Chiacchiere all’arancia Marialaura

Chiacchiere all’arancia Marialaura
Ecco una bella ricettina di Carnevale
Le chiacchiere i dolci classici di carnevale 

Ingredienti
250 gr di farina
1 uovo
25 gr di burro
1 albume
mezzo cucchiaio di zucchero
1 cucchiaino di lievito in polvere per dolci
zucchero a velo
scorza di un’arancia grattugiata
50 gr di vino bianco secco
olio x friggere
1 pizzico di sale

Preparazione
Togliete dal frigo il burro 20 minuti prima della preparazione. Dopodiché in una terrina capiente mettete la farina 00 setacciata bene ed impastata con zucchero,burro ammorbidito e tagliato a cubetti,albume ed uovo intero.aggiungere anche il lievito per dolci setacciato,la scorza dell’arancia biologica grattugiata al momento,il vino ed un pizzico di sale .Iniziate a mescolare con un cucchiaio,quindi trasferite su una spianatoia e lavorare bene con le mani. Ottenete un impasto sodo e liscio creare una palla, avvolgetetela nella pellicola trasparente e farla riposare per un’ora a temperatura ambiente.Trascorso il tempo eliminate la pellicola,stendete la pasta con un mattarello,il più sottilmente possibile ,ottenendo più sfoglie.dopo,con una rotella dentellata ricavare dei rettangolini ed inciderli 2 volte al centro.far scaldare l’olio in un tegame a bordo alti.far friggere le chiacchiere poco per volta,scolare con una schiumarola appena diventano dorate, posarle su un foglio di carta assorbente, spolverate con lo zucchero a velo e servite calde o tiepide

Vigilia di Natale: come abbinare pesce e formaggi con 3 ricette Sabelli

Vigilia di Natale: come abbinare pesce e formaggi con 3 ricette Sabelli

Se il Natale è tradizionale, per la Vigilia vince la freschezza: il caseificio di Ascoli Piceno presenta tre connubi tra pesce e prodotti caseari per un aperitivo speciale

Se a Natale va in scena la tradizione, per la Vigilia si può dare spazio alla creatività in cucina: per questo Sabelli, dal 1921 interprete della tradizione casearia italiana di qualità, propone tre ricette gourmet ideali per un aperitivo natalizio originale e fresco. E siccome il 24 dicembre il pesce è un must, ecco tre ricette semplici e sfiziose, per sfatare il mito che il pesce non vada abbinato coi formaggi.

Ecco allora che la stracciatella Sabelli si accompagna al  merluzzo con un tocco di pistacchio per un sandwich ricco di sapori, la burrata Sabelli incontra il salmone in una stupefacente crostata salata, e la ricotta Sabelli trova il suo perfetto abbinamento con le mazzancolle nelle sfiziosissime polpette al profumo di agrumi.

Frutto del meglio dell’esperienza e della passione italiana per la produzione casearia, le specialità Sabelli sono realizzate con latte fresco raccolto ogni giorno dagli allevatori della zona Gran Sasso e dei Monti della Laga e lavorati secondo la tradizione, accompagnata dai rigorosi controlli e dalla sicurezza garantite dalle più moderne tecnologie. Oltre alla linea tradizionale, mozzarelle, mozzarelline e burrate sono disponibili anche nella versione senza lattosio, per venire incontro ai consumatori più attenti al benessere e alla leggerezza.

Sabelli_Fish_SandwichSandwich di merluzzo e stracciatella Sabelli

Ingredienti
pane nero ai semi di girasole in cassetta
4 filetti di merluzzo
250 gr  di Stracciatella Sabelli
maionese q.b.
granella di pistacchi
1 cetriolo
insalata valeriana
sale e olio evo q.b.

Preparazione
Per prima cosa tagliate le fette di pane nero e tenetele da parte. Impanate i filetti di merluzzo con la granella di pistacchi e saltateli in padella con un filo di olio e sale quanto basta.
Il prossimo passo sarà quello di prendere una fetta di pane , spalmarla con la maionese, adagiarvi sopra i cetrioli tagliati a fette molto sottili, il filetto di merluzzo ai pistacchi e, in ultimo, la Stracciatella Sabelli.
Dopodiché aggiungete la valeriana e coprite con una seconda fetta di pane già spalmata con la maionese per poi ripetete di nuovo tutti i passaggi per formare un altro strato.
Guarnite l’ultimo strato con la Stracciatella Sabelli e decorate con la granella di pistacchi.

Sabelli_Crostata_previewCrostata al farro con salmone all’arancia, burrata Saelli e rucolo

Ingredienti

Per la pasta frolla salata:
100 gr di burro a temperatura ambiente
200 g di farina di farro
2 cucchiai di acqua fredda
20 gr di sale

Per il condimento:
250 gr di salmone al naturale
1 burrata Sabelli
1 arancio
Erba cipollina
Pepe nero, olio extra vergine d’oliva, sale q.b.

Preparazione:
Impastate il burro con la farina, l’acqua e il sale. Formate una palla, avvolgetela con la pellicola e fatela riposare in frigo per 30 minuti.
Marinate il salmone con il succo di un arancio, l’olio extravergine d’oliva, il pepe e il sale per 10 minuti. Foderate una tortiera (diametro 22cm) con la carta forno e accendere il forno a 180° C. In una ciotola tagliuzzate la burrata Sabelli.
Stendete la pasta brisée a formate un cerchio, disponetela sul fondo del contenitore avendo cura che ci sia abbastanza pasta anche per i bordi; disponete sopra la pasta dei legumi secchi e informate a 180°C per 15 minuti circa. La crostata è pronta quando inizia a diventare dorata.
Fate raffreddare il guscio di pasta e conditelo con la burrata Sabelli e le fette di salmone spezzettate. Completate con una presa di erba cipollina.

Sabelli_PolpettePolpette  di ricotta Sabelli e mezzancolla al profumo di agrumi

Ingredienti
250 gr di ricotta Sabelli
1 uovo
200 gr di code di mazzancolle
trito di erba cipollina
1 limone (sia scorza che succo)
1 arancio (scorza)

Per la panatura:
farina q.b.
pangrattato
1 uovo
sale, pepe q.b.

