Spaghetti con le cozze Giuseppe

spaghettiSpaghetti con le cozze Giuseppe

Ingredienti
1 kg cozze
500 gr spaghetti o trenette
1 spicchio di aglio
1 bicchiere vino bianco
sale
pepe
olio extra vergine d’ oliva
a piacere prezzemolo
a piacere peperoncino

Preparazione
Pulite bene le cozze
In  un tegame in olio  fate rosolare l’aglio, poi verste le cozze e aggiustate di sale, fate cuocere  in modo che si aprono lentamente, sfumate con il vino, aggiungete il pepe
Cuocete gli spaghetti in abbondante acqua salata
Scolate al dente, saltate nel tegame con le cozze, aggiungete il prezzemolo e peperoncino , saltate in padella per qualche minuto e servite

Spaghetti con le cozze Antonietta

28056459_10213822754756415_391767637247067374_nSpaghetti con le cozze Antonietta

Ingredienti
1 kg cozze
400 gr spaghetti
aglio
1 ciuffo prezzemolo
1 bicchiere vino bianco
sale q b
pepe
olio
Preparazione
Pulite bene le cozze, prendere un tegame e fate rosolare l’aglio, poi verste le cozze e aggiustate di sale, fate cuocere a fuoco medio in modo che si aprono lentamente, a metà cottura sfumate con il vino, aggiungete il pepe, fate cuocere gli spaghetti, scolate al dente, mettete nel tegame con le cozze, aggiungete il prezzemolo, saltate in padella per qualche minuto e servite

Pasta con granchio blu pachino, erbette limone e finocchietto selvatico

28238131_206579683412297_4557822854496809414_oPasta con granchio blu pachino, erbette limone e finocchietto selvatico

Ingredienti
1 spicchio di aglio Aglio
1 manciata di pomodorini pachino
olio di oliva
2 granchi
il succo di mezzo limone
Prezzemolo basilico erba cipollina

Preparazione
Cuocete la pasta in abbondante acqua salata
Lavate e tagliate i pomodorini
In olio soffriggete dorate l’aglio,aggiungete pomodorini   poi granchio
Il granchio cuoce poco quando cambia colore da blu diventa rosso qualche minuto ed è pronto
A cottura ultimata  lasciate un po’ di pezzi con il carapace per decorare il piatto
Frullare erbette, pachino e la polpa del granchio con succo del limone per farci la cremina.
Scolate la pasta conditela con la cremina e con i pezzi di carapace tenuti da parte
Servite con prezzemolo a piacere

Spaghetti bio al cavolo cappuccio viola

FOTO_ricettaSpaghetti bio al cavolo cappuccio viola Andrea Marzoli, chef della Locanda Girolomoni

Alternativa ai classici aglio, olio e peperoncino, con un’insolita pennellata di
colore. Realizzati da Girolomoni® con la pasta di grano antico Cappelli.

Anche una ricetta semplicissima può diventare un piatto da grandi chef, se reinterpretata con un guizzo di creatività e ingredienti selezionati. Gli “spaghetti Girolomoni® i® al cavolo cappuccio viola” sono una proposta di Andrea Marzoli, chef della Locanda Girolomoni® i®. La ricetta riprende uno dei piatti più semplici e gustosi della tradizione italiana – gli spaghetti aglio, olio e peperoncino – aggiungendo ad essi un ingrediente dal colore vivace e dalle mille virtù.
Verdura principalmente invernale, disponibile per molti mesi nell’arco dell’anno, il cavolo cappuccio viola è ricco di fibre, beta-carotene, antiossidanti e potassio, preziosi per il nostro organismo. Proprietà che spesso si perdono se l’ortaggio viene cotto. Anche per questo Andrea Marzoli ha scelto di proporli crudi nel suo piatto originale: “Dopo averli affettati finemente vanno messi a bagno in acqua e ghiaccio – dice lo chef della Locanda – per preservare la brillantezza di questo stupefacente colore viola, che dona energia al piatto”.

Nella ricetta di Girolomoni® gli spaghetti scelti sono quelli biologici di grano antico Cappelli. Questa pregiata varietà di grano duro degli inizi del ‘900 non ha subito mutazioni dovute alle moderne tecniche di manipolazione genetica. Chiamato così in onore del senatore abruzzese Raffaele Cappelli, promotore nei primi del ‘900 della riforma agraria, Cappelli è un grano antico ad elevato contenuto proteico, che svetta maestoso nei campi (può raggiungere i 180 cm). Proprio la sua altezza ha reso difficile coltivarlo, perché con il vento e la pioggia le spighe sono a rischio di allettamento.

