Anemia – Dott.ssa Antonia Griffo

L’anemia è una malattia del sangue caratterizzata dalla dimunizione del numero di globluli rossi e del loro contenuto in emoglobina. Talvolta uno stato di anemia è associabile ad una dieta squilibrata. Per arricchire la dieta di ferro e facilitarne l’assorbimento è consigliabile assumere gli alimenti ricchi di ferro in associazione adaltri ricchi di acido ascorbico (vitamina C). Il ferro è contenuto abbondantemente nei seguenti cibi:Fegato, reni, carne rossa, polpi, calamari, vongole, fagioli, lenticchie, soia, noci, prezzemolo

Sussistono però alcune differenze: prima tra tutte il fatto che il ferro degli alimenti non è assimilabile allo stesso modo. Ad esempio, mentre il ferro della carne si assimila per il 16-20%, quello dei legumi si assimila per il 5% circa e quello delle verdure per l’1-3%.
Esistono dei trucchi per assimilare meglio il ferro assunto con la dieta ovvero associare ad una dieta ricca di ferro la contemporanea assunzione di vitamina C contenuta negli agrumi.
A fine pasto, dopo aver consumato alimenti ricchi di ferro, quali carne, legumi, spinaci, ecc., una spremuta sarà utilissima: permetterà di potenziare l’assimilazione del ferro fino al 20% in più. Arance, limoni, mandarini, insalate…. sono veri alleati del ferro nella dieta: spremere un po’ di succo di limone sui fagiolini o su una bistecca, ci farà assorbire il ferro con maggiore efficacia.

Dott.ssa Antonia Griffo
Biologa Nutrizionista
per contatti: antoniagri@hotmail.it.

Biancaneve Dott.ssa Antonia Griffo

Biancaneve Dott.ssa Antonia Griffo

Le mele e le pere, come tutti gli alimenti del gruppo bianco, sono una vera miniera di fibra, di minerali come il potassio e di vitamina C, oltre che di isotiocianati, particolari phytochemicals molto efficaci nella prevenzione dell’invecchiamento cellulare e di varie forme di tumore.

Ingredienti
6 pere
2 mele
2 arance
1 bastoncino di cannella
10 minuti scarsa

Preparazione
Dopo averle lavate e sbucciate, mixate le pere,le mele e le arance. È un succo che va servito fresco,con l’aggiunta di un pizzico di cannella che
arricchisce il sapore di tonalità più forti.
Le mele e le pere, come tutti gli alimenti del gruppo bianco, sono una vera miniera di fibra, di mineralic ome il potassio e di vitamina C, oltre che di isotiocianati, particolari phytochemicals molto efficaci nella prevenzione dell’invecchiamento cellulare e di varie forme di tumore.

Dott.ssa Antonia Griffo
Biologa Nutrizionista
per contatti: antoniagri@hotmail.it

 

Reflusso gastroesofageo Dottoressa Antonia Griffo

Reflusso gastroesofageo Dottoressa Antonia Griffo

Anche se occasionalmente, piccoli reflussi di contenuto gastrico nell’esofago sono considerati fisiologici; si parla di malattia da reflusso gastroesofageo (MRGE) se la frequenza e l’intensità dei reflussi assume valenza patologica. L’acido cloridrico e la bile che vengono a contatto con la mucosa esofagea ne provocano l’infiammazione con la conseguente insorgenza di dolori cronici. Col tempo l’infiammazione può evolvere in danni alla mucosa esofagea, con erosioni e piccole ulcere. L’assunzione di sostanze quali grassi, nicotina, caffeina, agrumi, alcolici ed anche alcuni tipi di farmaci può intensificare gli episodi di reflusso.

ACCORGIMENTI DIETETICO-COMPORTAMENTALI

• Ridurre il peso
• Svolgere attività fisica moderata (30 minuti per 5 volte a settimana) esercita un ruolo protettivo sui sintomi da reflusso
• Evitare pasti abbondanti che aumentano la pressione gastrica e preferire pasti piccoli e frequenti
• Evitare cibi grassi, fritti, il cioccolato, il caffè, la menta, bevande gassate, succhi di agrumi e pomodoro.
• Evitare il fumo di sigaretta
• Evitare l’alcol che esercita un effetto tossico sulla mucosa esofagea e favorisce gli episodi di reflusso.
• Evitare di mangiare entro 3 ore prima di coricarsi

Dott.ssa Antonia Griffo
Biologa Nutrizionista
per contatti: antoniagri@hotmail.it.