Per friggere:
Olio d’arachide (meglio se olio extravergine d’oliva)

Preparazione:
Sgusciate le code di mazzancollee tritatele nel mixer o al coltello. In una terrina lavorate la ricotta Sabelli e il trito di erba cipollina poi unite le code di mazzancolle e l’uovo. Amalgamate il tutto e aggiustate di sale. Formate delle polpette con le mani umide. Preparate tre ciotole per la panatura: una per la farina, una con l’uovo sbattuto, una con il pangrattato Nella ciotola con l’uovo aggiungete uno schizzo di limone; nel pangrattatoun po’ di scorza di arancio e limone e un pizzico di sale.
Rotolate le polpette prima nella farina, poi nell’uovo e infine nel pangrattato Friggetele in abbondante olio. Scolatele, tamponatele e completatele con una spolverata di scorza d’agrumi.

Ufficio stampa Sabelli
c/o fruitecom srl

Panettone gastronomico mascarpone e nutella

IMG_3610Panettone gastronomico  mascarpone e nutella

Questo è un dolce facilissimo da realizzare e veloce veloce, ma molto goloso ottimo per queste feste e adorato dai bambini.
La ricetta è con le pere che potete sostituire con qualsiasi frutta, giusto per  dare freschezza, ma è buono anche senza frutta
A seconda del numero dei commensali potete  usarlo tutto il panettone gastronomico (raddoppiando le dosi della crema) potete farlo in diverse varianti alternando anche con strati di creme diverse (ad esempio mascarpone/zucchero/granella di pistacchio o crema pasticcera ) oppure potete usare frutta diversa esempio fragole, lamponi frutti di bosco mirtilli giocando sui colori insomma potete sbizzarrire la vostra fantasia

Ingredienti
4 fette panettone gastronomico
succo di 1 arancia
Per la farcitura
1 pera tagliata a pezzetti
250 gr di mascarpone
2 cucchiai di zucchero
3 cucchiai di crema di nocciole (o Nutella )
Per la copertura
crema di nocciole (o Nutella )
Per decorare
Panna
codette

Preparazione
Spremete l’ arancia (se arancia non è bella dolce zuccheratelo)
Mescolate mascarpone e crema di nocciole (o Nutella ) fino ad ottenere una crema omogenea
Bagnate il pane gastronomico con il succo di arancia spalmateci la crema e fate gli strati alternandolo a strati di frutta
Ricoprite con crema di nocciole (o Nutella )e a piacere con le codette
Mettete in frigorifero per un’oretta
A piacere decorate con la panna

Cartellate Marialaura

Cartellate Marialaura

Ingredienti
700 gr di farina 00
300 gr di semolino
100 gr di olio di sem
un uovo
un pizzico di sale
300 gr di vino bianco tiepido
succo di due mandarini

Preparazione
Ponete  la farina a fontana,aggiungete la semola,l’uovo,il sale,lo zucchero ed il succo dei mandarini Iniziate ad impastare versando pian piano il vino tiepido,l’impasto ottenuto deve essere simile e sodo come quello della pasta fresca.Fate  riposare mezz’ ora in frigo e poi riprendete il panetto e stendetelo con la macchinetta ,in sfoglie sottili. Ritagliate con un taglia pasta frisato delle sfoglie di massimo 2,5 cm.con le dita, poi,sollevate i due margini opposti della striscia e pizzicate ogni mezzo cm.
Mettete ad essiccare per 2 giorni in un ambiente poco umido. Una volta secche friggete in abbondante olio di semi e scolarle dall’ olio in eccesso. Riscaldatre il vincotto di uva o fichi in una grande casseruola a fuoco basso,poi tuffate le cartellate all’interno,rigirate e ponetele in una coppa di vetro coperta dal coperchio,se aveste difficoltà a reperire il vincotto ,far colate sulle cartellate del miele di acacia

Le dita di strega Ketty

22852880_155473045189628_7797863508818284493_nLe dita di strega Ketty

Dolci di halloween

Ingredienti
1 kg di farina
420 gr di zucchero
6 uova
2 bustine di lievito per dolci
2 bustina vanillina
scorza di limone  essenze di limone (io metto il succo premuto di due limoni)

Preparazione
In un recipiente impastate il tutto date la forma e cuocete in forno a 180 ° per circa 15/20 minuti dipende ovviamente dal forno e dalla dimensioni delle “dita”

Cipolle ripiene

CIPOLLECipolle ripiene
Ingredienti

⦁6 cipolle rosse
⦁mezza ricetta dello stuffing (sopra) ma fatto col brodo vegetale in quanto vegetariano
⦁50 gr di gruyere, grattugiato

Preoparazione
Scaldate il forno a 210°C. Pelate le cipolle e tagliate un centimetro dalla cima di ogni cipolla. Tagliate anche una fettina dalla parte inferiore di ogni cipolla in modo di farli stare “in piedi”. Scavate una cavità al interno di ogni cipolla con un cucchiaio. Salate l’interno delle cipolle e disponetele in una pirofila. Coprite bene con alluminio e cuocete per 45 minuti.
Sfornate le cipolle, lasciatele intiepidire e abbassate la temperatura del forno a 190°C. Farcitele con lo stuffing, e cuocete a 190° per circa 20 minuti. Sfornate, coprite le cipolle con un po’ di gruyere grattugiato, e infornate nuovamente per 10 minuti o fino a che il formaggio sarà ben fuso e leggermente dorato. Lasciate intiepidire prima di servire.