Gli spaghetti bio Girolomoni® ® prodotti col 100% di semola ottenuta da questa varietà di frumento sono trafilati al bronzo ed essiccati a basse temperature in tempi molto lunghi (circa 12 ore) per mantenere inalterati tutti i principi nutritivi ed organolettici della materia prima. Se ne ottiene una pasta di buon tenore proteico, alto contenuto di fibra alimentare, elevata percentuale di amido e alto valore energetico. Uno spaghetto di sapore superlativo, che tiene bene la cottura e raccoglie bene il sugo grazie anche alla sua ruvidezza.

Nella proposta dello chef Andrea Marzoli gli spaghetti Girolomoni® di grano Cappelli si sposano al cavolo cappuccio viola, in un trionfo di sapori, profumi e consistenze che rende onore alla più genuina tradizione gastronomica italiana, con una pennellata di novità.

Questo è uno dei tanti piatti originali che si possono gustare alla Locanda Girolomoni®. Situata a Isola del Piano (PU), sulle colline marchigiane che ospitano anche il Monastero di Montebello, la Locanda è il luogo in cui prende corpo il pensiero di Gino Girolomoni, fondatore del pastificio: “Mangiare non è soltanto trasformare e cuocere il cibo: è dono, spiritualità, amicizia, fraternità, bellezza, calore, colore, sapienza, profumo, semplicità, compagnia”, diceva Gino. Con questa idea la Locanda accoglie gli ospiti in un ambiente rustico e suggestivo, con proposte culinarie moderne, gustose e rigorosamente bio.

Ecco la ricetta dello chef Marzoli:

Spaghetti bio al cavolo cappuccio viola

Ingredienti per 4 persone
10 spicchi d’aglio
400 gr spaghettoni Girolomoni
100 gr cavolo cappuccio viola
1 acciuga sott’olio
5 capperi
Peperoncino in polvere qb
Olio extravergine di oliva qb
Sale qb

Affettate finemente il cavolo cappuccio e poi mettetelo a bagno in acqua e ghiaccio. Pulite e private dell’anima l’aglio e tagliatelo a fette, fatelo soffriggere in padella fino a quando non avrà assunto un color nocciola e poi riponetelo su della carta assorbente.
Cuocete la pasta in abbondante acqua salata, scolatela al dente in modo da ultimarne la cottura facendo saltare gli spaghetti nell’olio in cui è stato soffritto l’aglio con le acciughe, i capperi battuti (devono essere stati dissalati) e il peperoncino, a vostro piacimento. Terminata la cottura, decorare con l’aglio fritto tritato e il cavolo cappuccio croccante.

Per info sulla Locanda Girolomoni:
http://www.agriturismogirolomoni.it/

Gino Girolomoni Cooperativa Agricola
La storia della Gino Girolomoni Cooperativa Agricola® inizia nel 1971, quando Gino Girolomoni, giovane sindaco del comune di Isola del Piano (PU), cominciò a promuovere iniziative volte a valorizzare e sostenere l’antica civiltà contadina. Queste prime esperienze furono alla base della nascita, nel 1977, della Cooperativa Alce Nero, di cui verrà ceduto il marchio circa 25 anni dopo, diventando Montebello®. In seguito alla scomparsa del suo fondatore, avvenuta nel marzo del 2012, il marchio Montebello® cede il passo al marchio Girolomoni®. Con i suoi 200 agricoltori, trentasette dipendenti e con oltre 11,5 milioni di fatturato (anno 2015), la cooperativa Gino Girolomoni ha contribuito in modo sostanziale allo sviluppo del biologico in Italia e rappresenta, oggi, uno dei punti di riferimento più importanti del panorama del biologico del nostro Paese.

Fondazione Girolomoni
La Fondazione culturale che oggi prende il nome dal suo fondatore, Gino Girolomoni, è stata fondata nel 1996 con il nome di Fondazione Alce Nero. Il suo scopo primario è la conservazione e l’archiviazione degli scritti, dei documenti e del patrimonio librario lasciati da Gino Girolomoni, nonché la divulgazione del suo pensiero, la prosecuzione degli eventi culturali da lui avviati e la valorizzazione dei luoghi in cui la vita e il paesaggio agrario, grazie a lui e alla moglie Tullia Romani, hanno ritrovato significato e potenzialità economiche. La Fondazione trova sede presso il Monastero di Montebello, tra Urbino e Isola del Piano nella provincia di Pesaro-Urbino.

