d’uovo per la doratura.

Preparazione
Disponete la farina a fontana nel mezzo, aggiungere l’uovo e gli altri ingredienti per la pasta mescolati precedentemente in una piccola terrina.
Lavorate bene la pasta e stenderla con il mattarello oppure con l’apposita macchinetta.
Lo spessore deve essere di circa 2 mm.
A questo punto i procedimenti sono due:
– o ritagliate dei dischetti di circa 4 cm. di diametro e spiegate gentimente ai bordi fino ad ottenere delle coppette;
– oppure rivestitecon la pasta gli stampi in PVC freezer-forno che non necessitano neanche di essere imburrati od infarinati.
Qualunque sia il procedimento la pasta così “conciata” deve riposare un’oretta.
Nel frattempo in una ciotola mescolate bene il formaggio grattugiato, le uova, il bel pizzico di pepe ed il lievito.
Riempite le formine, quelle più belle fatte a mano o quelle più precise ed eleganti degli stampini.
Lasciate riposare ancora un’ora.
Forno pre-riscaldato a 180 gradi.
Prima di infornare spennellate la superficie con il rosso d’uovo sbattuto: 20-25 minuti al massimo di cottur
a.

Fiadoncini di Pasqua – Antonella

Ricetta abruzzese

Ingredienti

800 gr di formaggio di mucca semi stagionato e grattugiato
3 uova
per la sfoglia
3 uova
1 bicchiere d’olio
1 bicchiere di vino bianco
la farina q.b

Preparazione
Preparate la sfoglia deve risultare una sfoglia da stendere con la macchinetta della pasta ma non tanto dura, mischiate il formaggio con le uova e fate delle palline e mettete da parte, intanto stendete la sfoglia nella macchinetta e poi passartela al penultimo numero, mettete la sfoglia nella spianatoia, metteteci sopra le palline di formaggio e copritele con il resto della sfoglia, poi tagliatele intorno con una rotellina e mettete su una placca da forno e sopra al fiadoncino fare un incisione a croce ed infornate a 180 gradi fino a quando non sono dorati

Schiacciatine o pizze ripiene o calzoni -Sharon

“Ricette per la macchina del pane se non l’avete fatela a mano”

Ingredienti

Per l’impasto

200 gr di acqua
100 gr di latte (il latte può essere sostituito con l’acqua)
2 cucchiai di olio
1 cucchiaio di zucchero
2 cucchiaini di sale
250 gr di farina 0 
250 gr di semola di grano duro (la semola di grano duro con la farina integrale)
12 gr di lievito di birra

Preparazione
Preparate l’impasto per il pane, mettete tutto nella macchina del pane  e scegliete il programma impasto
Stendere l’impasto  sulla carta da forno e adagiarlo in due teglie 20x 30 cm. Esercitate con i polpastrelli delle mani, avvallamenti distribuiti su tutta la superficie se volete fare la pizza, se invece volete fare le schiacciatine prendete l’impasto stendetelo e farcite con un ripieno a piacere. Quando mettete l’impasto sulle teglie aggiungete sale, 5 cucchiai di acqua e tre di olio.Lasciar lievitare in un luogo tiepido per 30 minuti. A forno caldo 200°, infornate e cuocete per 15 minuti. Succesivamente guarnite a piacere e terminare la cottura per altri 15 minuti alla stessa temperatura.

“Ricetta presa dal mio libro di ricette della macchina del pane.” Sharon

Impasto per calzoni Ines – Giovanna

Tipica della zona di Palermo

Ingredienti
1 kg di farina 00
450 gr di acqua
100 gr di sugna
100 gr di zucchero
50 gr di lievito di birra
25 gr di sale

Preparazione
Mettete in una terrina la farina con la sugna e mescolate bene;sciogliete il lievito nell’acqua che deve essere tiepida e aggiungetela poco alla volta a tutti gli ingredienti.Impastate fino a quando l’impasto non si stacca dal contenitore. Fatela lievitare e poi fate delle palline e stendetele, farciteli a paicere  con prosciutto,mozzarella, di pomodoro e chiudete.
Cuoceteli in forno o friggeteli in abbondante olio

Calzoni Ines ripieni di prosciutto e mozzarella – Giovanna

Tipica della zona di Palermo

Ingredienti

1 kg di farina 00
450 gr di acqua
100 gr di sugna
100 gr di zucchero
50 gr di lievito di birra
25 gr di sale

Per farcitura

prosciutto
mozzarella
1 pò di pomodoro

Preparazione
Mettete in una terrina la farina con la sugna e mescolate bene;sciogliete il lievito nell’acqua che deve essere tiepida e aggiungetela poco alla volta a tutti gli ingredienti.Impastate fino a quando l’impasto non si stacca dal contenitore. Fatela lievitare e poi fate delle palline e stendetele, farcitele con prosciutto,mozzarella e un pò di pomodoro e chiudete.
Cuoceteli in forno o friggeteli in abbondante olio