Credits:
Foto di Emile Henry www.emilehenry.com
Ricette di Laurel Evans www.unamericanaincucina.com

GRUPPO CAMPARI
Davide Campari-Milano S.p.A., con le sue controllate (‘Gruppo Campari’), è uno dei maggiori player a livello globale nel settore del beverage. E’ presente in oltre 190 paesi del mondo con posizioni di primo piano in Europa e nelle Americhe. Il Gruppo, fondato nel 1860, è il sesto per importanza nell’industria degli spirit di marca. Il portafoglio conta oltre 50 marchi e si estende dal core business degli spirit a wine e soft drink. I marchi riconosciuti a livello internazionale includono Aperol, Appleton Estate, Campari, SKYY e Wild Turkey. Con sede principale in Italia, a Sesto San Giovanni, Campari conta 16 impianti produttivi e 2 aziende vinicole in tutto il mondo, e una rete distributiva propria in 19 paesi. Il Gruppo impiega circa 4.000 persone. Le azioni della capogruppo Davide Campari-Milano S.p.A. (Reuters CPRI.MI – Bloomberg CPR IM) sono quotate al Mercato Telematico di Borsa Italiana dal 2001. Per maggiori informazioni: http://www.camparigroup.com/it.
Bevete responsabilmente

Gruppo Campari
Paola Paletti Tel +39 02 62251
Paola.Paletti@campari.com

Havas PR MIilan
Marianna Lovagnini – Tel 02 85457040
Marianna.Lovagnini@havaspr.com

Il menu Kanzi® per la festa della mamma

Il menu Kanzi® per la festa della mamma

La seconda domenica di maggio sarà la Festa della Mamma, un’occasione perfetta per festeggiare in famiglia con un menu speciale da grandi chef. Kanzi® può dare un tocco in più in tavola e in cucina: si presenta benissimo grazie alla sua forma regolare e alla buccia rossa delicatamente striata di giallo, e si adatta alle più diverse preparazioni in cucina, perché ha una consistenza soda e un gusto agrodolce che esalta i dessert e dà un nuovo aroma ai piatti salati.

Carpaccio di Kanzi® alle capesante

Carpaccio di Kanzi® alle capesante

Carpaccio di Kanzi® alle capesante

Ingredienti per 2 persone:
1 mela Kanzi®
6 capesante fresche
1 cucchiaio di aceto balsamico
3 cucchiai di olio di oliva
2 cucchiai di succo di limone
1 puntina di sale e pepe
1 mazzetto di erba cipollina o di prezzemolo

Preparazione:
Rimuovete i torsoli delle mele Kanzi® ed eventualmente sbucciatele. Tagliatele in diagonale a rondelle intere, il più sottili possibile. Marinate le fettine così ottenute nel succo di limone, sale e pepe aggiungendo infine due cucchiai di olio d’oliva.
Nel frattempo tagliate le capesante a croce, cospargetele con un pizzico di pepe e fatele friggere su entrambi i lati in una padella calda con un cucchiaio di olio d’oliva. Insaporite infine le capesante con un pizzico di sale. Disponete le fettine di Kanzi® a cerchio su due piatti, mettendo le capesante al centro. Cospargete il tutto con dell’aceto balsamico e guarnite con erba cipollina o prezzemolo tritato.

Tortelli di anatra e mele Kanzi® con caramello all'aceto di mele

Tortelli di anatra e mele Kanzi® con caramello all’aceto di mele

Tortelli di anatra e mele Kanzi®  con caramello all’aceto di mele
Ricetta di Marta Grassi, chef del Ristorante Tantris di Novara

Ingredienti:
Per la farcia a base di Mela Kanzi®
1 mela Kanzi® tagliata a cubetti piccolissimi

Per la farcia con petto d’anatra
1 coscia + 1 petto d’anatra
1 carota, 2 scalogni, ½ cipolla, 2 foglie d’alloro e 2 spicchi d’aglio
50ml di vino rosso
Brodo, olio e burro
Per la pasta bianca
100gr di farina 00
1 albume e mezzo d’uovo
100gr di succo di mela ridotto a 1 cucchiaio
Sale

Per la pasta gialla
100gr di farina 00
3 tuorli d’uovo
Sale

Per il caramello di aceto di mele
100 gr di succo di mela
20 gr di aceto d mela
20 gr di zucchero

Per decorare
50 gr di mele essiccate e frullate finemente

Preparazione
Farcia a base di mela Kanzi® – dividere in due parti uguali i cubetti di mela, cuocere in padella con poco burro una parte ed unirla ai cubetti crudi.
Farcia con petto d’anatra – rosolare l’anatra in padella con olio e burro, sfumarla con il vino e aggiungere le verdure tagliate grossolanamente assieme agli aromi. Portare a cottura con il brodo, disossare e passare al tritatutto la carne, le verdure e la salsa, così da ottenere un impasto morbido ma non sminuzzato. Aggiustare di sale.
Pasta bianca: Impastare la farina con gli albumi e il succo di mela ridotto, tirare una sfoglia sottile e farcirla con la prima farcia di mele crude e cotte. Ritagliare formando dei tortelli rettangolari.
Pasta gialla: Impastare la farina con i tuorli, tirare una sfoglia sottile e farcirla con la seconda farcia di anatra. Ritagliare formando dei tortelli rettangolari.
Caramello di aceto di mele: unire il succo di mela allo zucchero e all’aceto di mela e ridurre fino a ottenere uno sciroppo di media densità.
Cuocere i tortelli in acqua calda, sistemarli a piacere nei piatti e condirli con il caramello di aceto di mele.
Spolverare i tortelli di mela Kanzi® con la polvere di mele essiccate per esaltarne il profumo.

Cubo di provola dolce croccante "panata, dorata e infornata

Cubo di provola dolce croccante “panata, dorata e infornata

Cubo di provola dolce croccante “panata, dorata e infornata
ricetta di Simone Rugiati

Ingredienti (20 crocchette)
3 mele Kanzi®
5 fette spesse 1 cm di provola dolce
4 uova
100 gr circa di farina
200 gr di panko
1/2 l di Lambrusco
1 cucchiaio raso di zucchero
Pepe jamaica
Sale
Olio evo

Per la salsa:
40 gr di zucchero bianco
1 cucchiaio raso di cannella
250 ml di acqua

Tagliare la provola a fette e poi a quadrati; passarli nella farina, uova sbattute,farina,uova e panko. Mettere a bollire 500 ml di Lambrusco con un cucchiaio raso di zucchero e una bacca di pepe jamaica, far ridurre a fuoco basso fino a 1/5. Ricavare delle perle di mela Kanzi® con uno scavino e passarle nella riduzione di Lambrusco, formare gli spiedini alternando le perle con i cubi fritti e se necessario finiti al forno.
A piacere completare con una salsa ottenuta riducendo gli scarti delle mele compresi di bucce con odori a piacere, frullata e passata (a freddo si addenserà grazie alla pectina contenuta naturalmente).