GIROLOMONI®
www.girolomoni.it
Ufficio stampa c/o agenzia fruitecom
T. 059 7863894
Federica Morselli
Cell. 335 5350533 – federica.morselli@fruitecom.it
Jessica Busoli
Cell. 366 5725233 – jessica.busoli@fruitecom.it

Trenette con uova di lompo e capperi

Trenette con uova di lompo e capperi

Ottima anche con il porro in sostituzione della cipolla

Ingredienti
80 gr di  trenette o pasta che preferite
olio
1 cipolla o scalogno
1 vasetto di uova di lompo
1 manciata di capperi

Preparazione
Cuocete in abbondante acqua salata la pasta
Tagliate finemente la cipolla o scalogno e soffriggetela in olio
Aggiungete le uova  di lompo e i capperi,  fate amalgamare per qualche minuto
Scolate la pasta e conditela
Servite calda a piacere aggiungete il peperoncino

Pasta con carciofi e ricotta Marialaura

Pasta con carciofi e ricotta Marialaura

Ingredienti
320 gr di penne rigate
200 gr di ricotta
4 carciofi
1 scalogno
1 gambo di sedano
prezzemolo
olio
sale
pepe
brodo vegetale
1 limone

Preparazione
Mondate e lavate i carciofi,mettendoli in una bacinella con acqua e limone.Tritate sedano e scalogno molto finemente e fateli stufare con olio e sale. Unite i carciofi tagliati a fettine, rosolateli dolcemente bagnando con brodo vegetale .Lasciate cuocere per 15 minuti e quando i carciofi saranno morbidi, frullatene 2/3 con la ricotta,2 cucchiai di olio ,sale e pepe. Lessate la pasta,scolarla al dente e fatela amalgamare a fuoco dolce in padella coi carciofi stufati, aggiungendo la crema di ricotta e il prezzemolo fresco

Farfalle integrali con soffitto, pancetta e fave avvolte nel pecorino Romano Ketty

27983365_203062653764000_1080072253827474495_oFarfalle integrali con soffitto, pancetta e fave avvolte nel pecorino Romano Ketty

Ingredienti
80 gr di farfalle integrali a persona
300 gr di fave
200 gr di pancetta affumicata
olio
sedano
carota
cipolla
pecorino Romano

Preparazione
Cuocete la pasta in abbondante acqua salata
Mettete a soffriggere sedano, carota e cipolla e  la pancetta affumicata
Cuocete le fave mettetele prima in padella con cipolla una volta pronte unitele alla pancetta e al soffitto
Frullare il tutto
Scolate la pasta 
Condite la pasta  e mancate con il pecorino Romano.

Rigatoni con zucchine fritte, fiori e pecorino Ketty

26961834_194385197965079_3140570922542981218_oRigatoni con zucchine fritte, fiori e pecorino Ketty

Ingredienti
500 gr circa di zucchine romanesche con fiori belli freschi
200 gr di pecorino e mantecare
80 gr di pasta a persona
pepe nero

Preparazione
Cuocete la pasta in abbondante acqua salata
Tagliate a rotelle le zucchine,  immergete ad olio caldo, aggiungete alla fine i fiori divisi in quattro, alla fine arricchire con pecorino e pepe nero

Bucatini con sugo di gamberi Marialaura

Bucatini con sugo di gamberi Marialaura

Ingredienti
250 gr di code di gamberi
180 gr di bucatini
1 spicchio d’aglio
50 ml di vino bianco
olio
sale
350 gr di passata di  pomodoro
100 ml di panna liquida
un ciuffo di prezzemolo

Preparazione
Sbucciate l’ aglio,schiacciarlo e mettetelo in padella con 3 cucchiai di olio. Fate colorire e aggiungete le code di gamberi, saltate per un minuto, versate il vino e sfumate. Aggiungetela passata di  pomodoro, sale, paprika e cuocete a fuoco dolce per 20 minuti. Unite la panna liquida e mescolare, portare a bollore per 2 minuti e spegnete il fuoco. Lessate la pasta,poi ripassarla in padella col sugo di gamberi e prezzemolo tritato.