Pizza all’Andrea – Alice

“Io sono ligure oggi ti invio la ricetta della pizza che si fa dalle mie parti: si chiama pizza all’Andrea ,in onore ad Andrea Doria che era nato ad Oneglia proprio nella mia città.”Alice

Ingredienti

Per  la pasta

500 gr di farina 00
200 gr farina grado duro
2 cubetti di lievito
250 gr di acqua tiepida
mezzo bicchiere d’olio extravergine
sale
Per condimento
1 grossa cipolla affettata
1 bicchiere d’olio extravergine
2 scatole di pomodori pelati (in questo periodo che ci sono quelli freschi è meglio usare quelli)
4  spicchi di aglio vestito
6 alici salate
origano
olive nere

Preparazione
Nella planetaria mettete le farine e il lievito sbricciolato amalgamate bene, unite a filo l’olio e l’acqua tiepida (sempre impastando)ed infine il sale.lmpastare per 20 min circa.lasciare riposare per  3 ore in luogo tiepido(ora che fa caldo anche 2ore).
Ppreparate il condimento
Fate rosolare bene la cipolla nell’olio aggiungete i pelati e fate cuocere per  15 minuti a fuoco basso.
Prendete la pasta lievitata stendetela in una teglia unta d’olio, unite il condimento aggiungendo le alici spezzettate , gli spicchi d’aglio, le olive nere e una spolverata di origano.
Lasciate lievitare in teglia ancora per un’ ora  circa(ora meno pechè fa caldo…)
Infornate in forno caldo a 200° C per 30 minuti

Pizza di pancarrè – Mara

Ingredienti
pan carrè
pomodori
mozzarella

Preparazione
Prendete una teglia, coprite il fondo della teglia con il pancarrè, condite a piacere come se stesse facendo una pizza con pomodoro e mozzarella e inforniate a 180° per circa venti minuti.
Servite caldo

Calzone Tradizionale pugliese con baccalà

Ingredienti
500 gr di farina di grano duro
2 kg di sponsali o porri piccoli
300 gr di baccalà
150 gr di acciughe lavate e diliscate
1 cubetto di lievito di birra
1 cucchiaio di sale
acqua tiepida q,b,
1 tazzina colma da caffè di olio extra vergine d’oliva
1/2 bicchiere di vino bianco
1 manciata di uvetta

Calzone pugliese – Cinzia

Ingredienti
700 gr di pasta di pane
1,5 kg di sponsali (Cipolline fresche)
3 acciughe sotto sale (vanno bene anche sott’olio)
200-300 gr di provole piccante
1 bicchiere di olio d’oliva extra vergine

Pasta per pizze fritte – Calzoni – Alberto Bonito

Ingredienti
Per l’impasto

1 Kg di farina 0 ( non  è la stessa cosa, ma si può usare anche la farina 00 )
un cubetto di lievito a temperatura ambiente
30 gr di sale fino
550 gr. ( 5 Decilitri ) di acqua a temperatura normale
50 gr di strutto / burro / margarina
un cucchiaio di zucchero

olio di oliva e/o di arachidi per la frittura.

Per il ripieno
cicoli ( un salume tipico napoletano )
ricotta romana
salame napoletano,
provola fresca affumicata
pepe

Pasta per pizze fritte – Montanare – Alberto Bonito

Ingredienti
Per l’impasto

1 Kg di farina 0 ( non  è la stessa cosa, ma si può usare anche la farina 00 )
un cubetto di lievito a temperatura ambiente
30 gr di sale fino – 550 gr. ( 5 Decilitri ) di acqua a temperatura normale
50 gr di strutto / burro / margarina
un cucchiaio di zucchero

olio di oliva e/o di arachidi per la frittura.

Per le montanare
pelati frullati
provola affumicata
aglio
basilico
parmigiano reggiano
olio extra vergine di olive
sale

Pasta per pizze (per forno casalingo) – Alberto Bonito

“Questa ricetta è stata da me elaborata per essere adattata alla cottura nel forno di casa. Con questa dose, usando delle teglie della misura max per il forno domestico, si possono fare 4 pizze tipo pizzeria, oppure 2 Pizze tipo “Focaccia Montanara“.Questo pasta può essere usata anche per ripieni e/o altre preparazioni da forno. “Aberto

Ingredienti
1 Kg di farina 0 ( non è la stessa cosa, ma si può usare anche la farina 00 )
1 cubetto di lievito a temperatura ambiente
30 gr di sale fino
550 gr ( 5 decilitri ) di acqua a temperatura normale
strutto o burro o margarina