Scrigno di mele ai sapori di montagna

Scrigno di mele ai sapori di montagna

Scrigno di mele ai sapori di montagna
Ricetta di Claudia Turrini, rielaborazione di Andreas Acherer

Tempo di preparazione: 60 minuti
Tempo di cottura: 30 minuti

Ingredienti:
500 g di pasta frolla aromatizzata alla cannella
500 g di mele Kanzi®
500 g crema pasticcera
confettura di rosa canina

Preparazione. Preparate la pasta frolla alla cannella impastando prima la farina ed il burro, poi aggiungete le uova zucchero a velo e cannella. Lasciate riposare in frigorifero. Preparate la crema pasticcera aromatizzata al limone e poi lasciatela raffreddare. Sbucciate le mele e tagliatele a fette: versatele in una terrina con qualche goccia di limone e zucchero di canna. Stendete i due terzi della frolla con il mattarello e adagiatela in una tortiera precedentemente imburrata. Ricoprite la frolla con un velo di confettura di rosa canina e adagiatevi sopra le fette di mele. Ricoprite le mele con la crema pasticcera. In ultimo stendete l’impasto di frolla rimasto e adagiatelo sopra la torta per ricoprirla interamente. Infornate in forno già caldo a 180 gradi per 30 minuti. Servitela fredda spolverizzata con zucchero a velo.

La versione di Andreas Acherer. Le mele Kanzi® sono saltate in padella con un velo di zucchero. Al posto della crema pasticcera, è stata creata una crema Chantilly all’italiana, unendo 100 g di crema pasticcera a 200 g di panna montata e 5 g di gelatina in fogli o in polvere.

Le ricette Oro Saiwa per Pasqua e Primavera

Muffin di Primavera alle fragole

Muffin di Primavera alle fragole

Continua il consueto appuntamento con “Ricette d’Oro per dolci momenti” che, in occasione delle prossime festività pasquali e di primavera presenta due nuove stuzzicanti ricette i “Muffin di Primavera alle fragole” e i “CioccORO per la colazione di Pasqua”. Due proposte semplici, facili e gustose per viziare i palati di gr andi e piccini.
Per le prime giornate di primavera, ORO Saiwa e Marta vi propongono una ricetta particolare, facile da eseguire, gustosa, perfetta per una gita fuori porta, un pic-nic tra amici, anche improvvisato last minute… un’autentica ricetta American style i “Muffin di primavera alle fragole”. I muffin sono piccoli, irresistibili, tutti meravigliosamente diversi e speciali. La par te della decorazione è ideale poi da far fare ai bambini, i più bravi a creare con le fragole e i biscotti dei muffin personalizzati e unici. Non si può rinunciare a questi deliziosi e soffici dolcetti, ideali per la merenda e la prima colazione.
Per un festeggiamento in famiglia, pensando a qualcosa di speciale e semplice, al tempo stesso originale e gustoso, per una Pasqua all’insegna della golosità, l’estro di Mar ta e la bontà di ORO Saiwa propongono i “CioccORO per la colazione di Pasqua”. Si tratta di dolcetti dai profumi naturali e originali che si svelano solo all’assaggio.
Facili, veloci e divertenti da preparare utilizzando come stampo la confezione in plastica delle classiche uova, i dolcetti CioccORO Saiwa si riconoscono per ’inconfondibile smerlatura dei profili del biscotto. Una Pasqua diversa dove la decorazione delle uova sode viene sostituita dalle loro confezioni e da un nuovo dolce fai da te all’insegna del recupero.
Il cioccolato, che può essere al latte, fondente o un mix dei due a seconda dei gusti, si sposa perfettamente con il biscotto, non troppo dolce e al tempo stesso leggero e friabile. Il mix viene quasi naturale, il risultato è senza dubbio ottimale. Buone feste!

Cioccooro per la colazione di Pasqua

Cioccooro per la colazione di Pasqua

Cioccooro per la colazione di Pasqua

Questa è una ricetta pensata da fare sotto le feste Pasquali con i vostri bambini. Viene utilizzato come stampo la confezione delle uova in plastica, che viene in questo modo riciclata per fare dei buonissimi dolcetti. Potete sbizzarrirvi con ogni tipo di cioccolato: al latte, fondente, bianco, gianduia. Spezzettate il cioccolato.

Ingredienti
Per 6 dolcetti:
100 gr di cioccolato al latte
6 biscotti ORO Saiwa

Preparazione
Fate sciogliere a bagnomaria o nel forno a microonde 80 gr di cioccolato della quantità totale.
Quando il cioccolato sarà ben sciolto, toglietelo dal fuoco e aggiungetevi il cioccolato rimasto. Mescolate bene in modo che il cioccolato si sciolga interamente.Tagliate i biscotti ORO Saiwa in pezzi, facendo attenzione ad avere molti pezzi con la parte frastagliata. Questo conferirà maggior originalità  ai vostri dolcetti.
Mescolate i pezzi di biscotti al cioccolato fuso e mettete un cucchiaio di impasto in ogni concavo della confezione delle uova.
Lasciate raffreddare circa mezz’ora e mettete in frigo per almeno due ore.
Una volta trascorso questo tempo, sformate i dolcetti facendo una leggera pressione sul fondo.
Mettete i dolcetti in pirottini di carta e servite.