I 5 colori del benessere – Dott.ssa Antonia Griffo

5-colori.jpgCinque porzioni a colori di frutta e ortaggi, ogni giorno, contribuiscono a mantenere il nostro benessere. È una regola semplice e buona, un consiglio utile per proteggere la salute e coprire il fabbisogno di nutrimento del nostro organismo. Sono tanti i modi per consumare con gusto 5 porzioni di 5 colori al giorno: bianco, blu-viola, giallo-arancio, rosso e verde.

Ciascun colore è caratterizzato dalla presenza di sostanze chiamate “phytochemicals” (composti organici di origine vegetale), che non hanno funzione nutritiva, ma costituiscono uno scudo protettivo per il nostro organismo e ci mantengono in forma senza bisogno di integratori. Frutta e ortaggi, sia crudi che cotti, conferiscono alla nostra alimentazione le caratteristiche tipiche della dieta mediterranea e arricchiscono di gusto e colore la nostra buona tavola.
Le più recenti indagini e i rilevamenti sui consumi alimentari mostrano quanto sia forte il legame tra alimentazione e salute e come le persone siano sempre più attente e sensibili al proprio benessere che si raggiunge con un’alimentazione variata e uno stile di vita attivo. E’ stato ampiamente dimostrato che il benessere si mantiene con il consumo quotidiano di prodotti ortofrutticoli freschi di cinque colori: blu/viola, verde, bianco, giallo/arancio e rosso. Sono questi i “cinque colori del benessere”.
Mangiando secondo questa regola, non solo ci si nutre bene, ma si riduce anche di un terzo il rischio di sviluppare tumori, diabete, patologie cardiache e coronariche ed altre malattie altrettanto diffuse. Ciascun frutto e ortaggio ha una sua composizione caratterizzata da un ridotto contenuto calorico e dalla presenza di acqua, zuccheri, vitamine, minerali, fibra alimentare e phytochemicals (composti organici di origine vegetale), che sono sostanze presenti nelle piante, catturano l’energia del sole, responsabile della vita nel mondo vegetale, dando a frutta e ortaggi i loro colori così vivaci e invitanti. I phytochemicals sono fondamentali per la salute, perché proteggono il nostro organismo riducendo il rischio di molte patologie come quelle cardiovascolari, il diabete, l’ipercolesterolemia e i tumori. I Phytochemic18857.jpgals, l’acqua, le vitamine, i minerali, la fibra, il sodio e il potassio sono quindi fonte di vita e benessere. Il consumo quotidiano e variato di frutta e verdura, sia cruda che cotta, assicura un rilevante apporto di elementi ad alto valore nutritivo, e allo stesso tempo consente di limitare la quantità di calorie assunte grazie al ridotto contenuto di grassi ed all’elevato potere saziante.

I 5 COLORI:

1. Gli alimenti del gruppo ROSSO (Barbabietola, Pomodoro, Ravanello, Anguria, Arancia rossa, Ciliegia, Fragola) aiutano a mantenere: un cuore in salute, le funzioni di memoria e riduce il rischio di sviluppare alcuni tumori

2. I cibi giallo- arancio (Carota, Peperone, Zucca, Albicocca, Arancia, Cachi, Limone, Mandarino, Melone, Nespola, Pesca, Pompelmo) combattono il rischio di sviluppare tumori e patologie cardiovascolari. Potenziano la vista e prevengono l’invecchiamento cellulare. I componenti più importanti sono il betacarotene e i flavonoidi

3. I cibi di colore Marrone-Bianco (Cipolla, Aglio, Cavolfiore, Finocchio, Sedano) sono un vero affare per la nostra salute. Rinforzano il tessuto osseo e i polmoni. Combattono tumori e patologie cardiovascolari. Il componente più importante è la quercetina, un antiossidante nemico dei tumori

4. I cibi di colore Verde (Asparagi, Basilico, Bieta, Broccoli, Carciofi, Cetrioli, Cicoria, Lattuga, Prezzemolo, Spinaci, Zucchine, Kiwi) sono ricchi di clorofilla, e grazie alla sua potente azione antiossidante ed ai carotenoidi aiutano a prevenire molti tipi di tumore ed a proteggere dalle patologie coronariche. Nel verde c’è il magnesio, importante nel metabolismo dei carboidrati e delle proteine. Aiuta il nostro benessere stimolando l’assorbimento di calcio, fosforo, sodio e potassio. Importanti anche per la presenza di acido folico, folati e Vit.C

5. I cibi di colore Blu-Viola (Melanzane, Radicchi, Fichi, Mirtilli, More, Prugne, Ribes , Uva nera)sono nemici dei tumori e delle patologie cardiovascolari. Amici della vista, dei capillari sanguigni e di una corretta funzione urinaria. Ricchi di antocianine, combattono patologie della circolazione del sangue e prevengono l’aterosclerosi.