Pizza con salsiccia

Ingredienti
700 gr di farina di tipo “0”
300 gr di acqua
100 gr di latte
2 cucchiai di olio
25 gr di lievito
1 cucchiaino abbondante di sale
salsiccia di maiale
passata di pomodoro
mozzarella

Pizza con il tonno – Nicoletta

Ingredienti
700 gr di farina di tipo “0”
300 gr di acqua
100 gr di latte
2 cucchiai di olio
25 gr di lievito
1 cucchiaino abbondante di sale
180 gr di tonno
mozzarella

Panzerotti ripieni di salsiccia, ricotta e scamorza – Nicoletta

Ingredienti
700 gr di farina di tipo “0”
300 gr di acqua
100 gr di latte
2 cucchiai di olio
25 gr di lievito
1 cucchiaino abbondante di sale
200 gr di scamorza affumicata
200 gr di salsiccia
200 gr di ricotta
sale
pepe

Preparazione
Unite acqua, latte e lievito aggiungete la farina e dopo il sale, l’importante è che il sale sia sempre aggiunto distante dal lievito. Impastate bene, sarà pronta quando si staccherà bene dal vostro piano di lavoro o dalla vostra impastatrice. Fate una “palla” e mettetela in una teglia ricoperta da un canovaccio (lontano da fonti di calore o correnti fredde), lasciate riposare dalle 2 alle 3 ore.
Preriscaldate il forno a 220° C.
Cuocete in padella la salsiccia, eliminate la pelle e tagliatela a pezzi.
Tagliate la scamorza a pezzetti.
In una terrina schiacciate la ricotta, aggiungete salsiccia e scamorza, mischiate tutto, salate e pepate.
Oliate la teglia.
Dopo che la pasta della pizza sarà lievitata fate dei panetti ed iniziate a stendere la pasta. Le dimensioni dei panetti dipenderanno dalla dimensione dei vostri panzerotti. Infarinate il panetto. Iniziate a stendere la pasta fate dei dischi di ugual dimensione (sulle dimensioni dipende dai gusti) io li preferisco del diametro di un palmo di mano, stendete con le mani o con il mattarello, se utilizzate il mattarello riuscirete a rendere la pasta più sottile, farcite i panzerotti con il ripieno ottenuto e avvolteli su stessi dandogli una forma di mezzaluna, chiudeteli con le mani  sigillando i bordi verso l’interno (in tal modo non uscirà il formaggio).
Oliate i panzerotti anche sopra, io personalmente dopo averli farciti li giro dall’altra parte rivolgendoli verso la teglia così si ungono da entrambi i lati, senza aggiungere ulteriore olio. Oliare la pasta della pizza serve per darle quel colorito dorato perchè non sia come dire “pallido”o smorto.
A questo punto i panzerotti sono pronti per essere messi in forno (meglio se su pietra refrattaria), cuocete. E’ meglio riporli nei primi piani 1 o 2 (su tre) partendo dal basso.
La cottura dipende dalle dimensioni dei panzerotti, dal forno se ventilato o no, dalla potenza e dal tipo di forno,  quando vedete che li panzerotti si saranno dorati saranno pronti.


Sfincione palermitano – Rosalia

“E’ un piatto molto buono….
Ideale d’estate anche per pic-nic
E’ una pizza che si può conservare anche per due o tre giorni.
E’ buona anche mangiata fredda. Rosalia “

Ingredienti
la pasta per la pizza
caciocavallo siciliano meglio se siracusano
formaggio fresco siciliano meglio primo sale
origano
cipolla rossa
mollica di pane
acciughe spinate
olive nere
pomodoro fresco

Preparazione
Preriscaldate il forno a 220° C. Oliate la teglia.
Tagliate la cipolla a fette grandi.
Tagliate a pezzi il caciocavallo.
Iniziate a stendere la pasta è una pizza che va stesa un’ po alta, genere pugliese, oliate la pasta anche sopra, aggiungete caciocavallo, origano, cipolla rossa, mollica di pane, acciughe spinate, olive nere e pomodoro fresco
E’ importante che la spolverizziate con del formaggio, magari fresco siciliano e caciocavallo siracusano.
Cuocete, a cottura ultimata, sfornatela.
Buona anche fredda ma calda è più buona.

“A piacere potete aggiungere anche i capperi, ma è una news, in quanto non fa parte della “tradizione” dello sfincione…
A seconda dei  gusti prima di infornare potete cospargere il tutto con la mollica di pane e posizionando il forno sulla funzione “grill” si farà la crosticina…ma queste  è un’altra mia personale variante alla ricetta originale.
Per formaggio fresco intendo il “primo sale”, una sorta di caciocavallo non stagionato, una delizia,  comunque trattadosi di un piatto povero, che costa poco, si usava, un tempo, mettere un qualsiasi formaggio, in generale, quello che sia aveva a casa. Rosalia”