Troccoli di Pescatrice, cuore di zucchine, bottarga di Muggine di Orbetello Chef Filippo Cogliandro

pescatricepicolaTroccoli di Pescatrice, cuore di zucchine, bottarga di Muggine di Orbetello Chef Filippo Cogliandro

Si cucina con le mani ma si pensa con il cuore

Nel cuore di Filippo Cogliandro c’è la sua terra e il suo obiettivo e’ quello di contribuire a dare alla Calabria un’identità gastronomica ben definita, attraverso la valorizzazione delle realtà locali, creando profonde sinergie fra i prodotti del suo territorio, i produttori di vino e naturalmente l’agricoltura.

Crediti ph: Stefano Mileto

Ingredienti
1 zucchina media
1 coda di pescatrice da 250 gr.
Bottarga di Muggine di Orbetello
360 gr. di Troccoli di pasta fresca
olio extravergine di oliva q.b.
1 cucchiaino di cipolla
sale q.b.
pepe q. b.

Preparazione
Grattugiate la zucchina e rosolatela dolcemente in padella con olio evo e un cucchiaino di cipolla.
Tagliate la Pescatrice a striscette sottili e aggiungetele alla preparazione precedente. Regolate di sale e pepe.
Portate ad ebollizione una pentola con acqua e sale e cuocetevi la pasta  fresca.

Presentazione
Impiattate la pasta con un coppapasta , aggiungetevi il sugo di Pescatrice e zucchina, e completate il piatto con una grattugiata di Bottarga di Orbetello.

Spaghetti alle vongole Antonietta

Spaghetti alle vongole Antonietta

Ingredienti
500 gr 1 pacco spaghetti
500 gr di vongole
1 ciuffo prezzemolo
1 spicchio
qualche pomodorino rosso
aglio
1 bicchiere di vino bianco
olio sale q b pepe.

Preparazione
Mettete le vongole in ammollo, lavate per bene, in un tegame mettete l’olio e l’aglio e fate soffriggere, aggiungete le vongole e fate cuocere a fuoco moderato, sfumate con il  vino  e aggiungete infine i qualche pomodorino  e il prezzemolo
Fate cuocere gli spaghetti al dente e appena scolati, saltate in padella con il composto mettete altro prezzemolo e il pepe e servite

Spaghetti al limone e ricotta Marialaura

Spaghetti al limone e ricotta Marialaura

Ingredienti
360 gr di spaghetti
scorza e succo di 2 limoni
250 gr di ricotta freschissima
50 gr di pinoli
80 gr di burro
basilico

Preparazione
Cucinate la pasta e nel frattempo in una padella fate sciogliere il burro, aggiungetevi la scorza del limone grattugiata e mescolate. Aggiungete il succo.
In un padellino fate tostare i pinoli, senza bruciarli.Lavate ed asciugate il basilico. Scolate la pasta conservando due mestoli di acqua di cottura. Aggiungeteli al succo di limone e mescolate bene.unite la pasta,la ricotta e un mestolo di acqua di cottura.mescolate bene e servite guarnendo i piatti con i pinoli tostato ed il basilico.E’un piatto fresco e delicato che piacerà a tutti

Rigatoni pancetta e pomodorini

ingredienti_rigatoniRigatoni pancetta e pomodorini

Le Nostre Stelle di Eurospin è una sezione dedicata alle eccellenze gastronomiche una linea di prodotti di qualità davvero interessante , con una vasta scelta di prodotti italiani, molti dei quali DOP, IGP, STG
Io per questa pasta ho usato i Rigatoni a persona io ho usato Pomodorini Datterini Le Nostre Stelle e la Pasta di Gragnano IGP

Ingredienti
450 gr di Rigatoni a persona io ho usato la Pasta di Gragnano IGP Le Nostre Stelle
150 gr di Pomodorini Datterini Le Nostre Stelle
220 gr di guanciale stagionato
pepe nero a piacere
1 spicchio di aglio
peperoncino a piacere
olio

Preparazione
In abbondante acqua salata cuocete i rigatoni
Tagliate il guanciale a listarelle
In un filo di olio rosolate aglio, eliminate aglio ed aggiungete il guanciale cuocetelo fino a farlo diventare croccante,
Aggiungete ora i pomodorini tagliati a pezzetti e cuocete
Aggiustate di sale
Scolate la pasta, conditela aggiungete un pizzico di pepe nero a piacere e/o peperoncino

Visitare il sito

#lenostrestelle #eurospin #ad
Facebook: @EurospinItaliaSpa
Instagram: @eurospin_italia_official

Presentazione di Marcello Leoni from Eurospin Italia on Vimeo.