Nutritevi dei colori della vita,attraverso i “cinque colori del benessere” è più facile ricordarsi che conviene variare, diventa più semplice comprendere le caratteristiche nutrizionali e i fattori protettivi associati a ogni tinta base.

Dott.ssa Antonia Griffo
Biologa Nutrizionista
per contatti: antoniagri@hotmail.it

 

Consigli dietetici in gravidanza Dottoressa Antonia Griffo

Durante il periodo gestazionale non è necessaria una dieta “speciale”, bensì si tratta di modificare la dieta abituale integrandola con un surplus di energia e di alcuni nutrienti.
L’alimentazione in questo periodo deve essere particolarmente curata in modo da apportare tutti i nutrienti e l’energia necessaria.
– Consumare quotidianamente alimenti con proteine ad alto valore biologico quali carne, pesce, uova, latte e formaggi.
– Dare la preferenza al pesce per il suo contenuto in acidi grassi polinsaturi e per la maggiore digeribilità.
– Consumare ortaggi e frutta fresca per l’apporto di vitamine e Sali minerali.
– Consumare legumi, verdure e cereali integrali per combatter la stipsi che si manifesta in questo periodo,
– Evitare alcolici e superalcolici.
– Limitare il consumo di caffè e tè.
– Non eccedere nel consumo di dolci e bevande zuccherate al fine di contenere l’aumento ponderale entro i limiti desiderabili.
– Limitare le fritture, cibi elaborati e moderare il consumo di sale.

Fabbisogno di Vitamine e sali menerali
– Calcio. 1200 mg/die
– Fosforo: 1200 mg/die
– Ferro: 30 mg/die
– Acido folico: 200 mcg/die

Dott.ssa Antonia Griffo
Biologa Nutrizionista
per contatti: antoniagri@hotmail.it.

Gazebo – Dott.ssa Antonia Griffo

Gazebo –  Dott.ssa Antonia Griffo

Ingredienti
1 melone
3 fette di anguria
3 carote
Qualche foglia di menta

Preparazione
Tagliate a pezzi le carote ben lavate ma non sbucciate, altrimenti perdono le proprietà della buccia, e centrifugatele insieme all’anguria e al melone. Guarnite poi con la menta.
E’ molto dissetante , ideale per una merenda estiva o a metà mattina.

Dott.ssa Antonia Griffo
Biologa Nutrizionista
per contatti: antoniagri@hotmail.it.

Il caldo estivo si combatte aumentando il consumo di acqua, frutta e verdura Dott.ssa Antonia Griffo

Per combattere il caldo estivo è importante assumere una maggiore quantità di cibi ricchi di acqua, senza dimenticare di bere comunque più acqua.
“Il nostro organismo necessita di circa 3 litri di acqua al giorno un litro e mezzo viene introdotto con gli alimenti ed un litro e mezzo bevendo acqua. Il che vuol dire che se la quantità giornaliera di bicchieri d’acqua necessaria varia da 6 a 8, d’estate i bicchieri dovrebbero aumentare fino a 8/10. Per quanto riguarda gli alimenti, gli italiani introducono mediamente tramite essi circa 1200 ml di acqua al giorno, ma d’estate queste quantità dovrebbero aumentare, bisognerebbe arrivare almeno a 1600/1700 millilitri quotidiani”.cibi più “acquosi” sono la frutta, in particolare anguria e melone, la verdura, il latte, i succhi di frutta, lo yogurt, i sorbetti e i gelati, cibi che gli italiani consumano mediamente a sufficienza. “Avere un’idratazione adeguata oltre a garantirci uno stato di benessere generale e a favorire l’eliminazione delle tossine, evita tutti i problemi che la disidratazione comporta: da problemi semplici, ma fastidiosi, come la stipsi, a problemi più importanti, come lo stato confusionale che può comparire più facilmente nei periodi caldi e nelle persone anziane”Per mantenere un’adeguata idratazione in estate meglio quindi più spremute, frullati, centrifugati, frappé, verdura (soprattutto cotta), latte e yogurt, e, naturalmente, più acqua. L’acqua infatti, non ha valore calorico, può essere bevuta indifferentemente frizzante o naturale, ed è un’ottima fonte di sali minerali.L’acqua naturale non presenta aggiunta di anidride carbonica, invece quella frizzante, è caratterizzata da bollicine effervescenti, dovute all’aggiunta di anidride carbonica stessa.Questa è l’unica differenza ma l’importante è BERE tanto soprattutto con questo caldo. Né l’acqua naturalmente gasata né quella addizionata con gas (normalmente anidride carbonica) creano problemi alla nostra salute, anzi l’anidride carbonica migliora la conservabilità del prodotto.
Solo quando la quantità di gas è molto elevata si possono avere lievi problemi in individui che già soffrano di disturbi gastrici e/o intestinali.