Muffin di primavera alle fragole

La parte della decorazione è ideale da fare con i vostri bambini che si divertiranno a infilare ORO Saiwa e fragole sui muffin per creare i loro dolcetti personalizzati.
Ingredienti (per 6 muffin):
ingredienti secchi
160 gr di farina 00 + 1 cucchiaio
2 cucchiaini di lievito per dolci
95 gr di zucchero
5 biscotti ORO Saiwa sbriciolati
Ingredienti liquidi
130 gr di yogurt bianco dolce
30 gr di olio di riso
2 uova
Per decorare
2 fragole
4 ORO Saiwa
1 tazzina di latte
Fragole
125 gr
Preparazione
Mescolate in una ciotola gli ingredienti secchi, ovvero farina, lievito, zucchero e ORO Saiwa sbriciolati.
In un’altra ciotola sbattete le uova e mescolate con lo yogurt e l’olio.
Aggiungete questo composto a quello degli ingredienti secchi.
Separate gli ingredienti liquidi dai secchi, questo è il cassico procedimento dei muffin perché abbiano quella consistenza particolare che li differenzia dalle normali tortine.
Mescolate approssimativamente: non importa se ci saranno residui di farina perché in cottura si amalgamerà il tutto.
Infine, aggiungete all’impasto le fragole tagliate a tocchetti, precedentemente passate in un cucchiaio di farina. Il passaggio nella farina garantisce che le fragole non affondino in cottura.
Riempite 6 pirottini da muffin a ¾ di altezza.
A questo punto passate alla decorazione: dividete le fragole rimaste a spicchi e mettetene un pezzo sulla superficie di ogni muffin.
Tagliate i biscotti in pezzi, intingeteli nel latte e infilateli nei muffin, facendoattenzione a far fuoriuscire la parte frastagliata del biscotto che darà un tocco di originalità ai vostri muffin.
Infornate a 200 gradi per 18 minuti. Passati i primi 5 minuti appoggiate sui muffin della carta di alluminio in modo che i biscotti non brucino.
Le ricette sono visionabili sul blog di Marta Tovaglieri:
www.streghettaincucina.com

Per ulteriori informazioni contattare:
Burson-Marsteller
Francesca Mioni
Tel: +39 02 72143.539
francesca.mioni@bm.com

Ufficio stampa Kanzi Italia
c/o fruitecom

Torta di ricotta della mamma

Torta di ricotta della mamma
Anonimo

Questa è una ricetta inedita “cavallo di battaglia” della mamma di mille compleanni e ricorrenze  varie

Ingredienti
Kg.1 di ricotta di pecora fresca scolata
4 tuorli d’uovo
8 cucchiai di zucchero
cacao
marsala
biscotti dolce zuppa.

Preparazione
Passate la ricotta al setaccio ed unite i tuorli d’uovo e lo zucchero ed amalgamate per bene fino a che diventi quasi una crema: prendete un vassoio piatto, passate biscotti nel marsala ma non fateli rammollire, e fate uno strato di biscotti uno strato di ricotta ed uno strato di cacao disciolto nell’acqua (abbastanza denso), un altro strato di biscotti, un altro di ricotta e completate con lo strato di cacao lisciate il tutto e ornate con diavoletti o palline argentate.
Nella ricotta a piacere potete aggiungere dei canditi ed una scorza di limone grattuggiata,
Fidatevi molto del vostro gusto nell’equilibrare i componenti. Una torta semplice ma la si deve saper fare, tenetela una mezza giornata in frigo e mi farete sapere com’è venuta.
Sappiate che è un’esclusiva grazie

Agnello al forno

Agnello al forno

Un secondo piatto di carne molto semplice ma è il classico piatto pasquale

Ingredienti
1 kg e mezzo di agnello tagliato a pezzi
pangrattato
olio extra vergine di oliva
sale
aglio
timo

Preparazione
Infarinate l’agnello.
Scolatelo in olio bollente, poi passatelo nel pangrattato condito con sale, pepe, olio, timo e aglio, impanatelo e cuocete in forno a 180°C.

 

Amaretti farciti di crema di nocciole e mascarpone

Amaretti farciti di crema di nocciole e mascarpone
Ingredienti
amaretti
250 gr di mascarpone
5 cucchiai crema di nocciole
3 cucchiai di zucchero
caffè decaffeinato
cacao per spolverizzare

Preparazione
In una terrina unite mascarpone, la nutella e lo zucchero mescolate bene.
Facciamo il primo amaretto ripieno
Prendete un amaretto bagnate nel caffè la parte piatta, mettete un cucchiaino di crema e metteteci sopra un altro amaretto (anche esso bagnato nel caffè) come fosse un panino
Continuate fino a che non esaurirete gli ingredienti

Colomba – Margherita

Colomba - Margherita

Colomba – Margherita

Colomba – Margherita

Ingredienti
(per due colombe pasquali da un chilo l’una)
900 gr farina
10 gr lievito di birra
75 ml di acqua
200 gr burro
320 gr zucchero
310 gr latte non freddo
70 gr panna liquida
1 uovo
5 tuorli
30 gr zucchero a velo
65 gr di farina di mandorle
1 bustina di vanillina
1 cucchiaino di sale
1 buccia d’arancia grattugiata
250 gr di mandorle intere con la buccia
Per la glassa della colomba
un albume
50 gr di farina di mandorle
100 gr di zucchero
una tazzina di acqua