Tagliatelle alla crema di carciofi e salsiccia di Marialaura

Tagliatelle alla crema di carciofi e salsiccia di Marialaura

Ingredienti
4 cuori di carciofo
200 gr di salsiccia
1 scalogno
150 gr di ricotta
60 gr di parmigiano grattugiato
4 pomodori San Marzano
prezzemolo
olio
sale
peperoncino

Preparazione
Stufate lo scalogno tritato con poco olio e sale,unite i cuori di carciofo tagliati a pezzetti e lasciate cuocere fino a renderli morbidi. Unite la ricotta,mescolate brevemente su fuoco dolce e poi passate al mixer.
Sbriciolate la salsiccia spellata e rosolatela a fuoco vivace. Cuocete le tagliatelle e poi mantecate il tutto in una padella ampia con crema di carciofi,salsiccia, prezzemolo tritato fine,parmigiano e peperoncino. Disponete nei piatti e guarnite coi pomodori  fatti a dadini. Servite ben caldo

Spaghetti acciughe, pangrattato capperi e pomodorini secchi

23926477_10214613792689552_2730722657291149378_oSpaghetti acciughe, pangrattato capperi e pomodorini secchi
E’ un piatto molto semplice e veloce Una variante al classico “Spaghetti con acciughe e pangrattato” o “spaghetti ca muddica”

Ingredienti
80 gr a persona  di Spaghetti
1 manciata di pangrattato
1 manciata di capperi sotto sale
5 acciughe sott’olio
1 manciata di pomodori secchi

Preparazione
Cuocete gli spaghetti in abbondante acqua salata
Scolate le acciughe
In olio fate saltare le acciughe
Tostate il pangrattato in olio in un ‘altra padella fino a farlo dorare
Tagliate i pomodorini secchi
Sciacquate i capperi
Scolate la pasta al dente e conditela con pangrattato acciughe capperi e pomodorini

Spaghetti con i gamberi

uovaSpaghetti con i gamberi

Ingredienti
500 gr spaghetti
1 kg gamberi
1 scalogno
prezzemolo
olio
sale qb
pepe rosa
1 bicchiere vino
panna da cucina facoltativa

Preparazione
Pulite i gamberi, prendete un tegame, mettete l’olio, aggiungete lo scalogno tagliato,fate dorare, aggiungete i gamberi e fate cuocere a fuoco moderato, mettete il sale e il pepe a metà cottura, sfumate con il vino, cuocete gli spaghetti, scolate al dente e versate nel tegame con i gamberi, mettete il prezzemolo, aggiungete la panna se piace saltate qualche minuto nel tegame e servite io la panna non la metto sempre per esaltare di più il sapore dei gamberi

Paccheri ripieni di ragù genovese con provolone del monaco su crema di cavolo nero.

paccheriPaccheri ripieni di ragù genovese con provolone del monaco su crema di cavolo nero. Chef del ristorante O Munaciello Miami 

Ingredienti
6 paccheri di numero
100 g di ragù genovese
80 g besciamella
Parmigiano q.b.
Provene del monaco q.b.
Sale q.b.
Pepe q.b.
50 g di crema di cavolo nero

Ingredienti per 1 kg di crema di cavolo nero:
800 g di cavolo nero
200 g di patate lesse
1 acciuga
1 porro
1 spicchio d aglio
Olio q.b.
Sale q.b.
Pepe q.b.
Acqua di cottura del cavolo q.b.