Dott.ssa Antonia Griffo
Biologa Nutrizionista
per contatti: antoniagri@hotmail.it.

Bocconcini di pollo ai peperoni – Dottoressa Antonia Griffo

Bocconcini di pollo ai peperoni – Dottoressa Antonia Griffo
Valori nutrizionali
Energia: 190 kcal
Proteine 26, 7 g
Glucidi 6,6 g
Lipidi 6,1 g

Ingredienti
400 gr di petto di pollo
300 gr di peperoni
300 gr di pomodori pelati 3
10 gr di farina
15 gr di olio extra vergine di oliva
10 gr di cipolla
sale q.b.

Preparazione
Mettete in una pentola l’olio e la cipolla tagliata a pezzi. Fate soffriggere leggermente per un minuto, poi aggiungete i peperoni tagliati a liste e continuate a cuocere per un altro minuto. Infarinate leggermente i bocconcini di pollo e uniteli ai peperoni facendoli ben sigillare. Dopo qualche istante aggiungete i pomodori pelati, regolate di sale e cuocete per almeno mezz’ora con coperchio e a fuoco basso. Se il sugo dovesse asciugare troppo aggiungete del brodo vegetale.

Dott.ssa Antonia Griffo
Biologa Nutrizionista
per contatti: antoniagri@hotmail.it.

La zucca Dottoressa Antonia Griffo

La zucca è in grado di “riempire” un intero menù, dall’antipasto al dolce, poiché molte sono le sue “virtù” ed ogni piatto risulterà quindi gustoso e salutare.
Le proprietà della zucca sono diverse, a cominciare dalla polpa che contiene diversi principi attivi in particolare modo carotenoidi, ma anche mucillagini e sostanze pectiche. Anche i semi hanno la loro importanza perché in essi è possibile trovare fitosteroli, olii grassi, melene e fitolecitina. Inoltre dai semi di zucca freschi pestati si estrae un olio scuro mentre, tostati e salati, vengono serviti come “stuzzichini” insieme all’aperitivo. Essi hanno anche una funzione medicamentosa, infatti sono molto indicati per combattere la tenia echinococco (verme solitario). Questa proprietà deriva dalla cucurbitina (un amminoacido) che “paralizza” letteralmente il verme e ne provoca il distacco dalla parete intestinale. L’uso dei semi come vermifugo è da tempo conosciuto, generalmente ben tollerato e privo di controindicazioni. Ma non è solo questa la loro funzione positiva, infatti i semi della zucca sono anche in grado di alleviare le infiammazioni della pelle e di prevenire le disfunzioni delle vie urinarie. La polpa e il succo della zucca spesso vengono utilizzati come diuretici e gli specialisti consigliano di bere un bicchiere di succo la mattina a digiuno. Da essa inoltre si ricava un estratto che, mischiato al latte, è molto indicato per i disturbi gastrici e le patologie della prostata.

Dott.ssa Antonia Griffo
Biologa Nutrizionista
per contatti: antoniagri@hotmail.it.

Millefoglie di melanzane e pomodori Dottoressa Antonia Griffo

Millefoglie di melanzane e pomodori Dottoressa Antonia Griffo
Ingredienti
melanzane
sale
pomodori
olio
Basilico
pangrattato

Preparazione
Affettate le melanzane e ponetele in uno scolapasta mettendo su ogni strato una manciata di sale, sull’ultimo strato di melanzane metterete un peso, questo servirà a spurgare le melanzane dal liquido amaro.Dopo circa un’ora grigliate le melanzane e tagliate a fette i pomodori.Preparate una teglia da forno con un filo d’olio sul fondo.Ora preparate i vostri millefoglie di melanzane alternando uno strato di melanzana, una fetta di pomodoro, condito in precedenza con un filo di olio e sale e le foglie di basilico, poi ancora una fetta di melanzana, per ultimo spolverizzate la superficie con il pangrattato. Passate in forno già caldo a 180°C per una quindicina di minuti.