Preparazione
La sera preparate la biga per la colomba di Pasqua.
Sciogliete il lievito in 75 gr di acqua tiepida.
Aggiungete 100 gr farina e amalgamare il tutto.
Coprite con la pellicola e lasciate riposare a temperatura ambiente per 10-12 ore.
Aggiungete 85 gr di latte tiepido (non dovete scaldarlo eccessivamente).
Aggiungete 130 gr di farina.
Mescolate il tutto e coprite con la pellicola. Lasciate riposare circa un’ora (deve raddoppiare di volume).
A questo punto iniziate ad aggiungere il resto degli ingredienti della colomba di Pasqua. Io ho usato l’impastatrice, ma volendo potete anche lavorare il tutto a mano.
Aggiungete il burro.
Aggiungete l’uovo e i tuorli.
Aggiungete lo zucchero.Aggiungete 225 gr di latte e la panna a temperatura ambiente
Setacciate insieme 670 grfarina, lo zucchero a velo, il sale, la vanillina e 65 gr di farina di mandorle. Incorporateli poco alla volta all’impasto della colomba di Pasqua.
Aggiungete le gocce di cioccolato e 250 gr di mandorle intere.
A questo punto trasferite l’impasto della colomba nei due stampi.
Mettete a lievitare in forno spento. Sotto le colombe, mettete un recipiente con dell’acqua calda di rubinetto (senza farla bollire sul fuoco!).
Fate lievitare finchè la colomba non sarà diventata circa il doppio di volume e cambiate l’acqua ogni volta che si raffredda.
La mia colomba di Pasqua è lievitata circa quattro ore e mezza.
Trascorso tale tempo, togliete la colomba dal forno e copritela con un panni. Accendete il forno a 180°.
Preparate la glassa per la colomba di Pasqua.
Iniziate a sbattere l’albume con una forchetta e aggiungete la farinad i mandorle, lo zucchero e l’acqua.
Spennellate la superficie della colomba.
Aggiungete le mandorle e se volete dello zucchero a velo.
Cuocete la colomba di Pasqua in forno per circa 40 minuti

Guarda le altre ricette di Margherita 

Le zeppole di San Giuseppe Iole

17361001_1299175556784809_1965155545_nLe zeppole di San Giuseppe Iole
Ingredienti
250 gr di acqua
150 di farina
100 di burro
4 uova medie
un pizzico di sale

Preparazione
Portate a bollore acqua burro e sale. Appena bolle versate la farina tutta in una volta togliete dal  fuoco e   mescolate. Rimettete sul fuoco continuate a mescolare fino a che non si formerà una palla che si stacca dalle pareti della pentola. Lasciate poi intiepidire e incorporate una alla volta le uova con un cucchiai o di legno,frullino.o planetaria. Formate le zeppole
Cuocete nel forno ventilato,prima 10 a 190°,poi abbassate il forno a 170° e cuocete per altri 15-20 minuti.

Panettone con crema di nocciole e mascarpone

DOLCEPanettone con crema di nocciole e mascarpone

Questa ricetta e semplice e veloce
Ottima ricetta anche dopo le feste  per smaltire panettoni e pandori avanzati

Ingredienti
panettone
250 gr di mascarpone
4/5 cucchiai crema di nocciole
2 cucchiai di zucchero
caffè decaffeinato
cacao per spolverizzare

Preparazione
In una terrina unite mascarpone, la nutella e lo zucchero mescolate bene.
Iniziate a comporre il vostro dolce, prendete una teglia, fate il primo strato con il panettone bagnato nel caffè , il secondo con la crema, coprite la crema, proseguite con gli strati fino ad esaurire la crema spolverizzate con il cacao servite freddo

Panettone gastronomico – Margherita

Panettone gastronomico

Panettone gastronomico – Margherita

Panettone gastronomico – Margherita

Ingredienti
500 gr farina manitoba
120 gr di latte
100 gr circa di acqua
70 gr burro
20 gr lievito di birra
2 tuorli
10 gr di sale

 

Preparazione
Raccogliete in una ciotola 200g di farina il lievito sbriciolato e il latte.Lavorate gli ingredienti ottenendo un impasto omogeneo. Coprite con un canovaccio umido e lasciatelo lievitare per 2 ore circa (biga).
Unite la biga alla farina rimasta ,incorporate anche il burro morbido, i tuorli lo zucchero e l’acqua ,unendo anche il sale. Lavorare l’impasto fino a quando risulterà liscio e morbido…10 minuti circa. Modellatelo a palla e ponetelo in una ciotola, coprire con un canovaccio inumidito e lasciatelo lievitare x 45-60 minuti dovrà raggiungere un volume tale che ,una volta trasferito in uno stampo cilindrico di 18 cm di diametro e 12cm di altezza, ne occupi il 40-50%.Al termine della lievitazione, per sgonfiarlo, schiacciate leggermente l’impasto con le mani unte di olio.
Ungete di olio lo stampo e ponetevi l’impasto. Coprite con un canovaccio umido e fate lievitare l’impasto fino a quando non avrà riempito quasi del tutto lo stampo (ci vorranno all’incirca 45 minuti). Infornate a 180°C per 45 minuti, poi sfornate e sformatelo, lasciatelo raffreddare su una gratella…
Affettatelo e farcite secondo i gusti preferiti (io ho fatto salmone e philadelphia, salsa al tartufo e cotto, crema di carciofi e pancetta..

Guarda le altre ricette di Margherita 

 

 

 

Pandoro con mascarpone e crema di nocciole

16463432_10211894342785004_1186767955551925029_oPandoro con mascarpone e crema di nocciole

Questa ricetta e semplice e veloce
Ottima ricetta anche dopo le feste  per smaltire panettoni e pandori avanzati

Ingredienti
pandoro a fette
250 gr di mascarpone
4/5 cucchiai crema di nocciole
2 cucchiai di zucchero
caffè decaffeinato
cacao per spolverizzare

Preparazione
In una terrina unite mascarpone, la nutella e lo zucchero mescolate bene.
Iniziate a comporre il vostro dolce, prendete una teglia, fate il primo strato con il pandoro bagnato nel caffè , il secondo con la crema, coprite la crema, proseguite con gli strati fino ad esaurire la crema spolverizzate con il cacao servite freddo

Panettone – Patrizia Borioni

Tipica ricetta di Natale

“Questa ricetta mi è stata data da una signora che tutti gli anni faceva tanti di questi panettoni da regalare ai suoi amici. Io l’ho fatto 2 anni fà e mi è venuto bene.”Patrizia

Ingredienti
10 uova
400 gr di zucchero
400 gr di burro
125 gr di uvetta ammollata e spruzzata di ruhm
60 gr di lievito di birra sciolto in un pò di latte.
900 gr circa di farina
2 fialette di vaniglia
1 pò di anice
1 pizzico di noce moscata grattugiata
1 bicchierino di ruhm
1 pizzico di sale fino
1 filo di miele

Preparazione
Sbattete 8 uova con zucchero e aromi, lievito, burro, farina e per ultimo uvetta. Amalgamate bene il tutto e lasciate lievitare fino una notte. La mattina seguente rimuovete l’impasto e aggiungete 1 uovo, impastate di nuovo e posizionate in uno stampo alto adatto per la cottura con carta da forno. Spennellate la superfice con 1 uovo battuto con zucchero, lasciare lievitare ancora 1 ora. Cuocere in forno caldo a 180° C per circa 1 ora.