Ingredienti per ragù genovese
Per 1 chilo di ragù genovese:
1 kg di muscolo di manzo
500 g rammo cipolle bionde
100 g carota
100 g sedano
Sale e pepe q,b.
Foglia di alloro

Preparazione
Preparazione del cavolo
Sbollentate il cavolo in acqua calda e freddate in acqua e ghiaccio,soffriggete il porro con olio aglio acciuga, mixate il tutto con il cavolo e la patata lessa salate pepate e passate.
Preparazione del ragù
Tagliate il sedano e la carota a dadini di un centimetro circa e faterosolare in una casseruola, aggiungete la cipolla tagliata a julienne e fate appassire infine l all’oro e il muscolo tagliato a coltello in pezzi di circa 2 cm lasciate cuocere a fuoco lento per circa tre ore se è necessario aggiungete brodo vegetale per terminare la cottura.
Procedimento paccheri
Precuocete i paccheri in acqua salata per circa 12 minuti e lasciat freddare.
Preparate il ripieno con 100 g di ragù genovese, 50 g di besciamella parmigiano e provolone.
Riempite i paccheri e ricopriteli con la restante besciamella passate in forno a 250 g per circa dieci minuti.
Impiattamento. Disponete a specchio la crema di cavolo su un piatto piano e adagatevi il pacchero gratinato sopra guarnire con un rametto di timo.

O Munaciello Miami
6425 Biscayne Boulevard
Miami
‘O Munaciello Firenze
Firenze – Via Maffia, 31
Press: Cristina Vannuzzi

Pasta al forno

23415386_10214465180094330_6014964622538449357_oPasta al forno

Ingredienti per 7/8 persone
600 gr di fusilli( o altro formato di pasta di vostro gusto)
uova sode
150/200 gr di scamorza affumicata (o altro formaggio di vostro gusto)
1 confezione di besciamella

Per il ragù con carne  e piselli
Ingredienti
500 gr di carne trita mista
1 scatola di piselli già cotti
vino per sfumare
1 spicchio di aglio
1 gambo di sedano
carota
cipolla
olio extra vergine di oliva
sale
pepe
1 bottiglia di passata di pomodoro

Preparazione
Cuocete le uova
Tagliate a pezzi le uova, la scamorza.
Preparate il ragù. Tritate finemente sedano, carota e  cipolle. In una padella in  olio  fate soffriggere l’aglio (intero) aggiungete le cipolle una volta dorata, aggiungete il trito di carota e sedano, dopo 10 minuti aggiungete la carne e fatela rosolare per altri 10 minuti fate sfumare con vino. Eliminate l’aglio aggiungete la passata di pomodoro, mettete il coperchio abbassate la fiamma  e fate cuocere per 3 ore con il coperchio a fiamma bassa
A cottura quasi ultimata aggiungete i piselli cuocete 10 minuti giusto per far insaporire.
Cuocete la pasta in abbondante acqua salata, scolta qualche minuto prima (terminerete la cottura in forno) scolate e condite con il ragù aggiunte le uova e la scamorza mescolate bene, mettete tutto in teglia
Ricoprite con la besciamella e cuocete in forno

Spaghetti branzino e pomodori secchi

23632768_10214512792924621_2047753947472333773_oSpaghetti branzino e pomodori secchi

Questo piatto è ottimo anche con l’orata

Ingredienti
80 gr a persona di spaghetti ( o altro tipo di pasta a vostro piacimento)
1 branzino bello grosso o 2 piccoli
10 pomodorini secchi
olio extra vergine di oliva
sale
1 cipolla piccola o uno scalogno 

Preparazione
Prendete i pomodorini e tagliateli a pezzetti
Fate soffriggere lo scalogno in olio aggiungete  il branzino  e cuocetelo sfilettatelo.
Cuocete la pastain abbondate acqua salata e appena raggiunta la cottura (al dente)
In una padella saltate due minuti  i pomodorini (tagliati a pezzi) il branzinoe  la pasta
A piacere aggiungete una girata di olio crudo e qualche foglia di prezzemolo e il piatto è pronto

Spaghetti Palamita e bottarga

23592300_10214512813845144_3595914953842677208_oSpaghetti Palamita e bottarga

Io l ho fatta anche con il salmone,il tonno, pesce spada o ricciola 

Ingredienti
80 gr a persona di spaghetti ( o altro tipo di pasta a vostro piacimento)
2 tranci di palamita
qualche cucchiaio di bottarga
olio
sale
cipolla piccola o uno scalogno 

Preparazione
Tagliate la palamita a bocconcini
Fate soffriggere la cipolla  in olio,  aggiungete la palamita e cuocete
Cuocete la pasta in abbondate acqua salata e appena raggiunta la cottura (al dente).
Condite con il pesce aggiungete una girata di olio a crudo e a tavola spolverizzate su  ogni piatto la bottarga