Dott.ssa Antonia Griffo
Biologa Nutrizionista
per contatti: antoniagri@hotmail.it.

L’obesità ginoide (o a pera) e l’androide (o a mela). Dottoressa Antonia Griffo

526136_2859713387010_2031059455_nL’obesità ginoide (o a pera) e l’androide (o a mela). Dottoressa Antonia Griffo
Dal punto di vista della distribuzione del tessuto adiposo si riconoscono due situazioni ben diverse, sia per l’estetica che per gli effetti sulla salute: l’obesità ginoide (o a pera) e l’androide (o a mela).

La prima, tipica ma non esclusiva della donna, è caratterizzata da accumulo di tessuto adiposo nella zona dei fianchi, dei glutei e delle cosce. Si tratta per lo più di grasso sottocutaneo che in condizioni fisiologiche viene accumulato dal corpo femminile per far fronte alle necessità energetiche di gravidanza e allattamento.

La seconda situazione, più frequente ma non esclusiva dell’uomo, è caratterizzata da una più abbondante distribuzione del grasso in corrispondenza della regione addominale, toracica, dorsale e cerviconucale. In questo caso il grasso si accumula tra i visceri determinando un maggiore rischio di complicanze cardiovascolari e metaboliche.

La circonferenza addominale per un individuo adulto:

-con valori superiori a 94 cm nell’uomo e ad 80 cm nella donna si associano ad un rischio metabolico moderato.

-con valori superiori a 102 cm nell’uomo e ad 88 cm nella donna si associano ad un rischio metabolico accentuato.

Laddove per rischio metabolico, si intende il rischio di manifestare ipertensione, ipercolesterolemia, ipertrigliceridemia, iperuricemia e altre patologie del metabolismo.

Come sempre, quindi, non è solo questione di peso
Dott.ssa Antonia Griffo
Biologa Nutrizionista
per contatti: antoniagri@hotmail.it.

10 alimenti anti Età Dott.ssa Antonia Griffo

10 alimenti anti Età  Dott.ssa Antonia Griffo
Ecco un breve decalogo alimentare che vi aiuterà a combattere efficacemente i guasti provocati dal passare degli anni.

1 MANDORLE del brasile: sono un’ottima fonte di selenio, la sostanza antiossidante per eccellenza e di vitamina E (
2 SALMONE: il migliore per il contenuto di Omega 3
3 MIRTILLI: ricchissimi di vitamine anti-invecchiamento
4 PATATE dolci: sono ricche di vitamine A e C
5 POMODORI: ricchi di licopene, un prezioso anti ossidante dalle virtù ringiovanenti
6 NOCI: ricche di omega3
7 Tè VERDE: contiene in abbondanza vitamine antiossidanti e anti invecchiamento
8 PAPAIA: ricca di anti radicali liberi vitamina C e betacarotene
9 AGRUMI: ottima fonte di vitamina C
10 OLIO o d’oliva: contiene vitamina E, acido oleico, e squalene.

Dott.ssa Antonia Griffo
Biologa Nutrizionista
per contatti: antoniagri@hotmail.it.

Quanto sono buoni i frullati?Dottoressa Antonia Griffo

Quanto sono buoni i frullati?Dottoressa Antonia Griffo
Quanto sono buoni i frullati? Quelli di frutta sono davvero perfetti come base per una dieta ipocalorica ed equilibrata soprattutt in questa calda estate . Proprio in questo periodo infatti potrete scegliere tantissimi tipi di frutta diversa da mixare tra loro e da consumare per colazione, per merenda ma anche per uno spuntino durante il giorno o a fine pasto.

Dott.ssa Antonia Griffo
Biologa Nutrizionista
per contatti: antoniagri@hotmail.it.
Lascia un Commento

Avvicinarsi ai cicli naturali di Madre Natura Dottoressa Antonia Griffo

Avvicinarsi ai cicli naturali di Madre Natura!
Per la nostra salute è fondamentale consumare frutta e verdura di stagione. Conservano tutte le vitamine e gli antiossidanti essenziali per la salute

I prodotti di stagione oltre a conservare più vitamine e principi nutritivi, sono mooolto più gustosi degli alimenti conservati nelle celle frigorifere per mesi o degli alimenti prodotti nelle serre industriali con luce artificiale!
Madre Natura ha da sempre ideato e fornito tutto ciò di cui abbiamo bisogno…perchè quindi pretendere di mangiare melanzane o fragole in inverno?