Ricette di casa

Il panettone – Gabriele Bacciottini – Italiana Sommelier

Il panettone

Il Panettone è uno dei dolci più presenti sulle nostre tavole a Natale  insieme al torrone
il nome Panettone, che sà tanto di favola o di leggenda, quella che parla del “pane de Tony”.Tony, era un garzone di un Fornaio molto povero, che per rendere meno triste il suo Natale decise di farsi un pane, aggiungendo a caso degli ingredienti tipo miele e frutta.

Italiana Sommelier

Ricette perfette per le feste Natalizie:

Ricette perfette per le feste Natalizie:

Image.1479123716327Risotto Venere all’aragosta al profumo di zenzero lime e limone spuma di champagne e aneto con caviale e oro
Ingredienti
320 gr di Riso Venere Gallo
2 aragoste
5 gr di zenzero
la scorza di 1 lime
la scorza di 1 limone
100 ml di Champagne
5 gr di aneto
20 gr di caviale Black River
4 fogli di oro edibile 24 K
30 gr di cipolla
30 gr d i sedano
50 di porro
30 gr di carota
3 l di acqua
10 g di timo
10 g di alloro
20 ml di panna da cucina
30 gr di scalogno
30 g di cipolla d’inverno
50 gr di Parmigiano-Reggiano
80 gr di burro
20 ml di olio extravergine di oliva
50 gr di sale grosso
sale fi no
pepe

Preparazione
Per il brodo di aragosta:
In una pentola saltate in un fi lo di olio la cipolla, il sedano, 30 gr di porro e la carota, poi aggiungete le teste e i gusci delle aragoste, l’acqua, il timo, l’alloro e il sale grosso. Fate bollire per 30 minuti, poi passate al colino e fi ltrate.
Per la spuma di Champagne:
Versate in un sifone 50 ml di Champagne e la panna, aggiustando di sale fi no e pepe. Caricate con una cartuccia di gas.
Per il risotto:
Mettete il burro in una casseruola e fate appassire lo scalogno, il porro rimasto e la cipolla d’inverno, quindi unite il riso e l’aragosta sminuzzata. Deglassate con lo Champagne, fate evaporare l’alcol e cominciate la cottura con il brodo di aragosta bollente, versandolo poco alla volta fi no a coprire la superficie.
Quando il riso sarà al dente, regolate di sale. Aggiungete lo zenzero grattugiato, la scorza del lime e del limone, il burro, il formaggio e dell’olio, mantecando.
Per impiattare:
alla base sistemate il risotto, decoratelo tutto attorno con la spuma di Champagne, l’aneto, l’oro edibile e un cucchiaino di madreperla con il caviale. Completate con la coda dell’aragosta e servite.

Image.1479216494160Risotto al nero di seppia crema di peperoni dolci e baccalà

Ingredienti
Per il risotto:
280 gr di Riso Gran Riserva Gallo
1 cucchiaio di nero di seppia
1 scalogno tritato
1 l di brodo vegetale
1 bicchiere di vino bianco
60 gr di formaggio Parmigiano-Reggiano (18 mesi)
60 gr di burro
1 bicchierino di olio extravergine di oliva
germogli di erbe aromatiche
sale
pepe
Per il baccalà:
120 gr di baccalà dissalato
erbe aromatiche
Per la crema di peperone:
1 peperone rosso dolce
cipolla
alloro
1 cucchiaio di passata di pomodoro
sale
pepe
Preparazione
Per il baccalà:
Cuocete il trancio di baccalà per 15 minuti a vapore, aromatizzando con vari odori a piacere.
Per la crema di peperone:
In un tegame, stufate il peperone tagliato a pezzetti con un filo di olio, della cipolla, dell’alloro e la passata di pomodoro.
Aggiustate di sale e pepe, poi frullate.
Per il risotto:
Rosolate lo scalogno nel burro, aggiungete il riso e fatelo tostare leggermente, poi versate il vino e lasciate evaporare.
Unite il brodo poco alla volta, sempre mescolando. Proseguite la cottura per 8-9 minuti. Aggiungete il nero di seppia e cuocete per altri 4 minuti. Mantecate con il Parmigiano-Reggiano, il burro e l’olio. Regolate di sale e pepe.
Per impiattare:
Stendete il riso su un piatto piano, adagiatevi il baccalà ridotto in scaglie e la crema di peperoni. Guarnite con germogli di erbe aromatiche, se possibile.

Havas PR Milan

t    +39 02 85457009
w    havaspr.ithavaspr.it

Il tacchino ripieno

3tacchino1Sua maestà il tacchino

Il vero protagonista del giorno del Ringraziamento però non può che essere “sua maestà il tacchino”. Dopo aver affrontato ore di cottura nel forno è finalmente arrivato il momento di gustare il vero protagonista della cena, cotto intero e gustato insieme allo stuffing, ripieno di pane e castagne insaporito con frutti rossi: un’esplosione di sapori!
Il tacchino ripieno

Ingredienti
⦁ 1 tacchino di 4-5 kg
⦁ 250 gr di burro ammorbidito a temperatura ambiente
⦁ 1 cucchiaino di scorza di limone grattugiata
⦁ 1 cucchiaino di scorza di arancia grattugiata
⦁ 2 rametti interi di salvia, più altri per la decorazione
⦁ 1 arancia, tagliata in quattro spicchi
⦁ 1 cipolla rossa, sbucciata e tagliata in quattro spicchi
⦁ 3 cl di brodo di pollo o di tacchino
⦁ 3 cl di vino bianco

Gravy (salsa)
Ingredienti
⦁ 30 gr di burro
⦁ 1 litro di brodo di pollo o tacchino
⦁ 30 gr di farina

