Pinolata di troffie in crema di formaggi – Dr. Antonio Falchi & Barbara Bindi

Ingredienti
350 gr di troffie
1/2 cipolla
olio extravergine di oliva
pepe nero macinato
sale
pinoli
100 gr di fontina
200 gr di gruviera
1-2 cucchiai di panna da cucina

Preparazione
In un’ampia padela antiaderente rosolate con un filo d’olio exravergine di oliva 1/2 cipolla piccola finemente tritata unitamente ai pinoli per pochi minuti (evitate che i pinoli si brucino).
Aggiungete i formaggi finemente tritati ed omogenare con 1 o 2 cucchiai da tavola di panna da cucina.
Salate e pepate a piacere.
Condite la pasta saltandola ed eventualmente correggete la densità della salsa con un pò di panna.

Dr. Antonio Falchi & Barbara Bindi
http://dottoriincucina.blogspot.com

Formaggio fritto

Ingredienti
150 gr di caciocavallo
150 gr di provola
2 uova
pangrattato
olio per friggere

Preparazione
Sbattele le uova
Tagliate i formaggi a dadini o a fiammifero, tutti delle medesime dimensioni
Passateli prima nell’uovo e poi nel pangrattato, friggeteli in olio, metteteli su carta  assorbente,  in modo da assorbire un po’ l’olio e serviteli

 

I “9 formaggi” con Giancarlo Caratti – Genova (GE)

Mercoledì 11 novembre 2009

Cena a base di formaggi tipici della nostra nazione presentati dal grande esperto Giancarlo Caratti ed elaborati dai ragazzi dell Osteria

Osteria dell’ Acquasanta
Via Acquasanta 281
Genova (GE)
Telefono 010/638035

Stracchino – Gabriele Bacciottini – Italiana Sommelier

Anticamente si produceva, quando le mucche andavano in transumanza e quando ritornavano. La lunga camminata creava nel latte delle mucche acido lattico, che comprometteva la produzione di formaggi a lunga conservazione.

Si pensò di fare un formaggio a pasta molle di pronto consumo che ottenuto da mucche stracche generò il nome stracchino.

Spalmabile di yogurt

Ingredienti
1 kg di yogurt al naturale (non bianco, naturale
)

Preparazione
Versate lo yogurt in un canovaccio, chiudete il canovaccio, appendete “il fagottino” in un ambiente fresco (tenedo sotto una petola) e lasciate colare l’acqua.
Potete in alternativa mettere “il fagottino” in uno scolapasta e lasciarlo nel lavandino.
Lasciate colare lo yogurt per uno o 2 giorni.
Otterrete uno spalmabile ottimo da usare sulle tartine, sul pane, sui crostini oppure da mangiare in abbinamento con il miele.
Potete condirlo con delle spezie.