Dott.ssa Antonia Griffo
Biologa Nutrizionista
per contatti: antoniagri@hotmail.it.

Centrifuga A.C.E. Dottoressa Antonia Griffo

Centrifuga A.C.E. Dottoressa Antonia Griffo

ACE è una gradevole bevanda al succo di arancia, limone e carota, con l’aggiunta di preziosi elementi antiossidanti, quali il ß-carotene, la vitamina C e la vitamina E, che aiutano a contrastare l’azione dei radicali liberi proteggendo l’organismo contro il processo di invecchiamento cellulare

Ingredienti
4 carote
2 arance
1 limone

Preparazione
Sbucciate le arance e i limoni e pelare le carote.
Azionate la centrifuga ed inserite la frutta… poi inserite 100g di cubetti di ghiaccio et oilà

Dott.ssa Antonia Griffo
Biologa Nutrizionista
per contatti: antoniagri@hotmail.it.

Come affrontare l’inverno Dottoressa Antonia Griffo

Come affrontare l’inverno Dottoressa Antonia Griffo
Prima delle vacanze, il pensiero primario era quello di sfoggiare una linea perfetta in costume. In inverno la priorità diventa quella di affrontare l’inverno in piena forza fisica con difese immunitarie che ci permettano di resistere alle temperature più rigide senza inceppare nei classici mali di stagione. L’alimentazione è il primo strumento che abbiamo a disposizione per garantirci un adeguato apporto di sostanze naturali utili a stimolare i nostri meccanismi di protezione e difenderci dalle infezioni. Fate, dunque, il pieno di cibi che possano prevenire i disturbi influenzali prima ancora di curarli
Carote, prezzemolo, lattuga, pomodori, zucche, peperoni e spinaci per assicurarsi la Vitamina A. Cereali integrali, fagioli, lenticchie, noci e pesce per le Vitamine del gruppo B. Agrumi, papaya, kiwi, patate, cavolo, broccoli e pomodoro per la Vitamina C. Mandorle, nocciole, patate, semi di girasole, olio extravergine di oliva e avocado per la Vitamina E. Carne, uova e senape per assimilare lo zinco, indispensabile per la produzione degli anticorpi. Aglio, cipolle e porri, da mangiare possibilmente crudi, che vantano importanti poteri antibatterici. Curry, paprica e peperoncino che rappresentano, invece, degli ottimi antinfiammatori. Tè verde che, oltre a essere un eccellente antiossidante, contiene sostanze in grado di combattere i virus e yogurt con fermenti lattici vivi per fortificare l’intestino. Guai, insomma, a trascurare la dieta. Soprattutto adesso che ne abbiamo più bisogno del solito .

Dott.ssa Antonia Griffo
Biologa Nutrizionista
per contatti: antoniagri@hotmail.it.

La forma fisica è fortemente correlata alla salute psicologica. Dotoressa Antonia Griffo

382029_3509725596909_1246433026_nLa forma fisica è fortemente correlata alla salute psicologica.
Un corpo sano è costituito da una grossa componente idrica, è per questo che bisogna bere molto.
A destra, il nostro ometto felice che:
Ama mangiare frutta e verdura
Sa sempre la provenienza della sua carne/pesce

Mangia pane integrale e cereali
Beve almeno 8 bicchieri d’acqua al giorno.
A sinistra, un uomo sconfitto e infelice, presenta una severa obesità perché:
Mangia patatine fritte a quantità
Non conosce la provenienza della carne che ingerisce
Mangia troppi carboidrati
Beve un’eccessiva quantità di bibite gassate.

Ora scegli il tuo modello!

Dott.ssa Antonia Griffo
Biologa Nutrizionista
per contatti: antoniagri@hotmail.it.

Il cocomero Dottoressa Antonia Griffo

Il cocomero
Il cocomero è ricco di potassio, contiene anche vitamina A.
È costituito per oltre il 90% di acqua ed ha un alto indice di sazietà, per cui è molto indicato nelle diete ipocaloriche. Ha spiccate proprietà dissetanti, grazie ad un perfetto equilibrio fra acqua, zuccheri e sali minerali. È un ottimo diuretico.
Non è consigliabile assumerlo però dopo i pasti, poiché a causa dell’elevato apporto d’acqua rallenta i processi digestivi

Dott.ssa Antonia Griffo
Biologa Nutrizionista
per contatti: antoniagri@hotmail.it.