Preprazione
Scaldate il forno a 215°C. In un pentolino su fuoco basso, scaldate insieme il brodo, il vino e metà del burro.
In un’altra ciotola, mescolate insieme l’altra metà del burro con la scorza di limone e di arancia, sale e pepe a piacere.
A partire dal collo, separate la pelle dal petto e dalle zampe inserendo le dita con delicatezza tra carne e pelle in modo da non romperla. Spalmate il composto di burro sotto la pelle allentata. Quindi spalmate l’esterno e l’interno del tacchino con il composto di burro; salatelo e pepatelo.
Salate e pepate l’interno del tacchino. Se volete riempire il tacchino prima di cuocerlo, farcitelo ora con il ripieno (ricetta stuffing) ma non riempitelo troppo. Sistemate la salvia, le arance e le cipolle intorno al tacchino nella stessa teglia. Altrimenti (per ridurre i tempi di cottura) potete riempire il tacchino con i rametti di salvia, le arance e la cipolla e cuocere il ripieno di pane separatamente.
Chiudete la cavità con stecchini di legno. Legate le zampe con lo spago da cucina e ripiegate le ali sotto il tacchino. Mettete il tacchino nel forno preriscaldato per 20 minuti, poi bagnate (con pennello o cucchiaio) tutte le parti esposte del tacchino con la miscela di burro, brodo e vino. Abbassate la temperatura a 180°C. Ogni 30 minuti, bagnate il tacchino con la miscela di brodo. Se la pelle del tacchino dovesse dorarsi troppo, copritelo con un foglio di alluminio.
Dopo due ore di cottura, cominciate a prendere la temperatura del tacchino. Inserite un termometro per la carne nel punto più spesso della coscia (vicino all’osso, ma senza toccarlo). Dovrebbe segnare 70-75°C. Sono necessarie circa 3 ora di cottura totale, in base alle dimensioni del tacchino. Al termine della cottura togliete il tacchino dal forno, trasferite su un piatto di portata (tenete da parte la teglia con i succhi di cottura) e fate riposare a temperatura ambiente per 20-30 minuti.
Nel frattempo, preparate la salsa gravy:
Travasate con cura i succhi di cottura in una brocca capiente e fate riposare per 1-2 minuti, fino a quando i grassi si separano dai succhi. Eliminate il grasso dalla superficie e mettetelo da parte. Scaldate in una padella due cucchiai di burro con 1 cucchiaio del grasso di cottura e 30 g di farina. Mescolate continuamente per 5-6 minuti per ottenere una miscela dorata. Unite molto gradualmente i succhi di cottura sgrassati e portate all’ebollizione, mescolando con una frusta. Unite quindi il brodo poco alla volta, mescolando continuamente e cuocendo fino ad ottenere la consistenza desiderata, circa 10 minuti. Salate e pepate a piacere.

Struffing / il ripieno del tacchino con pane e castagne
Ingredienti Per 10 persone
⦁ 1 kg di pane bianco e nero tagliato a cubetti di 2 cm
⦁ 250 gr di castagne sbucciate e precotte (sottovuoto), tagliato in quarti
⦁ 200 gr cranberry essiccati
⦁ 90 gr di burro
⦁ 4 cipolle, tritate grossolanamente
⦁ 4 coste di sedano, tritate grossolanamente
⦁ 3 cucchiai di salvia fresca tritata finemente
⦁ 1,2 litri di brodo di pollo, di tacchino o vegetale
⦁ 1 cucchiaino di sale
⦁ 4 cucchiai di prezzemolo tritato
⦁ pepe nero

Preparazione
Distribuite i cubetti di pane in un unico strato su un paio di teglie e lasciateli seccare, durante la notte, senza coprirli. In alternativa, fateli seccare dentro il forno a 180° per 15-20 minuti.
Sciogliete il burro in una padella capiente a fuoco medio: unite le cipolle e il sedano; cuocete, mescolando per circa 10 minuti. Unite la salvia, poi un mestolo di brodo e cuocete per altri 5 minuti.
Trasferite il composto con la cipolla in una ciotola molto capiente. Mescolate con le castagne, i cranberry, il pane, il prezzemolo, sale e pepe. Versatevi il brodo rimasto e mescolate delicatamente. Usate la farcia per riempire il tacchino, poi mettete quella rimasta in una teglia imburrata. Coprite la teglia con un foglio d’alluminio e infornatela a 180°C per 25 minuti. Scoprite e cuocete ancora per mezz’ora circa, finché sarà ben dorato.

Credits:
Foto di Emile Henry www.emilehenry.com
Ricette di Laurel Evans www.unamericanaincucina.com

GRUPPO CAMPARI
Davide Campari-Milano S.p.A., con le sue controllate (‘Gruppo Campari’), è uno dei maggiori player a livello globale nel settore del beverage. E’ presente in oltre 190 paesi del mondo con posizioni di primo piano in Europa e nelle Americhe. Il Gruppo, fondato nel 1860, è il sesto per importanza nell’industria degli spirit di marca. Il portafoglio conta oltre 50 marchi e si estende dal core business degli spirit a wine e soft drink. I marchi riconosciuti a livello internazionale includono Aperol, Appleton Estate, Campari, SKYY e Wild Turkey. Con sede principale in Italia, a Sesto San Giovanni, Campari conta 16 impianti produttivi e 2 aziende vinicole in tutto il mondo, e una rete distributiva propria in 19 paesi. Il Gruppo impiega circa 4.000 persone. Le azioni della capogruppo Davide Campari-Milano S.p.A. (Reuters CPRI.MI – Bloomberg CPR IM) sono quotate al Mercato Telematico di Borsa Italiana dal 2001. Per maggiori informazioni: http://www.camparigroup.com/it.
Bevete responsabilmente

Gruppo Campari
Paola Paletti Tel +39 02 62251
Paola.Paletti@campari.com

Havas PR MIilan
Marianna Lovagnini – Tel 02 85457040
Marianna.Lovagnini@havaspr.com